Subscribe: Viva l'italia
http://blog.libero.it/ItaliaNostra/index.rss
Added By: Feedage Forager Feedage Grade C rated
Language: Italian
Tags:
alla  anche  anni  castro  che  della  dopo  fidel castro  hanno  italia  lhasa  manifestanti  presidente  questo  sono  tibet  tutti 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: Viva l'italia

Viva l'italia



La bandiera degli Italiani



Last Build Date: Thu, 19 Nov 2009 23:06:58 +0100

 



Netta vittoria alla Camera e al Senato per il Centrodestra

Tue, 15 Apr 2008 13:59:45 +0100

(image)

Come ormai tutti sappiamo Il centro-destra ha vinto le elezioni 2008, dopo una triste parentesi durata due anni l'Italia si è rialzata, ha deciso di reaggire a quella sinistra oscena e insignificante, ha reaggito da prima buttandola fuori dalle stanze del potere e poi premiando chi ha lavorato negli anni precedenti con serenità e serietà.

Ora non ci resta che fare i migliori auguri al Partito delle Libertà e alla Lega Nord, uscita da queste elezioni con dei numeri da capogiro, sintomo questo di un'Italia che crede nel cambiamento e vuole a tutti i costi uscire dal baratro nel quale ci hanno trascinati.

Il momento è quello buono, via l'immondizia dall'Italia e non solo quella di Napoli e rimbocchiamoci le maniche il lavoro ci aspetta.

Un abbraccio a tutti quelli che si sentono Italiani nel cuore...

N.S.C.




Tibet/ Colpi d'arma da fuoco a Lhasa

Sat, 15 Mar 2008 09:44:53 +0100

(image) Sale la tensione in Tibet. A Lhasa si spara. Lo riferisce l'ambasciata statunitense in Cina, riportando notizie giunte da cittadini americani che si trovano nella capitale del Tibet. I feriti sono almeno una decina, secondo fonti ospedaliere della capitale tibetana. Ma ci sarebbero anche morti, un monaco e una ragazza di sedici anni. Il centro emergenza della città di Lhasa ha riferito che diverse persone sono morte negli scontri tra i manifestanti guidati dai monaci buddhisti ibetani e la polizia, durante il quarto giorno di proteste anti-cinesi. "Al momento siamo molto occupati con i feriti, ce ne sono molti. Non vi èdubbio che vi sono anche morti, ma non so quanti", ha detto una funzionaria del entro, contattata telefonicamente.

APPELLO DEL DALAI LAMA. Dalai Lama, il leader spirituale dei buddhisti tibetani, in esilio dopo l'occupazione cinese della regione himalayana, ha esortato il governo di Pechino a fermare l'uso della forza contro i manifestanti a Lhasa. "Queste proteste sono la manifestazione di un profondo risentimento del popolo tibetano verso l'attuale amministrazione", si legge in una nota diffusa da New Delhi, "Faccio quindi appello alla leadership cinese affinché metta fine all'uso della forza e affronti attraverso il dialogo questo risentimento che cova da molto tempo".

I leader dell'Unione europea hanno esortato la Cina alla moderazione in Tibet, alla luce degli scontri a Lhasa tra manifestanti e polizia. "La presidenza di turno slovena dell'Unione europea ha proposto un testo di risoluzione -che abbiamo accettato- in cui si chiede moderazione e la scarcerazione dei manifestanti arrestati", ha riferito il ministro degli Esteri francese, Bernard Kouchner, nella conferenza stampa a conclusione del Consiglio europeo.

I crimini del comunismo non hanno tregua, ogni persona intelligente dovrebbe accorgersi che il comunismo in ogni sua forma andrebbe combattuto fino alo stremo per non permettere ancora nuovi scempi. NSC




Il ritiro di un dittatore

Wed, 20 Feb 2008 14:28:03 +0100

(image)

ANSA 20/02/2008

L'AVANA - Il leader cubano Fidel Castro ha rinunciato alla presidenza. Lo hanno detto fonti ufficiali.  Castro ha annunciato la propria decisione sull'edizione elettronica di Granma, organo ufficiale del regime cubano.

'Comunico ai miei compatrioti, che in questi giorni mi hanno fatto un grande onore eleggendomi a membro del parlamento, che io non aspirerò né accetterò - ripeto - non aspirerò né accetterò la carica di Presidente del Consiglio di Stato e di comandante in capo". Dopo 49 anni al potere, con queste parole scritte sulla edizione elettronica di Granma, il presidente cubano Fidel Castro ha annunciato ufficialmente oggi la sua rinuncia a presidente di Cuba, carica che ha esercitato finché la malattia non l'ha allontanato dal potere 19 mesi fa. Da diversi mesi Fidel Castro si esprime regolarmente dalle colonne della stampa ufficiale, fornendo il suo punto di vista su diversi argomenti internazionali.

Finalmente dopo quasi 50 anni il dittatore castro si dimette dai suoi poteri lasciandoli in mano al fratello con la speranza che in questo passaggio anche Cuba possa vedere la luce e dire addio a questo regime repressivo e opressivo che ha mantenuto Cuba nella miseria fino ad oggi, anche se le speranze per il momento non sono molte.

Anche su Cuba come in tutti gli altri paesi dove vige o dove vigeva una dittatura non si sa molto di ciò che accade nella vita quotidiana delle persone, quindi per sapere tutta la verità ci vorranno molti anni ancora, ma quello che tutti ci dobbiamo augurare è che anche questo baluardo comunista cada in modo da dare nuovo slancio e speranza ai suoi cittadini, dare libertà ai detenuti politici ingiustamente rinchiusi e dare conforto a chi negli anni ha conosciuto sofferenze e sconfitte.

NSC




Il Giorno Del Ricordo 10/02/2008

Mon, 11 Feb 2008 13:08:08 +0100

(image) Un abbraccio ai nostri amici traditi e dimenticati ma che la storia nonostante gli occultamenti non può dimenticare.

NSC




MARINI: "HO RIMESSO L'INCARICO A NAPOLITANO"

Mon, 04 Feb 2008 20:43:17 +0100

(image)

Ansa 04/02/2008

ROMA - "Ho rimesso nelle mani del presidente della Repubblica l'incarico affidatomi, rammaricato per l'impossibilità di raggiungere l'obiettivo necessario per il paese di una modifica della legge elettorale". Lo ha detto il presidente del Senato Franco Marini al termine dell'incontro al Quirinale con Giorgio Napolitano.

In caso di scioglimento domani, 5 febbraio, la prima domenica utile per le elezioni sarebbe il 23 marzo, ma sarà il giorno di Pasqua e dunque non si potrà votare. L'ultima domenica papabile é invece quella del 13 aprile. La scelta, dunque, dovrebbe cadere tra il 30-31 marzo, il 6-7 aprile e il 13-14 aprile.

Dove non è arrivata l'intelligenza di napolitano ci sono arrivati i fatti...