Subscribe: HTML.it - Novità quotidiane (20 Gennaio 2010)
http://feeds.feedburner.com/htmlit_alldaily
Added By: Feedage Forager Feedage Grade B rated
Language: Italian
Tags:
airwatch  che  click ingrandire  click  css  custom css  custom  dei dispositivi  dei  figura  gestione sicurezza  guida  leggi 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: HTML.it - Novità quotidiane (20 Gennaio 2010)

HTML.it



HTML.it



Updated: 2017-05-25T09:00:29Z

 



Mostrare report di SSRS in ASP.NET MVC

2017-04-17T11:06:15Z

Come mostrare report di Reporting Services in un'applicazione ASP.NET MVC.

Leggi Mostrare report di SSRS in ASP.NET MVC

Leggi Mostrare report di SSRS in ASP.NET MVC

(image)



Guida Gravit

2016-09-06T17:05:14Z

Gravit è una suite di design, basata sulla grafica vettoriale, completamente browser based e accessibile direttamente online, in modo gratuito.

Leggi Guida Gravit

Leggi Guida Gravit

(image)



Guida Xamarin

2016-09-28T13:31:48Z

Guida alla creazione di app mobile utilizzando il framework di programmazione di Xamarin, che permette di realizzare facilmente soluzioni multipiattaforma.

Leggi Guida Xamarin

Leggi Guida Xamarin

(image)



Simple Custom CSS

2017-05-21T07:16:09Z

Simple Custom CSS è un plugin per WordPress che permette di aggiungere alle pagine dei siti fogli di stile personalizzati, che vanno a sovrascrivere gli stili predefiniti del tema corrente. Caratteristiche tecniche Simple Custom CSS dispone di un Syntax Highlighter che fornisce una più chiara visione del codice inserito. Il plugin è sviluppato secondo gli […]

Leggi Simple Custom CSS

Simple Custom CSS è un plugin per WordPress che permette di aggiungere alle pagine dei siti fogli di stile personalizzati, che vanno a sovrascrivere gli stili predefiniti del tema corrente.

(image)

Caratteristiche tecniche

Simple Custom CSS dispone di un Syntax Highlighter che fornisce una più chiara visione del codice inserito. Il plugin è sviluppato secondo gli standard grafici di WordPress UI e non richiede alcuna configurazione. Tutto quello che deve fare l’amministratore del sito è accedere alla pagina di amministrazione Aspetto -> Custom CSS e inserire il proprio codice CSS.

(image)

Simple Custom CSS è sviluppato con attenzione anche all’aspetto della performance: lo sviluppatore, infatti, dichiara un minimo impatto sulle prestazioni del sito e l’assenza di complesse query sul database. É compatibile con WordPress Multisite.

Il plugin vanta oltre 300k istallazioni attive, con una valutazione media di 5 punti su 5.

(image)

Prezzi e condizioni d’uso

Simple Custom CSS è disponibile gratuitamente nella Directory dei Plugin di WordPress

Leggi Simple Custom CSS

(image)



Smooth Scroll

2017-05-21T06:53:27Z

Una libreria JavaScript che consente di effettuare lo scrolling all'interno di una pagina web, con un effetto di animazione progressivo e molto meno "brusco" rispetto al comportamento di default.

Leggi Smooth Scroll

Leggi Smooth Scroll

(image)



WooCommerce, guida all’e-commerce con WordPress

2016-07-19T14:36:09Z

Guida completa all'e-commerce con WooCommerce, il plugin di WordPress che consente di creare negozi per il commercio elettronico e vendere online.

Leggi WooCommerce, guida all’e-commerce con WordPress

Leggi WooCommerce, guida all’e-commerce con WordPress

(image)



Aggregatore di notizie

2017-05-22T19:10:26Z

YiiFeed. È un aggregatore di notizie pre moderato. Significa che, una volta impostati i feed che vogliamo seguire lo script ci propone le notizie e noi dobbiamo valutare se pubblicarle o no. Di semplice installazione e utilizzo.

Leggi Aggregatore di notizie

Leggi Aggregatore di notizie

(image)



Gestione e Sicurezza dei dispositivi Mobile

2017-05-09T12:25:08Z

Panoramica delle funzionalità supportate dagli strumenti di Mobile Device Management (MDM), che consentono la gestione in sicurezza dei dispositivi mobili.

Leggi Gestione e Sicurezza dei dispositivi Mobile

Leggi Gestione e Sicurezza dei dispositivi Mobile

(image)



AirWatch: Gestione e Sicurezza dei dispositivi Mobile

2017-05-23T10:46:33Z

In questo articolo andremo ad approfondire la soluzione VMware AirWatch, che negli anni è passata da prodotto indipendente a parte del portfolio VMware. L’indubbio vantaggio immediato è che questa soluzione si è sempre più integrata con il mondo VMware, della virtualizzazione e di tutte le sue sfaccettature, ed è considerata da Gartner una delle migliori […] Leggi AirWatch: Gestione e Sicurezza dei dispositivi Mobile In questo articolo andremo ad approfondire la soluzione VMware AirWatch, che negli anni è passata da prodotto indipendente a parte del portfolio VMware. L’indubbio vantaggio immediato è che questa soluzione si è sempre più integrata con il mondo VMware, della virtualizzazione e di tutte le sue sfaccettature, ed è considerata da Gartner una delle migliori soluzioni in questo ambito. AirWatch è ormai un software solido, integrabile con moltissime applicazioni e sistemi di terze parti e, nell’utilizzo quotidiano, molto efficace in termini di console amministrativa centralizzata. Dalla console possono infatti essere configurate tutte le funzioni descritte precedentemente e costantemente monitorati tutti i dispositivi, entrando eventualmente nel dettaglio di ognuno di essi. Figura 1. Pannello di amministrazione di AirWatch (click per ingrandire) AirWatch Agent Oltre all’interfaccia di gestione, AirWatch è particolarmente apprezzata anche per la sua app mobile, poiché alla fine l’impatto maggiore di una soluzione MDM è quello lato utente. L’app è disponibile per tutti i principali sistemi operativi mobile, tra cui Android che utilizzeremo in questo articolo. Figura 2. AirWatch Agent Google Store (click per ingrandire) Una volta scaricato l’AirWatch Agent dall’app store di riferimento, e installato sul dispositivo, il primo step necessario è quello di autenticazione. È possibile selezionare tra differenti metodi, tra cui l’accesso tramite user name e password, email o QR Code. Figura 3. Metodi di autenticazione (click per ingrandire) Figura 4. Schermata di benvenuto (click per ingrandire) A valle dell’autenticazione, l’app mostrerà tutti i permessi che l’utente dovrà accettare per consentire la gestione tramite soluzioni MDM. La lista è molto corposa e comprende la possibilità di cancellare tutti i dati, anche senza warning, cambiare le modalità di blocco dello schermo, definire regole delle password, gestire la cifratura, gestire il Wi-Fi, configurare il client di posta e definire altre restrizioni, come mostrato in figura. Figura 5. Permessi di AirWatch Agent – Parte 1 (click per ingrandire) Figura 6. Permessi di AirWatch Agent – Parte 2 (click per ingrandire) Figura 7. Permessi di AirWatch Agent – Parte 3 (click per ingrandire) Una volta eseguiti questi step, l’app sarà effettivamente pronta all’uso e potrà iniziare il processo di prima configurazione e utilizzo. Figura 8. Schermata di App installata (Agent) (click per ingrandire) Figura 9. Schermata di App installata (Sistema Operativo) (click per ingrandire) Nella maggior parte dei casi, la prima configurazione è costituita dalla cifratura del dispositivo, che rappresenta uno dei meccanismi di sicurezza più efficaci. Il processo può essere molto lungo, anche in relazione alla dimensione della memoria interna del dispositivo e della scheda SD, se prevista. La stessa app suggerisce, nel caso in cui il telefono non fosse sufficientemente carico, di collegarlo alla presa di corrente e comunque di effettuare una ricarica almeno all’80% della capacità complessiva. L’ultimo step, prima del processo di cifratura vero e proprio, è quello di scegliere se crittografare tutto lo spazio di memoria o solamente quello effettivamente utilizzato dai dati. Infine, l’utente dovrà inserire i[...]



CRUD con ASP.NET Core e Angular 2

2017-04-17T11:01:53Z

Come effettuare operazioni CRUD su database con ASP.NET Core e Angular 2.

Leggi CRUD con ASP.NET Core e Angular 2

Leggi CRUD con ASP.NET Core e Angular 2

(image)