Subscribe: occhiodivolpe
http://blog.libero.it/occhiodivolpe/index.rss
Added By: Feedage Forager Feedage Grade B rated
Language: Italian
Tags:
agrave  che  dei  della  egrave  era  foto nov  foto  igrave  luce  nel  nella  nov  poi  quello  serie foto  serie 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: occhiodivolpe

occhiodivolpe



la sensualità e l erotismo ...come sentimento dell esperienza , alfabeti dell occhio ...... le parole , le modelle , le foto di un sagittario amante dell arte , della storia e delle persone...



Last Build Date: Sat, 21 Nov 2009 14:06:26 +0100

 



COMPLEBLOG

Fri, 20 Nov 2009 19:30:27 +0100

              5

 NIENTEDIMENO
. . . . . .

:)

(image)  

 

volpe nel girotondo
in questo buffo mondo
tra una leccata al cuore
un clic e qualche amore
passato ha un lustro intero
sdraiato sotto il pero
scrivendo dei suoi giorni
i frèmiti e i contorni

canto la filastrocca
baciando la tua bocca
sfioro sì par che tocca
la dama della rocca

così un po' celiando
e un altro po' passando
per selve e praterie
insidie e scorrerie
la donna e le passioni
i flirt e l emozioni
cerco nell alambicco
m incanto e mi ci ficco

canto la filastrocca
baciando la tua bocca
sfioro sì par che tocca
la dama della rocca

sempre è quella saetta
che fa una piroetta
e tocca il cuor s inchina
ammicca e s avvicina
poi ratta arretra e gira
e spia se lui la mira
sempre ch è innamorata
sempre ch è tormentata

canto la filastrocca
baciando la tua bocca
sfioro sì par che tocca
la dama della rocca



pensier ch è scritto  qui resta e sia
 è la bellezza sempre  santa e pia
larga la foglia  stretta la via
dite la vostra  ché ho detto la mia





IL SUBLIME

Wed, 18 Nov 2009 17:44:56 +0100

essenza di donna , che s illumina della sofferenza , anima dolorosa d amore e del vivere , e si fa preghiera per sè , ed esplora le pieghe e le ombre e si perde e s innalza nella vertigine , essenza sacra del mondo ...minuta , e sola nel gran cerchio , ella s avvolgeva nel suo incantamento e nelle braccia , silhouette raccolta nel peplo , i grandi occhi socchiusi o spalancati sotto le palpebre bistrate , la donna potente della propria fragilità viva nella voce che sgorga e par che la consumi , e come la consuma così ella più s erge nella fissitàla vertigine del mancamento a colei sempre madre e amante , l assenza che si fa strappo e destino di donna , e pianto e vagito , e preghiera , e fa di sé bellezza nell andamento ondulante del canto , nei precipizi oscuri e nei picchi incandescenti ...icona ella ferma nei palpiti ... quelli del sorriso che nasce dall intensità che l empie , e della man che preme il cuore , e del sen nel trapezio della stola , nel capo che accarezza il gorgheggio e l acuto ; e lei fiorisce nel respiro e nella nota che s alza , dalle braccia di cui si cinge e stringe , nei piccoli moti lenti del capo unici nella immobilità del corpocome un respiro che invade e si fa canto , un patir dell anima che si fa invocazion struggente , dalla donna alla luna il canto lento che dalle visceri si fa pianto , e serpeggia tra fondi oscuri e si fa elevazione e grido , lamento ed inno ...canto di vagina , d anima  e cuore ...                                                            lei  serie foto del 21 nov [...]



..

Mon, 16 Nov 2009 10:01:02 +0100

(image)


- mmmhhhhh ... buono , e come si chiama ?

- la nuit de l homme ... saint laurent ...
- oh ... mmhhh ... fa pensare proprio ad una notte con un uomo ... mmmhhh ...
- ed io invece pensavo che fossero più intriganti quelli muschiati ...
- in che senso ?
- l odore del maschio , il muschio , l odore inguinale ...
- ah sì , ma sapevo che vien tratto dai topi ...
- aahhhh  ... per richiamare le zoccole ?
- ;) o invece far diventare tali ...


serie foto del 21 nov

 




.

Fri, 13 Nov 2009 10:11:17 +0100

(image)

 

viviamo nei segreti

la luna che scorre i meridiani
su Stenehenge
e su Teoticahuàn
e Angkor Cuzco e Carnàc
sopra le grandi pietre ritte come pensieri
ha la sua faccia ignota
non vista mai da luce

viviamo nei segreti
e negli enimmi
ci apparve il mondo e poi lo consumiamo
con la lima dei giorni e le passioni
fin che Scompaia
e con lui Moriamo

la parte oscura
riflette i simulacri che inventai
e le pulsioni che ti vo narrando
io fui l Albero
che ha le sue radici nello scroto
e i frutti
nello spirito che germina i pensieri
nel Cristallo

la Forza
nel silenzio che incombe sulla vita
nella perfidia di non mentire a sè
nella Bellezza
che promana dai gesti e dai confini

- io
io sono il mio peccato -
gridammo
e facemmo altare delle voglie
e facemmo sante le perverse
nel Buio
della faccia oscura della dea
Oscena
e Pura

- io ... io ...
io sono il mio peccato -
gridò il Centauro sfrontato
e si fe' specchio all Orgoglio della carne
nel sacrilegio
di fare incesto alla Vestale
nella sua veste sacra di paure

- io ... io ...
io sono il mio peccato -
esultò la Fémmina
scavata nel turbore ed acquetata
delle visioni e dei richiami prepotenti
nei codici cifrati
e nacque ad essi

la Forza
dètta ai suoi le sue catene
e il maglio
onde le spezzino nella prigione vuota
ed alza cattedrali passo a passo
senza più echi
senza più passati

viviamo nei segreti
il Laccio non conosce i propri nodi
ci sono flussi e onde
che scrivon su di noi assisi sopra i Troni
marchi incrociati

viviamo negli enimmi


serie foto del 21 nov




CERTI SGUARDI

Wed, 11 Nov 2009 12:00:56 +0100

(image)


quello di taglio , che s addensa diagonale e teso al soppesar d un altra donna , e scruta e spoglia , e scorre dai capelli alle caviglie , e squadra la taglia ed i vestiti  , l abbinamento dei colori , e la griffe , e in che sta bene , e in che sta male ...

quello dell ignota che incrocia il tuo , e si distoglie , e poi ritorna svelto in un bàttito a controllar se ancor la fissi , e poi cala sul seno a controllare se la camicetta è aperta ...

quello che t accarezza e avvolge , e tu non guardi perchè si adagi e ancor adugi , e lo senti che censisce una qual sensualità posando sulla barba ed il cappello , la giacca e la cravatta , e le calze lunghe che piacciono a lor tanto ...

quello supremo allor ched all ingresso sente la forzatura , lo squarcio nella carne , la pretesa che si fa presa , e lo scalino scattare nell anello , ed è sorpresa e sazietà , godimento e resa ...

serie foto del 21 nov




.

Mon, 09 Nov 2009 10:16:23 +0100

(image)


-  ... hai visto come gli ho risposto ?

- nientedimeno ? non avevi chiuso , tagliato ? e gli hai risposto ?
- sì ... uno schiaffo in faccia così impara
- no ... non dovevi rispondere , e così ha capito il contrario ...
- va a leggere , e poi mi dici se non l ha capita ...
- ma no , allora ascolta ... quando fermavamo le ragazze si sapeva
- che cosa ?
- che se lei anche avesse risposto - va' via se no ti sbatto la borsetta in faccia -
oppure - ho appuntamento col mio ragazzo se ti trova t ammazza -
oppure - se non te ne vai chiamo un poliziotto -
etc etc
- addirittura ?   e allora ?
- diciamo che dopo un po' si legava , la si veniva a conoscere ...
- ahhhhhh .....
- se invece quella camminava dritta , gli occhi fissi avanti , e non ti sentiva nemmeno , allora dopo tre o quattro metri meglio andare via ...
- ahhhhh ... e che vuoi dire ?
- che se rispondi , il messaggio che arriva non è quello che dici , ma il fatto che hai risposto , e che poi quindi risponderai alla replica ... etc etc

serie foto del 21 nov

 




LA REGINA DELLA NOTTE

Fri, 06 Nov 2009 10:19:23 +0100

(image)


quando nel buio estenuata nei baci e nei commossi fianchi , e nella bocca , e nella lingua tutto il cervello , e in petto l onda che trasfonde i liquidi in marea come una bolla che s allarga dolce ...

quando nella comunione delle carni , e presa , e nelle ondate , e nel variar del ritmo e della forza , o amazzone quale un airone volar erta serrando ed a braccia aperte verso la gioia ... e più non conteneva il corpo ebbro e il capo trafitto dagli spasmi ...

allor rompeva , e s allontanava , e in sé si rintanava e singulti , e versi sconnessi e rochi nell affanno , singhiozzi rauchi e smozzicati gridi ...

qual la regina che armava di coltello alla figlia la man chè uccida in sarastro il sole , come un impossibilità , o come un rimorso , alla gioia estrema ed al sublime mancava e non reggeva ... come a rifiutar d esser felice , d aver trovato quel che fu cercato ...

serie foto del 21 nov

 




..

Wed, 04 Nov 2009 12:11:39 +0100

(image)

 


le scarpe son tornate
sui vecchi marciapiedi e sui tappeti
han lasciato un po' di polvere
presa sui boulevards
poi
non è restato niente

un viaggio
è sempre un tentativo
forse una tentazione
sai solo che finisce con un aereo o un treno
sulla lingua
il sapore d un croque e d un gazpacho
e le prospettive
d alberi gialli e rossi
tra i muri dei palazzi grigi

stefania
seduta al tavolino tra cinque di Milano
non dice una parola da due ore
ride
ridacchia e strizza l occhio
alle parole altrui
pensa così d esser di compagnia

sugli asfalti lucidi sotto cieli grigi
cadono le foglie
sotto un vento sghembo
porti le scarpe in giro compri qualche cravatta
le negre son très belles
alla seconda e terza generazione

in Rue Daguerre
gente che va di fretta in una traiettoria
con il mento basso
alle otto della sera
smontano i banchi di pescerie e formaggi
e le vetrine di salumerie
sotto una luce bianca
raschiano svelti la tavola con l acqua
- come si fa con i ricordi tristi -
per ricominciar domani

un viaggio non è viaggio
se non ti cambia un poco
così un amore
quando non apre una finestra nuova
su un nuovo mondo
e scopri e inventi parole nuove
ancora ignote

monique
seduta ad una brasserie da sola
parlava fitto fitto al suo bicchiere
con i fuseaux neri sotto la mini nera
ed una sigaretta
la madre era ben fiera
che lei fosse a Parigi e non sapeva
ch era infelice e sola

a Orly
c erano storni a stormi
a grandi nubi turbinanti in cielo
che si gonfiano e divaricano
trapassando
così siamo partiti un ora di ritardo
e  il giorno stesso
è morto Lévy Strauss

 

serie foto del 21 nov




...

Mon, 02 Nov 2009 19:53:50 +0100

(image)

 

- questi gemelli ? che prezzo ?
- ...

- mi scusi se parlavo al telefono ...
- pas de quoi ... privilège de femme ...
- ... :)
- ma solo se era una telefonata d amore
- non , c était une collègue ...
- ah très mal aussi , ce n est pas la règle ... il faut que soit un homme , un collègue ...
- ..... :) :)

( intanto raccontava la conversazone all amica al tel )
- prendo questi

 - savez , je suis du maroc ...
- marocaine ? et moi de naples ... et tu es comme une belle napolitaine
- merci ... je vous ai fait un dix pour cent de sconto
- merci ... était mieux le nombre du tèléphone ...
- ..... :) ...... :) à la prochaine , quando tornate ... bon voyage ...



serie foto del 21 nov




.

Wed, 28 Oct 2009 03:24:02 +0100

(image)

 


si sveglia il mattin grigio
a fitti e fini crepitii
su felci e Scalene acacie
incombe
alla collina e al mare Basso
e plumbeo il cielo

la pelle fredda
in calze e maglia e boxer neri
Gioco
cambio di posto porcellane
in cerca di prospettive nuove
nascon
ritmi nuovi tra i colori ed i biscuits
s acconciano puzzles tra Forme
e Spazio

una mosca
rimbalza e m esaspera dal braccio
sul ginocchio
come un Pensiero che ripassi al cuore
dal cervello
i sigari son tre
e forse dureranno nel week end

quale l albero
dai rami neri e le foglie argento
che in fondo al bosco
fa un solo frutto all anno
che dura un Plenilunio
ed è Purpureo

il dèrmore
s esalta d un aria per metà pungente
e per metà d ardesia
ricama arabeschi a 432 herz
qua tra le piante è nata una Forma nera
e china 
un po' accovata e un po' in agguato
come un pensiero
che ami e che temi un poco
e ti Sorprende

Rosetta
guarda dove l han portata i piedi
e non le piace
dal balcone di via dei Ventaglieri
non vede più il Vesuvio
e nello specchio il cielo
ascolto e taccio
sdraiato
mi guardo i piedi e fuori dal balcone
non c è una luna Trasparente
che cali al mare da sopra la collina
sfiorando i benjamin

ci sono patrie
che si scoprono di volta in volta
senza aver provato prima nostalgia
e poi emigri verso un altro canto
senza rimorsi
e senza aver rimpianti
quale il contadino che il venerdì scanna
e di sabato vende

ci son dodici nomi per il rosso
ed uno solo per il nero

 
serie foto del 21 nov




...

Mon, 26 Oct 2009 09:22:53 +0100

(image)



- .... e poi non era vero questo ...  e non era vero quello ...

 

- scusa , ma si capiva chiaramente , perchè adesso ti meravigli  ?
- e poi ha fatto questo , e poi quest altro ancora ...
- però , si capiva facile come era il tipo ... scusa , non hai voluto vedere ...
- ma sì , sì ... lo sapevo com era , che ero scema ?
- ah ... allora hai fatto come quello che si butta sotto il treno e poi dà la colpa al treno ...
- ma pensavo che dentro era diverso , che con me sarebbe cambiato ...
- eccàllà ... allora come quello che si butta sotto il treno pensando che sarebbe deragliato ... e poi dà la colpa al treno .....


serie foto del 21 nov

 




PADRE PIO

Fri, 23 Oct 2009 09:58:57 +0100

(image)



andati per ventura all adriatico e per le vie dritte e piane all alba davanti alle ruote incontrar la grande chiesa con le donne nere stese sulle scalee bianche ; e entrammo ...

il vecchio gramo sull altare , e per le ascelle tenuto a forza a celebrar la messa , e faticava nei paramenti , nel petto urtò la compassione per colui esibito , la pena e la pietà per il vecchio in cima a quei gradini , trascinato innanzi alla fame della devozione ...

il monaco , il frodatore , l amante di femmine , santo per acclamazion di plebi , solo era là esposto alla navata , tenuto in piedi come simulacro della sua leggenda , quale un gabbiano stroncato d ala e zoppicante , nella sofferenza non delle ferite ma dell oltraggio della vecchiezza , nella pena d una fatica che non si meritava ...

poi , stremato per la sala dalla sacrestia , sorretto dagli accoliti passava , e le genti alle transenne mute , e il vecchio deviò , e venne dritto a lui , ed alzò il braccio che tremava , e gli carezzò la guancia ... 


serie foto del 21 nov





.

Wed, 21 Oct 2009 09:35:22 +0100

io sono in questo grigiotreni passano sulle rotaiedentro tante persone che fuggono o che inseguonotreni noncuranti che si fermanoo passano indifferentiper le stazionil undici marzo del duemilaseiSasà non andò a scuolacon Antonella e Rosasu un pilastro a Formiascrisse ai Posteri con la biro blùc è questa qui di fronteche guardavolpe che scrive parole a righe alterne guarda la barba biancail vestito di velluto nero a righe grigee si fa domande senza saper l inganno del Monaco e la Volpecerco un telecomandomutar nel finestrino la pianuracercar con tasti giustifiumi lenti tra volte di mangroviee carovaniere tra palmizi e sabbievalli con fiumi argentei sotto le Dolomitie castelli e borghi su colli verdeggiantid olivi e di vignetilaghi con i cigni e ruderi ed amori Uova senza Leggendeun viaggiotra gente accartocciatae l i-pod infilato in testaAssuntache s è alzata adessomezzora prima della sua stazionecol trolley d un quintaleed un piretto d oliotra un treno  e l altro trenoavvolta fino ai piediin un plaid beige la figura snellaZairaBalla davanti a Alessio che sorrideZairasenza permessi e velifelice che ha lasciato le campagnee vanno a Roma senza avere casai desideri e l immaginazionefan crepe nel Globalesolo le plebi e le multinazionali si muovonoed intercettano le opportunitàqueste on line spostano i capitaliquelle sui piedi fan camminar la Sorteil treno del ritorno è un cuneotagliacome un coltello paesaggi disegualinella camicia azzurra ed i calzoni gialliOnofrio indifferenteha aperto il suo cartoccioe col coltello a molla affetta un panecolmo di Melenzanesulle panchine aspettanosedute sul Tesoroil settecentotrenta quattro ore di ritardocon zaini e con i trolleydonnesalgono e scendonoarrivano e poi partono serrate dentro i jeansl occhio se l è rubatoElvira Sarnatarodi cinquant anni e piùche torna al suo paese mascheratacon la mise nera e gli stivalicon un giubbino arancioed ha la faccia e il corpo della nonnacon lo sciallela gonna nera ed il grembiale blu serie foto del 21 nov[...]



.

Mon, 19 Oct 2009 09:20:35 +0100

(image)

 

 


- allora ? com è andata ?

- mah .. non ti saprei dire ... un po' preoccupato ... un paio di cose ...
- perchè ? che ti ha trovato ?
- per quello niente ... solo ch ero disteso , e lui ...
- sopra che guardava in bocca , sì ...
- sì , ma aveva la mascherina , e io pensavo - ho qualche cosa io ? -
- ah
-
e io pensavo - o ha qualche cosa lui ? -
- ah ah ah ... e la seconda ?
-
uh , non m era mai capitato col dentista , e poi all uscita ...
- non ha fatto la fattura ?
-
no ... ma ho sentito che telefonava - architetto , la villa ... cominciamo a costruire ... -
- aha ah ahaha ...  dici ? coi soldi del tuo dente ? aha ah ahahaha ...

serie foto del 21 nov




un bacio ...

Fri, 16 Oct 2009 00:00:56 +0100

(image)


quando nel buio i corpi ciechi , e nell anello delle braccia cinti , e stretti , bocca su bocca , e petto e ventre e pube in uno , la carne tutta si mutava in spirito , e l animo commosso in una trascendenza ...

la lingua era serrata nella bocca , tra gengiva e palato , e su le labbra le labbra , e la sua lingua ondante e strinta che pressava e suggeva , quale un affanno ed una convulsione lenta ...

era dal capo , nell centro del cervello di dolcezza che sentiva secreto l umor scendere e fluire per la lingua , per lo spessore carnale la saliva a stilla a stilla qual da un alambicco , e dalla punta in lei ...

stretto e tenuto nella bocca sentiva lei suggerlo nel palato , qual bimba che afferra alla mammella , ed ogni goccia par che rinnovi nutrimento e fame , qual femmina che sugga il liquor dell uomo , così in bocca lo beveva nella gola , sempre più avvinta e con il capo alzato...


 

serie foto del 21 nov




IL COMPLOTTO

Wed, 14 Oct 2009 11:25:39 +0100

IL  COMPLOTTOE' STATA LA MAGISTRATURAa - acquistare diritti televisivi all estero e rivenderli a Mediaset a cifre super moltiplicate , costituendo provviste di denaro su conti esteri riconducibili al proprietario di Mediaset , truffando lo Stato e gli altri azionisti- corrompere l avv.Mills perchè in giudizio testimoniasse il falso facendo assolvere Mediaset- corrompere il giudice per la sentenza che ha scippato la Mondadori alla CIR , che l aveva comprata , e l ha regalata a Mediaset .- a pescare minorenni tramite photobook , e distributori di cocaina per invitarli a festini e ricevimenti del premier- procurare rapporti sessuali con donne a pagamento in sedi istituzionali , per far disertare impegni pubblici e internazionali del premier- a trovare tutti i cavilli affinchè l imputato non si presentasse MAI alle convocazioni ai processi , e a non rispondere MAI alle domande dei suoi giudici- non aver mai spiegato la nascita delle 13 società estere in mano a prestanomi proprietarie di Mediaset e Fininvest- aver tentato di corrompere parlamentari della Repubblica per far cadere il Governo Prodi- aver infiltrato ad Arcore un mafioso pregiudicato e referente della mafia , per anni , come finto stalliere- avere messo a fondatore di un partito Dell Utri , colluso con la mafia e condannato per " concorso esterno in organizzazione mafiosa " , impedendo che si dimettesse dal partito e da parlamentarecè chi scambia causa con effettoe  l obbligatorietà dell azione penalecon la persecuzione  serie foto del 21 nov [...]



.

Mon, 12 Oct 2009 10:03:15 +0100

(image)


rigato blu e celeste , camicia celeste , cravatta blu
giacca e repubblica sul braccio 
capelli scompigliati ...
una macchina uscendo rallenta e si ferma
una donna apre il finestrino e si china

- scusi , lei è un musicista ?
- no ... perchè ?
- scusi , sembrava ... dall aspetto  ...

'sti ffèmmene .....

serie foto del 21 nov

 

l'ombra che parla, protagonista, è quella dietro.
 Due corpi. due posture, due tensioni. 
Movimento, muscoli, grazia e anche pesantezza,
tutto nella norma: la carne. Dietro è lo sconosciuto,
il misterioso, l'incerto - il possibile.
quello mi attira, quell'ombra lunga dietro il corpo obliquo e chiaro.
Le avvolgerà domani, quell'ombra?
Le incanterà, confonderà?
nuova ombra, silenziosa, presente, pesante.
Oscura. Nuova destabilizzazione. La vita.
Eppure, quell'ombra fa la foto.
di  arej



la guépière

Fri, 09 Oct 2009 10:47:39 +0100

 quando una corrispondenza , e i lacci lenti l andavano stringendo sera per sera alle parole , e ai tratti di quello , e in sè nutriva l illusion d amare , esser amata , legata ogni sera all appuntamento , e il desiderio dell altro la carezzava , e la tentava ...quando temè di perderlo per non acconsentire , e certe sere aspettò chè lui non veniva , e si struggeva per l altre con lui , esse in quel che non gli dava , ed il timor d averlo perso , e restar sola e senza lui , sì che il pudore cedette alla pretesa , con un messaggio cedè , acconsentì ...e comprò la guépière nera ; e si guardava nella seduzione de' suoi occhi che la guardassero , e provò i gesti per levarla nell offerta , e provò la cam nell angolazione , e le posture alla parete , e attese la sera , per dargli il dono di quello che voleva , per riprenderlo e tenerlo ...e lui non venne ...ed entrò un altro , un vecchio amico , e lei scostò un poco la vestaglia , e rise , e civettò , e si arrese ... la veste scivolò nell ombra e nella luce la guépière nera sulla pelle bianca , e si spogliò , per quell attesa di cedere e di sentirsi bella , quell attesa in se stessa che non andasse persa ...quale sia un canto che non si fa singhiozzo ... serie foto del 21 novVestali , non solo della luce e dell’ombra. Ma di una tensione. Ombra - luce - tensione La realtà vista nel suo essere e nella dinamicità. Tra l’altro di carne.Non  ferme, stanno andando, anche se sembra che l’occhio le fermi in un istanteÈ la tensione che prende, come se la luce si facesse “oggi” che ha nel ventre “il domani”. Più forte del mio sonno e del mio andare a letto l’attrazione di questo incedere.Bloccata qui a parlare di due corpi, un enigma svelato. Un corpo corre proteso, gravido di una luce che dal pube spinge e ha contagiato il petto, la mano. L’altro corpo più statico ma già anche da lui la luce traspare, si fa padrona del tronco, delle gambe del seno.Prese, le due donne, che sarà? Una danza? Un’offerta?  Uno spostamento di situazione ? Allora, ogni volta, per ciascuno di noi, ad ogni movimento e cambioil corpo già possiede l’evento che ci traghetterà oltre?Oh allora, guardiamoli bene, contempliamoli… i corpi !Ciascuno il suo e, nel contempo, quello dell’altro!Come profeti, come osservatori della vita che continua, che cambia, evolve, trasforma, conduce in sempre nuovi orizzonti. Sì, non ci serve l’oracolo esterno, la sibilla.Sta nel mio corpo, nel mio sentire, in ciò che molto concretamente sono e faccio - oggi.In ciò che il mio corpo oggi è , sta il mio più luminoso domani.di  arej[...]



.

Wed, 07 Oct 2009 11:20:25 +0100

(image)

 

quale in Ottobre
in un tassì che aspetta
un cliente che non viene
e intanto
guardi il culo del tassì davanti
telefonando

ci son cose
che vanno e vengono ad Ottobre
tra foglie Rosse e Gialle
e l aranciata
a due euro e trenta cioè a quattromila
Mimmo e Rosaria
ormai
bevono a due cannucce

Totonno Quagliarella
era un assistito
nei sogni della gente trovava numeri
li dava per giocare al lotto
sulle ruote
di Napoli e Venezia
la consolazione
dell immaginazione

Carmela
al terzo piano senza ascensore
a Vico dei Sette Santi
compitava iniziali dei versetti
della Bibbia
e tentava acronimi per trovare echi
e significati
alla disperazione di sentirsi sola
nel suo letto vuoto

il numero
di tutte le gocce cadute a Messina
è pari
alle lettere del nome del Dio degli Ebrei
le gocce della pioggia
non quelle delle lacrime  di Rosalia
e Antonietta

il cabalista
truffa la semiotica con l aritmetica
gioca con le tre carte
il saltimbanco
con l illusione stravolge i porti
delle aspettative
e fa sacrilegio della credulità

Filomena
al terzo giorno della mestruazione
ha visto un uccello nero
e con la coda lunga
bussare al vetro della sua finestra
io
ho trovato sotto quattro Statuette
il marchio di Jakob Petit
e sullo zoccolo l Ancora d Oro
ch era di Chelsea

ci son enigmi
che corrono nell aria d Ottobre
come fiumi
appaion cose come Portali
ed i cancelli chiusi

 serie foto del 21 nov

 

 Un dialogo e una musicalità data dalle linee dei corpi.
Una tensione, quasi una domanda.  Capitate là per caso o consapevoli di ciò che stanno esprimendo ? non so. Certo la luce conduce. Come se, appena ci si sofferma ad osservare un po’ di più i due corpi, ecco che qualcosa chiama e ci si rende conto che la luce ci dà il percorso di come entrare nella foto e nel significato dei corpi
La Luce che parla , per capire cosa ha voluto estrarre dall’ombra. Dall’oscuro. E vedo masse, muscoli, pelle, anche posture. una V , ancora una capienza, un vaso che illumina la sua forma.
Illumina una domanda? Quando un “perché” è messo in luce, la risposta arriva. In fondo, son anche due ali, forse a volte si viaggia insieme? Tra donne? E si mettono giù istanze e domande che vanno oltre per un coraggio di dire le cose facendo parlare SOLO i corpi.

di arej

 




..

Mon, 05 Oct 2009 10:41:26 +0100

(image)


- pronto
- ah , stavo proprio pensando a te
- nientedimeno ?! non mi pensi sempre ?
- . . . . .
- . . . . .
- e che hai fatto oggi ?
- ah , non ti dico ... dopo pranzo ho visto max factor
- X factor , ma dico ...  quella è una marca di cosmetici , ma come si fa ?
- vabbè uguale ... dovevi vedere , due o tre ore a discutere e discettare di canzonette , cantantucoli , invidiuzze , cantanti , etc etc ... dovevi vedere che competenza , come sapevan un sacco di cose , come si accapigliavano ..
- ah ... visto ? poi critichi sempre , tu ...
- ma pe' ppiacere ... noi litigavamo su hegel e kant , leopardi e d annunzio , distruggevamo manzoni , e c era la politica ... questi ...
- questi ?
- studiano la storia delle canzonette , si schierano sulle dinamiche e i pettegolezzi delle formiche ...

 
serie foto del 21 nov

 

Se sia più bello un corpo bianco luce del sole negata,
memore d’Elena bianche braccia,
che terra e fatiche non s’addicevano a regina
e le stanze offrivano ombra e riposo
e ozi molli e suon di cetre,

o un corpo d’ambra
sposato all’onde e le spiagge,
nereide amica di spuma e raggi…

non so…

di  poetella