Subscribe: Corato Antifascista
http://antifacorato.blogspot.com/feeds/posts/default
Added By: Feedage Forager Feedage Grade B rated
Language: Italian
Tags:
alla  antifascista  che  comitato corato  corato antifascista  corato  dei  della  delle  gli  italia  nel  piu  questi  sono 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: Corato Antifascista

Corato Antifascista





Updated: 2014-10-05T01:21:50.332-07:00

 



0 Commenti

2010-01-22T03:54:22.666-08:00

SE LA FAME SI NUTRISSE DI SOLE PAROLE. . .

UN VERTICE COSTOSO
"Il G8 costa più dell'intero bilancio che l'Italia dedica alla lotta alla povertà. Quattrocento milioni di euro contro i miseri 321,8 milioni stanziati quest'anno dal governo Italiano per lottare contro la morte per fame e miseria nel mondo."
Per berluscono sarà stato forse un successo(mediatico),ma per l'Africa, il nostro pianeta e le persone fatte in carne ed ossa che subiscono il peso della crisi,il G8 de L'Aquila è stato un clamoroso fallimento. Gli stanziamenti per l'Africa (passati da 25 a 15 per poi assestarsi a 20 miliardi di dollari) non sono altro che merce riciclata (e anche un po avariata) delle promesse fatte al G8 di Glenagles e,prima ancora, all'Assemblea del Millennio delle Nazioni Unite nel 2000. Non si sa questi soldi chi e come li raccoglierà e da dove verranno, ne coùme (se trovati) verranno spesi.
L'accordo sul clima è al di sotto delle aspettative delle Nazioni Unite e il loro segretario generale se ne è lamentato pubblicamente. Fissare tra 41 anni (nel 2050) l'obiettivo della riduzione dei gas serra è il modo più comodo per prendere tempo,salvo poi rivedere al ribasso gli obiettivi ora posti,via via che si dimostreranno irrealizzabili.
La conclamata lotta ai paradisi fiscali e agli inusitati profitti dei petrolieri è una pura petizione di principio.
E "people first" (prima le persone) è solo un vacuo slogan per nascondere l'assenza di misure vere per fronteggiare la crisi economica e finanziaria globale. Per nuove regole sul commercio si rinvia al vertice di Doha nel 2010.
E per i mercati l'enfasi è che continuino a rimanere "aperti", non sul fatto che si stabiliscano regole dure e stringenti per evitare il casinò finanziario,che ha dominato indisturbato in tutti questi anni.
Dei diritti del mercato si parla in lungo e in largo nelle dichiarazioni del G8,dei diritti del lavoro non c'è traccia. il G8 continua ad essere un club inutile (per il mondo) e anzi,spesso dannoso. Inefficace nel regolarele politiche globali ed ambientali sullo sviluppo ed egualmente inefficace nel regolare nel fare fronte comune per rispondere ad una crisi economica e finanziaria senza precedentinel secondo dopoguerra.
A secondo dei gorni e degli interessi,il summit si trasforma in G14 e poi in G20,ma nella sostanza non cambia nulla. Ipaesi emergenti rimangono0 alla finestra, ma soprattutto vengono tenuti fuori dalla porta gli altri 180 e passa paesi,sulla cui testa ricadono alcune decisioni prese dal G8.
Anche l'invito -nella dichiarazione finale- a seguire del "trattato di non proliferazione e l'impegno a creare le condizioni di un mondo senza armi nucleari" suona un po stano alle orecchie di chi aspira alla pace.
Ma mentre si lavora per creare le "condizioni" per un mondo senza armi nucleari, il G8 si dimentiva di dirci,che ogni anno si spendono oltre 1.200 miliardi di dollari per le armi(l'80% a carico dei paesi del G8) e basterebbe ridurre del 4% la spesa militare mondiale per avere a disposizione il doppio dei soldi stanziati per l'Africa.
Di soldi ne sono stati stanziati in questi anni. A PAROLE.
Infatti gli obiettivi del Millennio -per mancanza di risorse- sono nel frattempo falliti e Berlusconi di promessa in promessa è arrivato a ridurre del 56% i fondi per la cooperazione allo sviluppo, portando allo o,11% la percentuale del PIL destinata ai paesi poveri. Rivendicare il successo del G8 è un'ipocrisia assoluta di fronte a tante miglòiaia di persone che muoiono di fame e malattia nel continente africano -e ai milioni di lavoratori che perdono il posto di lavoro- alle quali si fanno continue promesse puntualmente disattese.



0 Commenti

2010-01-22T03:03:05.498-08:00

PRESIDIO DAVANTI AL C.I.E. DI BARI PALESE
CONTRO IL RAZZISMO ISTITUZIONALE

Il 2 luglio 2009,con 157 voti a favore,124 contrari e 3 astenuti, è stato approvato il PACCHETTO (IN)SICUREZZA.

L'instabilità economica e sociale dei nostri tempi favorisce ovunque l'ascesa di istanze securitarie e xenofobe che, il capitale utilizza come deterrente per nascondere le sue contraddizioni,creando un conflitto tra poveri.
Il "pacchetto sicurezza" istituzionalizza di fatto il razzismo, introducendo:
-il REATO DI CLANDESTINITA', che di fatto rende impossibile accedere a matrimonio,cure sanitarie,patente , casa,posti di lavoro e impedendo la registrazione all'anagrafe dei propri figli.
-DETENZIONE AMMINISTRATIVA ED ESPULSIONE
-DIRITTO D'ASILO NEGATO
-PERMESSO DI SOGGIONO A PUNTI
-INTRODUZIONE DELLE RONDE

E' evidente come tale provvedimento non risolva il problema dell'immigrazione clandestina in Italia, tutt'altro lo ingigantisce e lo affossa. L'immigrato,spogliato dei diritti fondamentali,diviene maggiomente ricattabile, sfruttabile e privo di qualsiasi tutela istituzionale. Diventando appetibile per il malaffare.

Conoscere i processi che ci hanno portato all'attuale crisi economica può essere di grande aiuto nell'individuazione del vero nemico,contro cui convogliare il malessere sociale. E così di fronte ad una legge che trasforma in tragedia la vita di un milione di persone,e dei loro figli, non c'è più sentimento di umanità e di compassione, ma di estraneità come se si trattassse di "non uomini",di oggetti. Gli immigrati irregolari da gruppo sociale si sono traformati in una categoria di ESCLUSI DALL'UMANITA'.

Noi antifascisti abbiamo il dovere di reagire con prontezza e razionalità. Antifascismo è innanzitutto resistenza attiva e nn passiva, è partecipazione; antifascismo è la forza delle idee democratiche.

Libertà,uguaglianza,solidarietà,tolleranza e pace,sono valori da salvaguardare per il futuro di tutti. Non è lecito lasciarli in balia di alcuni! Antifascismo è non avere paura ,è pretendere l'affermazione della verità, è riaffermare continuamentele ragioni della nostra moderna Carta Costituzionale,ancora una volta ignorata.

Per questo sabato 29 AGOSTO DALLE 17 ALLE 21 saremo davnti al C.I.E. di Bari Palese,in viale europa per un presidio di solidarietà ai migranti rinchiusi e per sottolineare la nostra contrarietà a questi processi politici.
Se anche tu ti riconosci in questi valori, PROTESTA CON NOI!!! SIAMO TUTTI CLANDESTINI!!!




LA FATICA DELLA MEMORIA

2009-01-27T07:32:59.114-08:00

oggi 27 gennaio ricorre il giorno della memoria delle vittime dello sterminio nazifascista e dell olocausto. sotrarre all oblio della storia una memoria cosi recente e cosi ingombrante una memoria inaccetabile, una lacerazione insopprimibile della nostra storia recente. ricordare all uomo che deve aver paura di se stesso,esorcismo democratico.
questa è una data fondamentale per la democrazia.testimonia un passato per illuminare il futuro e il presente per far si che la memoria sia un lavoro una pratica sociale costante che vive nei nostri comportamenti,nella nostra azione politica non un feticcio democratico .e cosi il 25 gennaio il pastore tedesco revoca la scomunica per i 4 vescovi lefebvriani tra cui il negazionista Williamson, mentre a Gaza Israele continua la sua campagna di sterminio,mentre la società va in frantumi sotto il peso di una crisi sociale devastante che atomizza gli individui li rende nemici mentre la politica non rappresenta piu nulla. cosa ci insegna la memoria?
il Talmud recita:
chi salva una vita,salva il mondo intero!



e intanto sempre nella nostra bella italia

2008-11-20T02:39:44.477-08:00

rimando ai link della repubblica
su alcuni dei piu recenti e gravi episodi di matrice
fascista e nazista. comincio a pensare che la gente
non solo tolleri ma asserisca.
l'italia è una repubblica fondata sull antifascismo
svegliamoci please e togliamo spazio politico a queste
merde.
http://www.repubblica.it/2008/11/sezioni/politica/nazisti-you-tube/nazisti-you-tube/nazisti-you-tube.html

http://www.repubblica.it/2008/11/sezioni/cronaca/palermo-bambola-sangue/palermo-bambola-sangue/palermo-bambola-sangue.html

questi i contenuti i metodi della loro azione politica.
violenza intimidazione terrore



sentenza diaz: la democrazia è in pericolo

2008-11-20T02:42:06.380-08:00

13/11/2008 sentenza diaz:assolti i firmatari del verbale
di perquisizione,condannati a 35.7 anni 13 componenti
del 7 nucleo mobile di roma di cui 32.6 condonati. 16 assolti


a 7 anni dalle nefandezze di genova giunge la sentenza su uno degli
episodi piu controversi del vertice tenutosi nel luglio del 2001 , e
dell intera storia repubblicana.
la notte del 21 luglio 2001 agenti del 7 nucleo mobile di roma
e altri reparti entrano nel complesso diaz-pascoli(sede operativa
de genoa social forum) massacrando i presenti addormentati data la tarda ora indiscriminatamente arrestando 93 persone ,poi rilasciate per assenza
di prove.come dimostrato le prove addotte la mattina seguente per il massacro
tra cui 2 molotov e diverse spranghe non erano state rinvenute nella scuola
ma nei 3 giorni precedenti.

sofisticazione delle prove, massacro ingiustificato di gente inerme e da giovedi
scorso vergognosa impunità . ce da chiedersi se viviamo ancora in uno stato di
diritto,se la democrazia è ancora tale.
questo è solo l'ultimo atto di una serie di processi scandalosi quali quello conclusosi
a luglio sulle fascisterie perpetaute su oltre 200 fermati nella caserma di bolzaneto.
i prigionieri totalmente inerti sono stati torturati minacciati derisi.le donne minacciate
di stupro gli uomini picchiati e costretti ad fare il saluto romano o ad abbaiare.
anche questo processo si concluso con 24 anni di condanna inflitti a44 agenti ,
tutti condonati. questa la nostra giustizia questi gli uomini delle istituzioni

povera italia stuprata da questi luridi fascisti



non tutti festeggiano il 4 novembre

2008-11-10T08:00:34.745-08:00

il comitato corato antifa nel piu incondizionato rispetto
dei morti italiani e non della prima guerra mondiale
propone uno spunto di riflessione su questa data e
sul senso della sua commemorazione

in primo luogo denuncia l'esaltazione del militarismo
e di un paradigma autoritarista
che le politiche di questo governo stanno perseguendo

denuncia la cocente contraddizione di un governo che
esalta l'unità d'italia pur essendo composto in gran parte
da un partito dichiaratamente contrario all "italia unita"
che il 4 novembre festeggia
(image)
infine invita tutti a riflettere sul profilo della vittoria italiana
in una guerra sanguinosissima che non porto all italia
le annessioni territoriali previste dal trattato di londra
e lascio il paese in ginocchio.



Atto vandalico alla sede di Rifondazione Comunista

2008-11-09T02:54:27.018-08:00

(image) Il Comitato Corato Antifascista esprime solidarietà agli iscritti e simpatizzanti della sezione del Partito della Rifondazione Comunista - "A. Gramsci" Corato, dopo il vile atto vandalico messo in atto dai "soliti noti" neofascisti coratini.
E' infatti comparsa sulla serranda della sezione del partito la scritta "Meglio morti che rossi", firmata con la solita croce celtica.

Non è la prima volta che la sezione di Rifondazione di Corato subisce danneggiamenti da questi gruppi di neofascisti: si ricordano infatti il furto di uno striscione elettorale, la distruzione di una vetrina ed altre scritte sui muri esterni del locale.

Per quanto tempo ancora questi fascistelli buontemponi andranno in giro per la città ad attuare queste poco eroiche gesta?
Noi crediamo ancora per poco...






Fascisti di merda

2008-11-09T02:44:29.978-08:00

Stamane a roma in piazza navona un gruppo di ragazzi del blocco studentesco(organizzazione di estrema destra operante su tutto il territorio) nel tentativo di portarsi alla testa del corteo di protesta contro il ddl gelmini e la legge 133 ha caricato i manifestanti indiscriminatamente .
protetti da caschi e armati di cinghie e bastoni hanno caricato i manifestanti in maniera vile colpendo coloro che rimanevano isolati dal gruppo pestandolo a sangue
7 feriti di cui uno grave.

merde siete delle merde

vigliacchi



L'Italia s'è dest(r)a

2008-11-09T02:43:52.799-08:00

il decreto gelmini è legge

l'azione legislativa del governo procede spedita e indisturbata a colpi di decreti legge. il decisionismo berlusconiano miete consensi e al di la dei fini dei mezzi delle pratiche messe in atto
questo a quanto pare piace.
questo assenso figlio del delirio collettivo di un italia vessata da una crisi sociale enorme, strutturalmente debole,vecchia,abitata da clientele ineluttabili da sprechi ingiustizie di ogni sorta
delirante ammirazione per il piu potente il piu ricco anche se piu immorale politico dell intera storia repubblicana, sembra totalmente irriflesso.
l'argomento preferito di questo governo è la paura.
l'emergenza quella vera:la crisi sociale di una societa dal bassissimo potere d'acquisto,in cui sono cadute le protezioni sociali classiche e ancora incapace di rilanciare un idea di sviluppo compatibile, ( sopravvivente) al mercato è stata abilmente dribblata speculando su un altro tipo di paura:l'insicurezza civile.
ed ecco allora i proclami per la militarizzazzione delle nostre citta per aver finalmento scovato(istituito) il nemico.
la sicurezza regna sovrana in un moltiplicarsi aberrante di violenze razziste mentre dall alto sempre piu frequentemente si parla degli eroi di salò e del riconoscimento che noi gli dovremmo
mentre la chiesa ringhia agli infedeli e nasconde i pedofili mentre nelle nostre strade migliaia di studenti chiedono un futuro,stigmatizzati dal governo.

l'italia s'è desta

e intanto la scuola pagherà!

pagherà forse l'ici tolto ai ricchi o forse pagherà la truffa/svendita di alitalia a qualche amico,
forse pagherà la televisione commerciale che illegalmente ancora trasmette su frequenze destinate da sentenza del 99 ad un altra televisione e che stiamo pagando 300.000 euro al giorno,forse pagherà questa crisi colossale vittima di un fantacapitalismo sregolato senza piu rapporti con la produzione e con finalità ad esso estrinseche.

questo il mercato che dovrebbe insediarsi nelle nostre università che dovrebbe orientare i profili della didattica della ricerca che dovrebbe riabilitare la qualità della didattica universitaria e riportare l'universita italiana ad alti livelli nel mondo. un modello contrattuale in cui accede ai saperi chi piu ha e non chi piu lo merita in cui le risorse del servizio pubblico sono paurosamente tagliate un modello che stigmatizza la cultura asservendolaaibilancie ai profili di chidirige l'azienda università.

una scuola che taglia sul futuro sulla ricerca e che divienecosi esposta alla colonizzazione del privato dello speculatore(magari qualche amico),una scuola che crede di recuperareautorità con misure autoritariste.
dobbiamo combattere con tutte le nostre forze questa violenza sul nostro futuro



Corato: Liceo "Oriani" Occupato

2008-10-21T16:11:11.574-07:00

Il Comitato Corato Antifascista esprime vicinanza agli studenti del Liceo Classico "Oriani" che da martedì 21 ottobre hanno occupato l'edificio scolastico in segno di protesta nei confronti della pessima riforma scolastica del ministro Gelmini.
Questa manifestazione di protesta avvenuta a Corato si aggiunge a tutte le altre astensioni, manifestazioni ed occupazioni che si stanno susseguendo in tutta Italia.
Auspichiamo che anche gli altri istituti della città si mobilitino per urlare a gran voce contro l'ingiusta riforma disegnata dalla Gelmini che colpirà e affonderà la scuola da tutti i punti di vista: dalla scuola elementare alle università, penalizzando studenti, professori e personale ATA.

L'Antifascismo e l'Antirazzismo sono valori che devono essere coltivati fin dall'infanzia, e il pericoloso abbassamento del livello culturale che deriverebbe da una disastrosa riforma come quella presentata dalla Gelmini non potrà che plasmare generazioni di cittadini ignoranti e culturalmente penalizzati.



11 settembre, Los Fastidios a Molfetta

2008-09-10T12:37:16.225-07:00

(image)
Giovedì 11 settembre a Molfetta, in occasione del festival Aritmia Mediterranea, saliranno sul palco per la loro unica tappa pugliese i Los Fastidios, gruppo
ska-punk oi! della scena antifascista veronese, vicini al movimento skinhead degli SHARP.
Appuntamento alle ore 20 presso il palazzetto dello sport di via Giovinazzo, ingresso libero.



Taranto: presidio per Carlo Giuliani

2008-07-20T19:33:23.763-07:00

(image)



Proiezione di "Nazirock" a Corato

2008-07-12T02:07:25.838-07:00

Il comitato Corato Antifascista invita la cittadinanza alla proiezione di “Nazirock – Come sdoganare la svastica e i saluti romani”, film-documentario di Claudio Lazzaro, che nonostante l’esclusione dal circuito cinematografico ha fatto parlare molto di sé per i suoi contenuti scomodi e pungenti. L’evento si terrà presso la Biblioteca Comunale alle ore 19:30, e sarà introdotto da Italo Di Sabato (Responsabile nazionale osservatorio sulla repressione).
Ciò che si propone è un viaggio all’interno dell’estrema destra italiana, con la sua musica, i suoi capi, i suoi rituali, i suoi simboli; la descrizione di un mondo chiuso, xenofobo, e spesso sconosciuto e coperto dalle istituzioni. Un’ottima occasione per vedere e capire cos’è questa nuova destra estrema, cosa accade nei così detti “campi”, per conoscere gli ormai tristemente celebri gruppi musicali che infarciscono di contenuti neofascisti i loro testi, propagandando un’ideologia che ha già recato fin troppi danni in passato.

Da qui la provocazione che lancia l’autore del film: “Possibile che la storia non riesca a insegnare nulla?”(image)



La violenza fascista non conosce vergogna

2008-06-07T05:49:23.935-07:00

Nei giorni dal 31 maggio al 2 giugno, si è svolto nelle campagne coratine un ritrovo nazifascista. Si stima che per l’occasione si siano riunite oltre cento persone.
La 3 giorni si è svolta per fortuna senza violenze nonostante l’apologia del fascismo e del nazismo, seppur consumato su un suolo privato che costituisce di per sé un reato sancito dalla Costituzione.

La sera del 3/6/2008, a manifestazione terminata, un gruppo di estremisti di destra ha individuato un volantino anonimo che si limitava a ricordare l’incostituzionalità del raduno neofascista. Il ritrovamento ha fatto scattare la reazione del gruppo che si è rivolto contro una ragazza con insulti e sputi, probabilmente ritenendola autrice del volantino. In difesa della ragazza è intervenuto un ragazzo che il gruppo di vili fascisti ha affrontato armati di moschettoni (ad uso di cazzottiera) col chiaro intento di ledere gravemente il giovane.
Questa è la prassi ufficiosa utilizzata da nuclei della destra più estrema.

Il comitato Corato Antifascista condanna radicalmente qualsiasi forma di apologia del fascismo e del nazismo, interpretando così lo spirito dimenticato della nostra Costituzione. Ritiene queste formazioni nocive per la sicurezza pubblica, e condanna le pratiche violente, razziste e xenofobe che i fascisti perseguono ancora.


VERGOGNA!



Comitato Corato Antifascista

2008-06-04T06:00:37.254-07:00

Il clima politico che si vive in questo periodo, caratterizzato da un avvertito buonismo tra le opposte fazioni partitiche di maggioranza ed opposizione, nasconde un'ombra che si fa sempre più densa, e che occupa purtroppo sempre più spesso le pagine dei quotidiani italiani, e non solo. Ci riferiamo alla dilagante mentalità di stampo neo-fascista che è la diretta conseguenza della deriva politica e culturale che vede nel "diverso" la fonte dei problemi della nostra società.
L'incessante aumento di provocazioni e violenze di matrice neo-fascista sono spesso obliate dalla stampa o camuffate da atti di bullismo , tralasciando l'essenza ideologica di tali azioni.
La fine (per mezzo della Resistenza) della disastrosa esperienza del totalitarismo fascista e della partecipazione alla guerra mondiale, ha portato alla nascita di uno Stato che per Costituzione si dichiara Antifascista, e l'antifascismo è un valore da tutelare e difendere, trattandosi del seme che ha portato alla nascista di un'Italia libera e democratica.
Per evitare che questo venga messo in discussione, nasce il comitato Corato Antifascista, che si pone l'obiettivo di rispolverare la cultura del contrasto al fascismo, al razzismo e alla violenza politica, ribadendo con forza che Corato è Antifascista.

Per informazioni sul comitato e per partecipare alle iniziative: antifa-corato@hotmail.it
http://antifacorato.blogspot.com (sito in costruzione)

Corato Antifa