Subscribe: Commenti a: Alla ricerca della spada nella roccia (il nuovo podcast)
http://www.massimopolidoro.com/blog/alla-ricerca-della-spada-nella-roccia-il-nuovo-podcast.html/feed
Added By: Feedage Forager Feedage Grade B rated
Language: Italian
Tags:
anche  castel  che  ciò  dei  della  fare  nella roccia  nella  più  poter  ricerca  roccia  sia  spada  templari dei  templari  tutto ciò 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: Commenti a: Alla ricerca della spada nella roccia (il nuovo podcast)

Commenti a: Alla ricerca della spada nella roccia (il nuovo podcast)



Sito ufficiale dello scrittore ed "esploratore dell'insolito" Massimo Polidoro



Last Build Date: Mon, 16 Apr 2018 14:45:21 +0000

 



Di: gianluca

Wed, 21 Mar 2007 12:50:45 +0000

Gentilissimo Massimo Polidoro, ti scrivo per chiederti un'informazione e possibilmente poter ricevere qualche tuo consiglio. Innanzitutto ti ringrazio per quello che fai e per mettere sempre a disposizione di noi tutti la tua saggezza e le tue conoscenze. Vorrei chiederti come fare, dove rivolgermi, dove andare, chi contattare per poter prendere parte ad uno dei vari gruppi di studio e di ricerca che si occupano dei Templari, dei luoghi templari, dello studio delle fortezze e delle chiese templari, dei collegamenti tra Templari e misteri della religione cristiana, dei Vangeli Apocrifi, della vita di Maria Maddalena e della sua vera identità, dei collegamenti tra tutto ciò e le società segrete, della Massoneria: insomma tutto ciò che ruota intorno al mistero dei Templari. Mi piacerebbe in particolar modo approfondire in maniera adeguata, lo studio su Castel del Monte e sulle cittadine di Banzi, Forenza, Acerenza, Avigliano e Castel Lagopesole in Basilicata. Ti dico ciò anche perchè ho la fortuna di abitare a 15 Km da Castel del Monte e ad un'ora di macchina dai paesi lucani che ho citato. Dammi un aiuto, una dritta, un consiglio su come fare per poter coronare questo mio grande sogno di poter studiare ed approfondire da vicino tutto ciò. Magari se tu formassi un gruppo di lavoro che si occupasse di tali argomenti potresti anche invitarmi: sarebbe la cosa più bella di tutta la mia vita. Attendo una tua risposta. Intanto ti saluto cordialmente e ti ringrazio del tempo che, spero, vorrai concedermi. Gianluca.



Di: Aldo GRANO

Sun, 25 Feb 2007 13:13:39 +0000

Ho ascoltato il Vs/podcast, che mi è molto piaciuto: complimenti! Avevo già letto l' articolo del Prof. Garlaschelli, sul suo sito e mi era parso di capire che la ricerca fosse da riprendere dal punto in cui si era "arenata". La cosa che mi è piaciuta di più è che sia stata una ricerca con la collaborazione della "controparte". In questo caso la Chiesa penso sia stata "aperta" perché non difende più, fin dai tempi del Cardinale Ottaviani, "a spada tratta" i Santi antichi e poco documentati. Comunque, sul sito Santi Beati e Testimoni la figura di San Galgano è identificata con Galgano Guidotti, cavaliere di cui si sa qualcosa di più. Mi pare che, per quanto riguarda l' evento paranormale di una spada da lui infissa nella roccia la ricerca si sia conclusa con un "pari e patta": impossibile dire se la spada fosse infissa nella roccia; se ci trovassimo di fronte ad un evento simile, bisognerebbe comunque sfilare un blocco che mantenga spada e roccia attaccate e verificare se non vi siano trucchi nel reperto, ad esempio un collante in una fenditura preesistente. Tutta questa indagine sarebbe difficile da fare, almeno per quanto riguarda le mie conoscenze e la mia antica laurea in farmacia, senza danneggiare la reliquia. A meno che la RMN o la PET o qualcosa di ancor più sottile non siano in grado di farlo. Ma non risulta ai miei ricordi (ho venduto questi apparecchi). Direi che, comunque, dopo la Vs/ricerca, sia difficile pensare che un San Galgano non sia mai esistito: la "leggenda" è coeva ai reperti e vi sono troppe traccie che ci dicono che un cavaliere divenuto eremita e ritenuto santo dal popolo ha abitato colà nell' XI secolo. Quindi avete contribuito non a documentare un miracolo ma a ricordare un santo ritenuto leggendario dai più. L' inverno scorso ho visitato, a Roccaporena di Cascia, lo "scoglio" che recherebbe le impronte delle ginocchia di Santa Rita. Come siano state fatte nella roccia quei segni mi risulta incomprensibile, almeno all' occhio, anche se non hanno la forma di ginocchia. E' mai stata fatta una indagine seria? Il parroco non ha saputo rispondermi e non ne ho trovato traccia nelle biografie della Santa. Sarebbe carino poter fare una indagine: del resto, anche la parte finale della Valnerina è bella, suggestiva, piena di storia e natura e...si mangia bene anche lì, spendendo meno che in Toscana. Buon lavoro. Aldo Grano