Subscribe: animaconvista
http://animaconvista.blogspot.com/feeds/posts/default
Added By: Feedage Forager Feedage Grade B rated
Language: Italian
Tags:
aria  bianco  che  conosciuto  cose  devo  fiume  intorno    ogni  poi  quando  quel  scritta  senza  tempo  tiziano  tua  vita 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: animaconvista

animaconvista





Updated: 2014-10-05T02:38:45.363+02:00

 



la via

2008-12-09T06:06:24.342+01:00

(image)





15 anni fa

2008-12-09T06:06:24.535+01:00

Francia, regione alluvionata del Poitou.
La gente corre a mettere in salvo le proprie cose, ma per

intere piantagioni di viti allagate non ci sarà più nulla da fare.

(image)



goodbye

2008-12-09T06:06:24.663+01:00

(image)



SWANS

2008-12-09T06:06:25.145+01:00

Torna alla mente la memoria di creature antiche, affiorate
da un tempo lontano. Come risvegli da un guscio di neve...


(image)

Acqua e Aria. Forza e Delicatezza.
Sguardi tesi e silenziosi attraversano il cielo.

(image)

Poi un involo, distante. Battiti sincroni e potenti vibrati nell’aria
... inebriarsi di vento ad ali distese. Spettacolo senza peso.

(image)



sensi di colpa

2008-12-09T06:06:25.286+01:00

(image)



nebbie

2008-12-09T06:06:25.419+01:00

Quando la natura è senza steccati qualcuno costruisce un suo personale "punto di vista", e lo lascia lì. Per chi voglia guardare la nebbia volare via. Lentamente, in un'alba di febbraio.

(image)



quandodentroguardofuori

2008-12-09T06:06:25.536+01:00

(image)



lettera mai scritta a Tiziano

2007-07-29T16:06:46.708+02:00

Devo confessarti una cosa, di cui mi vergogno un pò ma in verità, profondamente, mi rammarico.

Ti ho conosciuto sulle pagine di un settimanale, di quelli che diciamo ti lasciano illudere sulla libertà di informazione, una breve colonna e una foto come quelle dei giornalisti sempre inviati in una qualche realtà altrove.
Un bianco e nero trasparente.
Come fosse di un fantasma che si insinua nei colori delle cose e del tempo, senza farsi notare.
Invisibile.
Nella rubrica "Se ne sono andati..." pochi giorni dopo la tua morte:

Tiziano Terzani.

Due piccole ante di carta, in un luogo qualsiasi della parola scritta, nascondevano un'altra vita possibile, un'esperienza di intensità profonda. Inimmaginabile.
Ma ti ho lasciato lì, su quel poverissimo addio di poche righe con una scheggia nel cuore.

Poi, un caso, ti vedo un giorno in tivvù, vestito di bianco seduto all'indiana tracciare un cerchio invisibile in aria, intorno a te, raccontando di un monaco zen.
E decido così di risalire su per la tua vita come si fa su un fiume inesplorato ma lento, guardandosi intorno, scrutando le sponde, con la certezza di correre rischi.

Leggerò tutto di te. Incontrerò luoghi che devo aver già visto e gente che certamente ho conosciuto, sentendone il brivido ogni volta addosso. L'anima di cose tue che ad ogni pagina si confondono con le mie. Inebriandomi. Disorientandomi.
Naufragandomi, fino a percepire la cosciente spaesatezza della clessidra che scorre.
Di un tempo che scade.

Vorrei arrivare alla sorgente... e quando accadrà, quel fiume lo discenderò.
Ancora. Per guardarlo all'inverso.

Non so come ringraziarti per avermi vissuto, fin qui.