Subscribe: Silenziosa-MENTE
http://silenziosa-mente.blogspot.com/rss.xml
Added By: Feedage Forager Feedage Grade B rated
Language: Italian
Tags:
anche  che  dell  della  delle  invece  legge  loro  mistero  noi  parola  quello che  questa  questo  silenzio  sono  uomo  vescovi 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: Silenziosa-MENTE

Silenziosa-MENTE



Il Grido (di) AdAltaVoce



Last Build Date: Sun, 05 Oct 2014 02:22:10 +0000

 




Wed, 18 Apr 2007 13:47:00 +0000

(image)




DICO (D)IO

Thu, 29 Mar 2007 16:06:00 +0000

I cristiani sono tenuti ad obbedire al «magistero della Chiesa» e pertanto un fedele «non può appellarsi al principio del pluralismo e dell'autonomia dei laici in politica, favorendo soluzioni che compromettano o che attenuino la salvaguardia delle esigenze etiche fondamentali per il bene comune della società ». Lo affermano i vescovi italiani nella Nota diffusa a proposito dei Dico, le nuove norme per la regolamentazione delle unioni civili contenute del disegno di legge dei ministri Bindi e Pollastrini.

«UN UOMO E UNA DONNA» - «Non abbiamo interessi politici da affermare - dicono ancora i vescovi -; solo sentiamo il dovere di dare il nostro contributo al bene comune, sollecitati oltretutto dalle richieste di tanti cittadini che si rivolgono a noi». «Siamo convinti, insieme con moltissimi altri, anche non credenti - si legge poi nella Nota di tre pagine - del valore rappresentato dalla famiglia per la crescita delle persone e della società intera. Ogni persona, prima di altre esperienze, è figlio, e ogni figlio proviene da una coppia formata da un uomo e una donna».

«IL NO E' DOVERE MORALE» - Il Consiglio permanente della Cei ricorda un pronunciamento della Congregazione della dottrina della fede del 2003 per ribadire nel caso del disegno di legge sulle coppie di fatto l’appello ai politici cattolici a «votare contro» un progetto di legge «favorevole al riconoscimento legale delle unioni omosessuali». «Ricordiamo - è scritto ancora nella nota - l’affermazione precisa della Congregazione per la Dottrina della Fede, secondo cui, nel caso di un progetto di legge favorevole al riconoscimento legale delle unioni omosessuali, il parlamentare cattolico ha il dovere morale di esprimere chiaramente e pubblicamente il suo disaccordo e votare contro il progetto di legge».

I vescovi italiani hanno dato una risposta «tecnica» e «pastorale» al quesito se «un legislatore cristiano può votarli». Ma «non vogliono fare pressioni indebite su di loro». Vogliono invece difendere il matrimonio e i «semplici» «da vere e proprie lobby, a cominciare da quella legata al mondo dell'omosessualità». Lo afferma mons. Giuseppe Anfossi, presidente della commissione Cei.

La risposta «tecnica», spiega mons. Anfossi ai microfoni di Radio vaticana, è che «il legislatore che si sente parte della Chiesa non può» votare i Dico. Circa la pastoralità, ritiene che i vescovi si siano «preoccupati di parlare alle persone con stile evangelico» e che comunque non è loro interesse «fare pressioni indebite», piuttosto lavorare «per illuminare le coscienze». Il «pericolo» maggiore visto dai presuli è che «si faccia cadere quasi un asse portante della nostra cultura cristiana, cioè di non considerare il matrimonio nella sua ricaduta sociale». I vescovi invece vogliono che il matrimonio «conservi una carica ideale, anche un po' romantica».

La Cei, spiega mons. Anfossi, ha deciso questo intervento anche perché ha «ricevuto molti solleciti da molte persone che non sono in vista e che vivono quotidianamente la loro vita: loro si aspettavano che parlassimo chiaro». Questa per il vescovo «è anche indirettamente una difesa dei semplici: si tratta di difenderli da pressioni ideologiche, da lobby vere e proprie, a cominciare da quella che è legata al mondo dell'omosessualità. Al limite - aggiunge - noi rispondiamo che il nostro modo di intervenire difende una parte di popolazione da ingerenze che sono altrettanto violente e non democratiche»

Dal Corsera

Leggi il documento integrale-Nota CEI



La fine del Silenz-IO

Wed, 28 Mar 2007 21:01:00 +0000

non c'era modo migliore per ricominciare ...ascoltate Claudia



Con-NESSO..di nuovo

Mon, 15 Jan 2007 18:27:00 +0000

Non c'è un nesso
tra quantità di parole
e profondità di messaggio

Pioggia Blu



Buone Feste

Sat, 23 Dec 2006 18:33:00 +0000

(image)



Ciò che mortifica la parola

Tue, 12 Dec 2006 14:34:00 +0000

Nei Vangeli non c'è posto per il conversare interlocutorio. Il linguaggio di Gesù è assoluto come quello che contiene la verità e non deve cercarla. Il silenzio esalta la parola; infatti quello che oggi mortifica la parola è la mancanza di silenzio. Noi sappiamo che questa è la malattia del nostro tempo: tutti gli strumenti che noi stessi ci siamo creati ci invitano a rifiutare la dimensione così profonda del silenzio. Ci manca questo silenzio e allora noi possiamo anche percepire con una certa vertigine la presenza del silenzio tra le parole che Cristo dice. Questo è splendido, questa potenza del silenzio che vuole quasi garantirci che c'è un ineffabile, qualcosa che non può essere pattuito con l'economia delle parole umane. C'è qualcosa che non è alla portata della parola degli uomini, non riducibile alla loro parola. Questo equivale a dire che c'è un mistero; ed è un mistero che non si nasconde, ma anzi si illumina come tale, si comunica come tale. Il mistero è un vocabolo che noi usiamo e di cui abusiamo e abbiamo troppo abusato, perché in fondo è anche comodo; quello che non è intelligibile noi lo chiamiamo mistero. Ma mistero è una forma, invece, di conoscenza. C'è una conoscenza per mistero come c'è una conoscenza per idee e anche per formule, se volete. Nei Vangeli, mi sembra, la presenza del mistero non solo aleggia, ma è proprio palpabile, sensibile. Non come un divieto a conoscere, ma anzi come un'offerta di conoscenza."
da: "La Porta nel Cielo -Conversazioni sul Cristianesimo" di
Mario Luzi
p.s.
Suggerito da Antonio



Le vie conosciute di comunicazione

Mon, 04 Dec 2006 22:48:00 +0000

Il fenomeno dell’induzione del pensiero è molto vicino alla telepatia...Esso dà per certo che processi psichici in una persona...possano trasmettersi attraverso lo spazio libero a un’altra persona, senza valersi delle vie conosciute di comunicazione fondate su parole e su segni

Sigmund Freud, “Sogno e occultismo” in “Introduzione alla psicoanalisi”, 1932, in Opere, B.Boringhieri, Torino 1989, vol.IX, p.153



Il silenzio resta

Mon, 20 Nov 2006 16:34:00 +0000

La lingua diventa e passa.
Il silenzio resta.
Non esiste il silenzio : è infinitamente ciò che è.
Il germe del silenzio dell'uomo contiene e il cielo e la terra...
Penetra il silenzio nell'uomo solo se l'uomo nel silenzio si lascia aspirare.
Il silenzio è fecondazione ed apertura, orchidea dell'anima.
Il mutismo è sterilità e chiusura, albero secco, càlamo spezzato.
(M. Camus-Trad. Paola Musarra)



Close To Silence

Wed, 08 Nov 2006 14:41:00 +0000

(image) Close To Silence

Dedicato a tutti coloro che ascoltano Silenziosa-MENTE



TORNATO DAL SILENZIO

Tue, 07 Nov 2006 16:40:00 +0000

Questa volta rompo un silenzio voluto, causato da molteplici fattori...un silenzio che è l'opposto di quello che questo blog cerca di trattare. Torno da quel silenzio che non dice nulla, non lascia traccia, non si fa sentire volutamente... Torno con Gibran e un passo a cui sono molto legato

La realtà dell'altro non è in cio' che ti rivela,
ma in quel che non puo' rivelarti.
Percio', se vuoi capirlo, non ascoltare le parole che dice,
ma quelle che non dice.





IN-Citazione

Thu, 19 Oct 2006 16:21:00 +0000

Su ciò di cui non si può parlare è bene tacere
Ludwig Wittgenstein



Presta Orecchio....

Fri, 13 Oct 2006 17:24:00 +0000

Presta a tutti il tuo orecchio, a pochi la tua voce
William Shakespeare




Zefirina segnala...

Fri, 06 Oct 2006 18:37:00 +0000

Per tutti coloro che sono a Roma e non solo

Il silenzio a colori: i quadri di Antonioni



Parto Gemellare

Wed, 04 Oct 2006 14:03:00 +0000

(image)
"Urlo e Silenzio sono nati nello stesso momento come gemelli dello stesso parto. L'urlo si spaventò fin dal principio mentre il silenzio prefirì ascoltare. E in virtù di questa loro differenza si resero necessari entrambi"




...e la Gallina

Mon, 02 Oct 2006 20:02:00 +0000

E' nato prima l'Uovo o la Gallina? si chiedono alcuni Io invece mi chiedo E' nato prima l'Urlo o il Silenzio?



L'Uovo....

Wed, 27 Sep 2006 20:35:00 +0000

Le anatre depongono le loro uova in silenzio. Le galline invece starnazzano come impazzite. Qual è la conseguenza? Tutto il mondo mangia uova di gallina.



Il Silenzio di Sophia

Fri, 22 Sep 2006 18:16:00 +0000




Facc-IO silenz-IO anch'IO

Tue, 19 Sep 2006 16:52:00 +0000

Grazie a Topozozo



The Visual Dictionary

Tue, 19 Sep 2006 00:17:00 +0000




First Lesson

Tue, 12 Sep 2006 20:26:00 +0000




La Forma e il Silenz-IO

Fri, 08 Sep 2006 19:36:00 +0000

“Nel silenz-IO le cose prendono forma”.
K. Gibran



Il Gusto di Frank

Tue, 05 Sep 2006 19:33:00 +0000

Il desiderio di silenzio è rara-MENTE un gusto acquisito
Emily Dickinson



....cavalcando le onde dello Stillehavet....

Thu, 31 Aug 2006 18:36:00 +0000

(image) ...ovvero il suono delle parole. Grazie a Pioggia blu-Artemisia scopriamo questo splendido vocabolo della lingua Norvegese...che viene usato per indicare l'Oceano Pacifico ma che tradotto letteral-MENTE sussurra "mare silenzioso".....



Veleggiare in Silenzio...

Tue, 29 Aug 2006 21:43:00 +0000

(image) Ma navigare con il Silenzio ?



Un Momento di Equilibrio

Tue, 22 Aug 2006 17:05:00 +0000

(image)

Colleen Corradi Brannigan

Il silenzio è un momento di equilibrio nell'architettura di una comunità umana. È il momento della riflessione, del pensiero, dell'ascolto.

Paolo Mauri