Subscribe: from bedroom to the kitchen.
http://k-door.blogspot.com/feeds/posts/default
Added By: Feedage Forager Feedage Grade B rated
Language: Italian
Tags:
anche  che  dei  della  door  dopo  già  indie  kitchen door  kitchen  nel  ora che  ora    questo  qui  sono 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: from bedroom to the kitchen.

from bedroom to the kitchen.





Updated: 2017-11-16T16:44:14.118+01:00

 



0 Commenti

2006-10-27T11:51:36.073+02:00

il blog kitchen door ha cambiato casa...ora lo potete trovare qui/ kitchen door moves to a new beta blog, just here.



annie hall live @ sea fox pub

2006-10-27T11:51:16.276+02:00

qui sotto ci sono tutte le informazini per il concerto degli annie hall:serata organizzata con la collaborazione di dall'associazione di promozione sociale al casello di monzambano (mn) gli annie hall, dopo essere stati ospiti l'anno scorso al kitchen door, tornano dalle nostre parti. e lo fanno dopo una lunga sfilza di concerti in giro per l'italia e con nuove canzoni, contenute nel recente ep good old days. questa volta suoneranno nel'atmosfera molto british, calda e raccolta del sea fox pub di monzambano. abbiamo più volte parlato di loro e del loro indie pop, perciò se oltre a nick drake apprezzate gruppi come wilco, kings of convenience o eels non potranno che piacervi. se ancora non li conoscete qui c'è la loro pagina myspace e qualche traccia nuova da ascoltare.quando? giovedi 16 novembre.quanto si paga? l'ingresso è completamente gratuito, se poi volete fare una tessera di sostegno all'associazione al casello oppure un'offerta libera, sta a voi..quando comincia e dove? alle ore 21:00 al sea fox pub di monzambano (mn).come arrivare a monzambano? facile, se prendete la A4 uscite a peschiera del garda (vr), seguite le indicazioni per ponti sul mincio e valeggio; lasciate ponti (dove solitamente si tiene kitchen door, per capirci) e proseguite per un paio di chilometri circa fino ad arrivare a monzambano (mn). il sea fox pub è in centro paese lungo via umberto I, 37 a circa metà strada tra la chiesa e il comune.problemi ad arrivare? clicca qui, avrai la tua bella mappa.cosa c'è da mangiare e da bere lì? vedi qui tutte le favolose specialità del posto. Get your own Flash MP3 Player[...]



the monster

2006-10-24T08:47:40.936+02:00

sono quasi impazzito ma ce l'ho fatta....dopo una notte di lavoro ecco che potete dire addio a questo blog.
.
.
.
.
.
.

niente paura!... sono passato alla versione beta: da ora in avanti tutti gli aggiornamenti e soprattutto le informazioni per il concerto del 16 novembre saranno presenti sul nuovo blog :

http://www.kitchendoor.blogspot.com/



al casello news

2006-10-23T00:08:25.716+02:00

(image)
(to be confirmed)
a breve un post con tutte le informazioni del caso.



harris newman/ micah blue smaldone

2006-10-20T19:35:32.010+02:00

una bella serata di fingerpicking organizzata dall'associazione humus di valeggio. come al solito, nelle occasioni importanti, la digitale l'ho lasciata a casa perciò c'è solo qualche foto sgranata fatta con ill cellulare. l'associazione humus ha persino cambiato sede per problemi con la giunta comunale. nella nuova location sembrava di essere in chiesa per suoni e suggestione.comincia il canadese harris newman (qui una recensione del suo ultimo disco): imbraccia la sua chitarra acustica e snocciola una serie di brani strumentali da mozzare il fiato. con la chitarra fa di tutto, senza che la sua incredibile perizia tecnica ecceda nello sterile virtuosismo. sembra abbastanza giovane ma ha già due dischi alle spalle e un sacco di altre collaborazioni o progetti paralleli di cui uno a nome Hrsta insieme con il batterista dei godspeed you black emperor!dopo di lui tocca a micah blue smaldone, un timido singer folk dal nord est degli stati uniti. nel new england fa molto freddo, ma lui adora il freddo a quanto pare. come molti nel suo campo, ha un passato nella scena punk hardcore del maine. scambiando due parole nel mio stentato inglese mi ha detto di aver suonato nientemeno che con will oldham e con phil elvrum (microphones). anche micah blue era in compagnia solo della sua chitarra, anche lui è un fingerpicker ma a ciò aggiungo che possiede una voce veramente fuori dal comune. ho acquistato il suo ultimo disco dal titolo hither and thither (qui una recensione su tinymixtape) per north east indie e proprio ora scopro che il mastering del disco è stato effettuato dal canadese harris newman, mentre lo splendido artwork è opera di colleen kinsella. mi ha chiesto se mi piaceva l'ultimo will oldham e gli ho risposto: sì abbastanza, anche se per me il suo capolavoro resta i see a darkness, e lui, d'accordo, quasi cade per terra per descrivermi la bellezza di quel disco. tra l'altro non sapeva che the letting go è stato registrato in islanda, e michael lì c'è stato diverse volte perchè, mi ripete, adora il freddo e le giornate corte. meno i sigur ros. ascolta un brano per ciascuno dei musicisti qui sotto: Get your own Flash MP3 Playerp.s.: giustamente mi fanno notare che non ho citato l'ottima prestazione di andrea faccioli ...volevo concentrarmi sulla coppia newman/micah che sta attraversando l'europa nel tour di ottobre. sono impressioni buttate lì su un blog, non essendo un live report non sono stato completo e me ne scuso. già avevo apprezzato faccioli per le sue cover di nick drake e ieri si dimostrato un bravo sperimentatore.[...]



1 Commenti

2006-10-19T14:51:31.186+02:00

(image) siamo riusciti ad avere il nulla osta dal gestore per organizzare qualche serata indie al sea fox pub (vedi qui e qui) di monzambano (mn). a prestissimo ulteriori novità. fra un pò tenetevi liberi, il giovedì, indicativamente. fra un pò però...facciamo un piccolo brindisi e incrociamo le dita. gruppi della zona, anyone?

p.s.: elia, grazie per il "grande maestro".
pps: uè...pitchfork dà un bel 2,8 all'ultimo badly drawn boy



yeepee

2006-10-20T08:53:59.593+02:00

per la serie minimalismo allo stato puro che piace tanto da queste parti segnalo yeepee, un duo francese (emmanuel e joan da toulouse) che, dopo un demo del 2003 e un successivo ep, ha recentemente pubblicato un album di 11 canzoni dal titolo shoganai l.p., disponibile da settembre per ohayo rec. la coppia ha già diviso il palco con matt elliott e i nostrani morose. file under: yo la tengo, papa m, mojave 3. già passata dalle nostre parti nel nord ovest l'anno passato, la band ha appena finito il suo mini tour nel nord est (venezia/ treviso/ trieste).myspace qui.-sto finendo il libro raccolta su lester bangs. purtroppo ultimamamente ho talmente sonno che non riesco mai a concludere il pezzo favoloso in cui il critico segue in tour i clash raccontando un sacco di aneddoti gustosissimi . strano lester, leggendolo ti trasmettere una voglia incredibile di ascoltare musica fino a notte fonda. sembra che abbia un bel pò disprezzato mostri sacri come led zeppelin, beatles, david bowie, james taylor o i cream, adorando fino alla morbosità i velvet underground, lou reed (anche se sembra si odiassero amichevolmente) e, infine, i clash (già ci vedeva giusto eh!). su altri gruppi la sua opinione non è chiara, penso ai rolling stones o agli stooges, anche se dei secondi ammirava tantissimo la loro ignoranza, la forma rozza della canzone unita ad una quasi incapacità di tenere uno strumento in mano.e anche la sua adorazione per l'inascoltabile metal machine music di lou reed alla fine fu una provocazione bella e buona:parte dell'euforia che si prova nell'ammirare qualcuno per i suoi meriti artistici deriva proprio dall'avercela con lui perchè non è mai all'altezza delle tue aspettative. (L.B.)p.s.: ah, mi ricorda fabio degli annie hall, che gli yeepee, che hanno suonato con loro al recente uglydogs camp, scrivono pure recensioni su due web zine francesi : indietronica e foutraque. emmanuel ha scritto la rece dell'ultimo carinissimo ep degli annie hall, definendolo nientemeneo che un plaisir pour les oreilles. avrei dovuto buttare giù due righe anch'io su sodapop oltre che su questo blog, se non fosse sparito prima del previsto. ora è in heavy rotation nell'appartamento di elia e del suo coinquilino. Get your own Flash MP3 Player[...]



oxford collapse

2006-10-17T00:56:27.960+02:00

(image) dopo portastatic ci voleva un altro gruppo indie che mi facesse sognare. da brooklyn arrivano questi oxford collapse, favoloso trio che combina i suoni tipici dell'inarrivabile indie rock anni '90.(avete capito no? basso pulsante, batteria tirata e chitarre fragorose); ascoltandoli fanno capolino i built to spill, i pixies, i pond o i superchunk...e chi più ne ha più ne metta. inoltre l'etichetta per cui incidono (sub pop) e la produzione del disco ad opera di john agnello (dinosaur jr, sonic youth) costituiscono una vera e propria garanzia. remember the night parties è il loro terzo album in uscita a ottobre e unisce a tutto una piacevole freschezza pop che oggi (purtroppo o per fortuna) va tanto di moda. ascoltare la traccia please visit your nationals parks per credere. gimme indie rock!





villa zamboni- ottobre 2006

2006-10-16T16:12:26.536+02:00

Villa Zamboni - Valeggio s/M (VR)
Programma Ottobre 06

Domenica 15/10: 3/4HadBeenEliminated + Andrea Belfi (elettroacustica - Hapna rec.)
I pionieri della scena elettroacustica italiana chiudono a Villa Zamboni il loro tour europeo, che ha toccato tutte le grandi capitali europee, da Londra a Parigi con passaggio obbligato a Berlino. In viaggio con loro il veronese Andrea Belfi, al suo secondo cd solista su Hapna rec.
dj.set: zuly (electro)

Giovedì 19/10: HARRIS NEWMAN (Canada / Constellation, Madrona, Strange Attractors Audio) & MICAH BLUE SMALDONE (Usa / North East Indie) + Andrea Faccioli (acoustic indie - CAN/USA - ITA)
Harris Newman è un bassista/chitarrista nonché produttore canadese impegnato in innumerevoli progetti: innanzitutto un progetto solista strumentale in cui è ispiratissimo continuatore del fingerpicking acustico in stile Fahey/Basho...Poi ha una band che si chiama Hrsta, su Constellation (label con cui collabora attivamente in sede di mastering: si deve a lui il suono di tante band di quella scena), e un'altra a nome "Triple Burner" in duo con Bruce Cawdron, batterista/percussionista dei Godspeed you Black Emperor!...In tour presenterà principalmente le sue composizioni soliste per chitarra acustica, sognanti ed ipnotiche. In giro con lui Micah Blue Smaldone, autore di un delizioso disco di folk-blues prebellico su North East Indie, l'etichetta dei Cerberus Shoal.

Villa Zamboni è a Valeggio s/M (VR), sotto il castello scaligero.
Inizio concerti ore 21.00 - Ingresso con tessera
Contatti: info@associazionehumus.org / 3396449879 (g.paolo)



trovate!

2006-10-14T14:28:28.543+02:00

(image)



vai sandro!

2006-10-13T19:28:04.496+02:00

va bene leccare il posteriore, ma arrivare anche a fare lo sciopero della fame per conto del capo le supera proprio tutte. a questo punto, ridateci pannella.



1 Commenti

2006-10-13T17:21:42.290+02:00

(image)
il mio interesse per il calcio è aumentato assurdamente grazie ad un videogioco. e si è consolidato dopo che il mantova ha rischiato di andare in serie A. la ciliegina sulla torta è stato il set lego sports che mi ha regalato elia per il compleanno. sarà che il tempo passa e dopo il calcio comincerà a piacermi anche il minestrone, la peverata e tutti i tipi di risotto?



marsiglia records

2006-11-03T12:43:06.363+01:00

(image)
(image) è finalmente ripartita, dopo qualche anno, marsiglia records, la indie label che ha distribuito, tra gli altri, le prime cose di gruppi come en roco e port-royal. la prima edizione di kitchen door, nel 2003, aveva dedicato una serata a questa etichetta genovese ospitando (e lo diciamo con un pò di orgoglio) marla (rip) e port royal (passati ora sotto resonant rec.). il nuovo sito è veramente carino, anche se ancora in fase di costruzione. dietro a tutto, come sempre, c'è matteo casari. in occasione della rinascita di questa piccola label è uscito il disco railways, coconuts & bullshits di rocktone rebel, one man band per tutti gli amanti dei videogiochi vintage e dell'elettronica digitale povera. se a gennaio ci danno il via, rocktone rebel è già in lista per kitchen door 4.
myspace qui.




the american analog set

2006-10-10T14:36:41.946+02:00

(object) (embed)

baby julie come home

myspace page.



the crane wife

2006-10-09T11:01:51.320+02:00

(image)
non sono mai stato un fan sfegatato dei decemberists, pur captando che colin meloy avesse una dote particolare nello scrivere canzoni. mi è abbastanza piaciuto castaways and cutouts, quello successivo un pò meno e picaresque non era per niente male anche se non durò tantissimo nel mio stereo. chiariamo che qui non si parla di delusioni, bensì di dischi che non entrano in piena sintonia...tutto qui. quando il collettivo di portland sembrava aver ormai esaurito tutta la sua vena raffinata, arriva il nuovo polpettone the crane wife a spiazzarti (per la major capitol stavolta). da un primo ascolto sembra proprio essere questo il capolavoro della band. e mi piace. non so come mai eppure mi piace, nonostante ci siano brani che durano 20 minuti e pericolosissimi accenti progressive ed echi degli anni '70, gestiti, devo dire, in modo superbo (vedi la suite The Island: Come and See/The Landlord's Daughter/You'll Not Feel the Drowni dove in mezzo spuntano pure i jethro tull e, detta così, a me farebbe già cagare, invece...). sarà perchè alla fine qui si parla di alt rock sapientemente mescolato dentro una favolosa vena pop (ma quanto è bella yankee bayonet??). mi sa tanto che diventerà uno dei grandi dischi del 2006.





about k-door

2006-10-10T13:53:17.023+02:00

kitchen door e il suo logo sono nati nel 2003. in quell'anno si era pensato di organizzare un piccolo festival musicale indie di due giorni, sfruttando così in pieno le potenzialità della location: la sala delle colonne di ponti sul mincio (mn). il nome kitchen door deriva dal fatto che, come molti sapranno, i gruppi suonavano accanto alla porta della cucina. kitchen door poi è il titolo di una vecchia canzone dei buffalo tom. nelle intenzioni, kitchen door fest era un evento che doveva restare isolato, poi invece si è ripetuto con altre edizioni. in questi anni e nel nostro piccolo abbiamo ospitato diversi gruppi di qualità (kech, divelta, edwood, port royal, marla, my own parasite, ornaments, irma vep, neil on impression, annie hall e altri che ancora ringraziamo per la grande disponibilità) a prezzi molto popolari (2/3€ al massimo). purtroppo le risorse economiche sono sempre state limitatissime, ed ogni concerto aveva un carattere estemporaneo e rigorosamente senza fini di lucro. spesso, se non sempre, le perdite superavano i guadagni: chi vi scrive lo sa e bene. eravamo mossi solo dalla passione di fare qualcosa di diverso in una zona che offriva poco o nulla. kitchen door per poter riuscire a organizzare eventi all'interno della sala delle colonne si è appoggiata all'ass. il castello (a cui dobbiamo eterna riconoscenza) e ora, da poco, collabora fattivamente con la giovane associazione al casello di monzambano, la quale ha già organizzato un paio di concerti all'aperto: il primo a luglio 2005 con edwood e by popular demand, il secondo a luglio 2006 con la partecipazione di bob corn, three in one gentleman suit, ex otago e katrienne. kitchen door ha supportato concretamente quell'evento ed era presente con la bancarella delle magliette. l'ultima edizione del kitchen door fest risale, tra mille difficoltà (e la siae che sicuramente non aiuta), a novembre 2005 ed ha avuto un successo insperato: non più le solite 30/35 persone, bensì un centinaio. tutto frutto di una maggior visibilità e passaparola nel web, oltre che di un volantinaggio, lo ammetto, selvaggio. la cosa comunque aveva un sapore un pò amaro perchè si intuiva che l'anno successivo kdoor non si sarebbe potuto organizzare per mancanza di fondi oltre che di tempo. forse quest'ultimo (anche se piccolo) successo, ci porta a dire che un'altra edizione di kitchen door (la quarta) ci dovrà essere comunque, anche se ciò non potrà succedere nell'immediato. si parla di gennaio 2007. prima di allora c'è in ballo un altro progetto, nato sempre con il sotegno dell'ass. al casello: organizzare qualche concerto all'interno di un pub (altra ottima location, praticamente sotto casa mia) entro novembre/dicembre 2006; finora nulla di concreto: qualcosa in proposito si saprà quanto prima su queste frequenze. cosa rimane di kitchen door ora? tante idee che per ora si limitano a questo blog: perciò state sintonizzati. detto questo se volete/credete di fare una piccola donazione, sappiate che questa servirà a portare avanti concretamente tutti questi progetti. il pulsante paypal donate lo trovate qui fianco a sinistra. (if you will/if you can, support the next kdoor's project with paypal donate).per ora grazie a quelli che ci hanno letto fino a qui, a quelli che in questi anni ci sono stati vicini, a quelli che ci hanno supportato e a quelli che visitano spesso questo blog. ma anche a tutti gli altri amici, conosciuti di persona o tramite web.la porta della cucina, intanto, rimane sempre aperta.k-door[...]



tales of jenny

2006-10-05T13:40:48.286+02:00

(image)
(image)
ah, i belle and sebastian! un pò come è successo per i pavement. gruppi che pensavi di tenerti solo per te e dopo un pò di anni scopri che sono diventati tra i più influenti in circolazione. un pò sei felice per il giusto riconoscimento, un pò quest'aurea di epicità veramente poco si addice a due band del genere. gli inglesi tales of jenny, fin dal nome e dai titoli dei brani, dichiarano la loro passione smisurata per il gruppo di glasgow e per l'indie pop in generale. in effetti sembra proprio di ascoltare i B&S più acerbi (quelli migliori, dico io). nati nel 2003, giovanissimi (classe 1982/83) i t.o.j. hanno registrato un demo di sette canzoni liberamente scaricabile sul loro sito. attualmente cercano un' etichetta. sulla pagina myspace è possibile vedere un video del gruppo alle prese con una timidissima performance dal vivo, prima che prenda fumo tutto il palco.




poste-italiane money box

2006-10-03T19:11:57.976+02:00

(image)

.. occorre risparmiare soldi per un nuovo pc. perciò, dopo aver sperimentato vari metodi, ho optato per la cassetta postale formato salvadanaio. un regalo di mia mamma e un chiaro messaggio familiare, credo. l'ho attaccata al muro... un pò altina per arrivarci, a dire il vero. a tempo perso, ci infilo quei 20 o 50 centesimi che mi scoccia tenere in tasca. e vedremo.



suv-iet

2006-10-04T02:31:33.026+02:00

Messaggio per i comunisti: Ora che il tuo governo ha mandato i soldati in Libano, ora che sta per tagliarti le pensioni, ora che ti obbligherà a pagare con assegni, ora che ha liberato ladri, assassini e truffatori, ora che stabilirà per legge il periodo delle tue ferie, ora che aumenterà le tasse, toglierà fondi ai comuni... Ammettilo: inizi a sentirti un po' coglione? Beh, qualcuno ti aveva avvertito...

sarà capitato anche a qualcuno di voi di ricevere questo sms. a me ne sono arrivati due, il primo l'ho cancellato con una risata, il secondo mi ha fatto pensare. cerchiamo di analizzarlo:
1.Ora che il tuo governo ha mandato i soldati in Libano: su questo potrei essere anche d'accordo, anche se rimane la differenza fondamentale che qui c'è l'onu, in Iraq tutto è partito al di fuori di qualsiasi autorizzazione da parte di organismi internazionali. a giurisprudenza ciò veniva chiamato un crimine internazionale e un'occupazione. e finalmente è cambiata una politica estera da servi della gleba.
2. Ora che sta per tagliarti le pensioni: ci ha già pensato maroni a farti lavorare fin che schiatti con il bonus, cosa farà questo governo si deve ancora vedere. comunque l'inps è allo sfascio, questo è poco ma sicuro.
3. Ora che ti obbligherà a pagare con assegni: una rogna è vero, ma fin che ci sono così tanti evasori che si sono arrichhiti a spese degli altri ben venga. e occhio quando scenderete in piazza.
4. Ora che ha liberato ladri, assassini e truffatori: e terroristi, nulla? come la baraldini (libera, finalmente)?... sì, con il voto di quasi tutto il centrodestra è passata pure questa. purtroppo.
5. Ora che stabilirà per legge il periodo delle tue ferie: comincio già a tremare..
6. Ora che aumenterà le tasse: per chi non le ha mai pagate è un dovere morale aumentarle, per i redditi fino a 40.000 € (cioè il 90% degli italiani) mi sembra che aumenti non ci siano, anzi si risparmia pure qualcosa... e chi si becca più di 80 mila € lordi all'anno può anche versare circa 500 € in più di tasse, almeno per un anno. è una manovra di rigore questa o siamo la solita italietta da condono che sta andando allo sfascio per il catastrofico rapporto deficit pil ereditato dai maghi dell'economia che ci hanno preceduto. arricchendo chi volevano loro.
7. toglierà fondi ai comuni: qui sono d'accordo, se non che li aveva già azzerati tremonti l'anno scorso.
8. Ammettilo: inizi a sentirti un po' coglione? sì, è vero..
9. Beh, qualcuno ti aveva avvertito: grazie ne terrò conto. salutami silvio.
cavolo però suona un pò reazionario come post.

(image) (fonte: repubblica.it)



the rescue

2006-10-02T09:59:42.260+02:00

(image) (image)
(image) (image)
(image) (image)


(image) parliamo ancora degli emozionanti explosions in the sky. nell'album the rescue, uscito verso la fine del 2005, la band texana ha registrato 8 brani in 8 giorni. un esperimento che potrebbe sembrare ardito, ma che in definitiva si può dire perfettamente riuscito, e, nonostante la dovuta improvvisazione, senza tempi morti se paragonato con gli altri e più studiati lavori del gruppo. ogni canzone rappresenta un giorno di registrazione, e l'intero album è interamente scaricabile sul sito ufficiale (vai qui). imperdibile, non solo per i fans. i pezzi qui sotto sono presi qua e là tra la discografia del gruppo.







yours truly, lucky luciano.

2006-09-30T11:20:37.286+02:00

(image)

buon week end, sperando di tornare ad argomenti più attinenti con la musica lunedì



a grande richiesta

2006-09-29T14:12:57.296+02:00

...la gara dei go kart, dopo rampinelli con i nunchaku un altro pezzo da antologia.
(object) (embed)



monti, the king.

2006-09-29T11:31:23.900+02:00

(object) (embed)


(image) - lo so, sono messo male se sto per elogiare un reality. però stasera a la pupa e il secchione si è veramente rischiato l'infarto. l'inizio è la solita routine ma si ride sempre: i secchioni vestiti da ninja turtles, monti che non riesce a fare le capriole, karl marx scambiato per babbo natale da nora o rosi, non ricordo.
poi l'apocalisse (registrata a tavolino?) (guarda il video): io, non avendo visto striscia, mi sono beccato la rissa e ci sono rimasto secco.
riprende, in modo stranamente ordinato, la trasmissione con la trovata della gara di go kart tra i nerds: monti scatta come una scheggia prima del via, poi corre, fa le gincane tra gli aiutanti, pesta qualche piede e investe una persona. le sue smorfie sono impressionanti, non lo ferma più nessuno, spinò (ormai soprannominato sfigò dagli altri concorrenti) è lento come una lumaca è sempre in mezzo ai maroni e blocca pure il traffico. quando monti lo passa e spinò se ne esce da buon siciliano rivolgendogli le corna. monti continua ma dopo una piroetta si schianta due o tre volte contro le barriere o contro qualche altro sventurato operatore distruggendo tutta la pista. e io lì per lì mi ritrovo per terra a tenermi la pancia. ed ero a casa dei genitori della mia ragazza. . .eccovi il blog.
siamo dalle parti di hollywood party. e monti è come tony manero. non ridevo così tanto dai tempi dell'uomo gatto.

- intanto da oggi circola un manifesto che si ispira ad una famosa telenovela: i possessori di un panfilo o di una suv devono cominciare a tremare a quanto si legge qui.

(image)



happy birthday dyd!

2006-09-28T00:21:17.683+02:00

(image)
è dal 1991 che lo leggo senza perdere mai un numero. da 5 anni a questa parte le sue storie sono state abbastanza deludenti (sclavi ma ci prendi in giro?), tanto che stavo per lasciarlo a favore del fumetto rivelazione john doe. la scelta era drastica: o dylan dog con tutto l'affetto che mi legava al personaggio oppure una novità dalla sceneggiatura impareggiabile. non c'è storia: ora come ora john doe batte dylano dog 10 a 0: è moderno, cinematografico, politicamente scorretto e a tratti geniale. però abbandonare dyd era come abbandonare il mio passato, e la scelta, inevitabilmente, ha mostrato come in realtà non riesco a essere altro che un abitudinario del cazzo. comunque sia, buon compleanno dylan...



piss -off

2006-09-27T10:39:28.310+02:00

(embed)
Add myspace games at GameDip