Subscribe: Nazione Indiana
http://www.nazioneindiana.com/feed/
Added By: Feedage Forager Feedage Grade B rated
Language: Italian
Tags:
andrea  articlo pubblicato  articlo  che  dei  dove  indiana  nazione indiana  nazione  parte  pubblicato nazione  pubblicato  sono 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: Nazione Indiana

Nazione Indiana





Last Build Date: Mon, 25 Sep 2017 05:00:42 +0000

 



Post in translation: Thomas Bernhard

Mon, 25 Sep 2017 05:00:42 +0000

 

 

 

Da In hora mortis di Thomas Bernhard
traduzione di Luigi Reitani

 

 

 

 

*

Inquietudine è tra le erbe
le capanne sono colte da inquietudine
la campana mi percuote Signore
mio Dio
sono selvagge le colombe
inquieta anche la luna
e la sua falce che affonda nella mia carne
Signore anche la stella è inquieta
e l’orlo dei ruscelli
che non fuggono la neve
mio Dio anche l’albero e il pesce
sono colti da inquietudine.…

(image)

Post in translation: Thomas Bernhard è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.




Prove d’ascolto #12 – Andrea Leonessa

Sun, 24 Sep 2017 05:00:46 +0000

 

Informatica pastorale
L’arcade è una terra spontanea, procedurale
nel proporre le sue apparizioni, tanto dell’allevamento
di metastasi, nell’esordio delle morìe, quanto di busti
sollevati dal sangue, dal comando di spazializzazione
se archiviati nei fossati, sotto il sole che scorre a lato
dello scenario, sotto il voice-over a cura dei cadaveri
aldilà dello schermo, dove si stipa per tanto la storia
quel muscolo che si compie atrofizzandosi, accrescendo
soltanto il volume dei dispositivi, la diegetica dei sepolcri
il quanto di quel narrare sul buio del provideo, la prudenza
dell’essere per la morte in full-screen, centrati, distanti
dalle bande nere, dall’esitare dovuto alle panoramiche:
“L’albero della vita non fu mai […]” questo monito(r)
ci progetta ad eco, davanti a noi la contorsione
del riprodursi come vacche in preda all’arbitrio.…

(image)

Prove d’ascolto #12 – Andrea Leonessa è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.




Antonio Nazzaro: il Venezuela raccontato in piazza

Sat, 23 Sep 2017 05:00:15 +0000

di Alessandro Moscè

Antonio Nazzaro (1963) è giornalista, poeta, traduttore e mediatore culturale. Attualmente vive a Caracas dove è stato coordinatore didattico dell’Istituto Italiano di Cultura, assistente dell’attaché culturale in Venezuela e capo redattore de “La Voce d’Italia”. Nel suo Appunti dal Venezuela (Arcoiris 2017) emerge un paese decisamente in subbuglio, “una caserma militare dove parlano i proiettili e gli stivali”.…

(image)

Antonio Nazzaro: il Venezuela raccontato in piazza è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.




Abitare il mondo con stupore

Fri, 22 Sep 2017 05:18:33 +0000

di Francesca Matteoni

Ai bambini e alle bambine di Camerino e a Tullio. Con affetto e gratitudine.

 

Tentando di fermare su una mappa un’estate infinita e densa come lo era solo nell’infanzia, nominerò per primo il luogo, Camerino, immerso nelle colline dell’Italia profonda che scivolano l’una nell’altra con i girasoli, le stoppie, il bestiame e i borghi abbandonati, dove fra giugno e luglio un team multidisciplinare di cui ho fatto parte, composto da una psicologa, artisti e documentatori provenienti da Toscana, Umbria ed Emilia, ha abitato e lavorato al progetto artistico IO SONO QUI, coinvolgendo quattro gruppi di ragazzi fra i sei e i tredici anni.…

(image)

Abitare il mondo con stupore è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.




La casa al mare – Luca Lucchesi

Thu, 21 Sep 2017 12:00:46 +0000

La casa al mare

racconto inedito di Luca Lucchesi

 

Il mare è guasto. Ci risiamo. Ora di pranzo, sono sola, ho fame.

Gli schiamazzi arrivano dal ristorante. È chiuso. Un compleanno, dieci anni.

– Adesso tutti seduti! È arrivato il momento del karaoke!…

(image)

La casa al mare – Luca Lucchesi è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.




Per Inventario privato di Elio Pagliarani. Parte seconda

Wed, 20 Sep 2017 05:00:17 +0000

di Andrea Dionera

[Pubblico qui la seconda parte di un estratto della tesi di laurea di Andrea Donaera dedicata ad un libro di Elio Pagliarani, Inventario privato del 1959. La prima parte si può leggere qui. E’ un testo relativamente poco frequentato dalla critica e che merita maggiore attenzione.…

(image)

Per Inventario privato di Elio Pagliarani. Parte seconda è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.




come faccio senza te (2/3)

Tue, 19 Sep 2017 05:00:31 +0000

di Giacomo Sartori               come faccio senza senza la tua eleganza di pantera nera la tua grazia senza grazia poche cose così poche mi dan pace e piacere la prima sei tu perché privarmi proprio ora mica ho fatto niente di male (quasi niente) mica mica   appena m’avvisti sgambetti a strusciarti contro le mie gambe le mie gambe o più spesso più spesso ti butti per terra a pancia in su aspetti che ti gratti e ti carezzi sei tanto tanto contenta a me s’imballa tanto il cuore tanto                                 l’anno scorso eri tu che dovevi partire partire per sempre i tuoi padroni vendevano (causa separazione) mi schiattava il cuore al solo pensiero (non vederti più!) poi invece il piano terra non s’è venduto (chiedevano troppo stando a chi c’acchiappa) sei restata ora son io che parto parto per sempre mia moglie ha ha il bernoccolo il bernoccolo degli affari (non ci son solo solo le mire spirituali e l’estroso estro artistico co co)   appena m’avvisti ti butti per terra m’offri la pancia la pancia tiepida e maliziosetta ogni tanto mi mordi e mi graffi appena appena mi piace tanto tanto carezzarti proprio tanto                   adesso vado vado altrove via dai muri via dai ricordi (i muri dei ricordi) sai come s’intricano i rapporti d’amore l’amore prorompe poi si corrompe e rompe mica si capisce si capisce tutto mica tutto to to                   mia moglie migra verso il mare lei adora il sole e le onde n’ha bisogno l’ha sempre detto detto e ridetto (non l’ascolto mai e poi mai stando a lei) io ho la pelle la pelle tanto delicatina le mie abitudini la terapeuta resto in zona la vita è così certe volte unisce altre volte strappa via strappa via via via   anche nel nero nel nero più nero quando rientro quando rientro capisci al volo che son io io che rientro i tuoi occhi bucano il buio il buio più buio io invece appena t’intravedo nera nera come sei sei sei                                 chi l’avrebbe detto pensavo fosse per la vita la vita tutta tutta tutta (lo dicevo a chi chiedeva) e invece gli oggetti incrostati di ricordi s’immergono nei cartoni che van lontani o stan vicini (le strade dei cartoni si separano) o nei cassonetti (quanti ricordi cacciati come come viene viene nel verde verde dei cassonetti!) lei va verso il mare blu blu io resto tra le auto brum brum e i libri sopravvissuti (quanti libri quanti libri nel giallo giallo dei cassonetti della carta ta ta!)                   appena mi vedi rotoli sul cemento voluttuosa smaliziata aspetti che m’avvicini ti massaggi la pancia mi provochi ti piace da morire però se ci pensi (le gatte pensano pensano più più dei gatti?) la piega avrebbe avrebbe potuto potuto essere assai diversa avresti potuto farti carezzare restando in piedi guardando lontano ieratica inarrivabile come una sfinge una sfinge egi egi zia zia                                 certe sere invece te ne stai sulle tue manco ti lasci lasci avvicinare manco parlarne di sfiorarti ci son giorni così (che caratterino!) fai come come non non ci fossi non mi conoscessi ma poi passa poi passa non c’è da da preoccuparsi no no   un giorno resisto posso garantirlo e pure due mesi potrei scommetterci sono le distanze vuote come deserti (dove fermarsi dove rifocillarsi?) quando il futuro tremola infingardo ch’atterriscono e tolgono il respiro                … come faccio senza te (2/3) è un articlo pubblicato s[...]



Les nouveaux réalistes: Gabriele Drago

Mon, 18 Sep 2017 05:00:56 +0000

Evidences

di

Gabriele Drago

 

Siamo precipitati sulla calce, rotolando tra i ciottoli, nella polvere. Andrea modellava il mio viso con carezze lancinanti. Si allontanava per guardarmi, poi mi afferrava la mandibola e mi baciava. Anche io lo stringevo forte, ma nel furore gli ho preso la testa e glie l’ho sbattuta su una pietra per cinque o sei volte.…

(image)

Les nouveaux réalistes: Gabriele Drago è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.




Prove d’ascolto #11 – Andrea Inglese

Sun, 17 Sep 2017 05:00:17 +0000

Sono testi questi di non so bene cosa. Perfetti per “Prove d’ascolto”, quindi. Esperimenti. Ma con un’idea abbastanza chiara di fondo. Sono testi performativi, o installativi, nel senso preciso del termine, ossia possono divenire parte di un progetto d’installazione sonora. Lettura performativa e installazione sonora sono modalità che ho già combinato assieme, e che mi interessa combinare ancora.…(image)

Prove d’ascolto #11 – Andrea Inglese è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.




De crowdfunding “25 passi in file indiani“

Sat, 16 Sep 2017 12:00:51 +0000

In occasione del suo prossimo evento pubblico, la Festa annuale che quest’anno si svolgerà il 28-29 Ottobre nella sede della ⇨ Mediateca Montanari di FANO (Pesaro Urbino), Nazione Indiana promuove un’operazione di crowdfunding, legata sia a necessità tecniche, sia alla volontà di assicurare una gestione migliore delle sue iniziative.…

(image)

De crowdfunding 25 passi in file indiani è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.