Subscribe: uovosodo
http://uovosodo.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Added By: Feedage Forager Feedage Grade C rated
Language: Italian
Tags:
burro  che  circa  della  farina  forno  gli  mia  minuti  perchè  più  ricetta  riso  sono  tra  uova  zucchero velo  zucchero 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: uovosodo

uovosodo





Last Build Date: Wed, 16 Sep 2015 17:06:49 +0000

 




Wed, 04 Feb 2009 11:05:00 +0000

Frittelle di mele al profumo di cannellaChe fracasso! Che sconquasso! Che schiamazzo, mondo pazzo! E’ arrivato Carnevale buffo e pazzo, con le belle mascherine, che con fischi, frizzi e lazzi, con schiamazzi, con sollazzi,con svolazzi di sottane e di vecchie palandrane, fanno tutti divertir; E fischiando, saltellando, tintinnando, viene innanzi e non fa male; con i sacchi pieni zeppi di coriandoli e confetti, di burlette e di sberleffi, di dispetti, di vestiti a fogge strane, di lucenti durlindane, di suonate, di ballate, di graziose cavatine,di trovate birichine! 3 mele renette 100 g di farina1 uovo7 cucchiai di latte 1 cucchiaio di brandy Un limone 1 cucchiaino di cannella in polvere 1 cucchiaino di zucchero semolato zucchero a velo olio per friggere Sbucciate le mele eliminate il torsolo E tagliatele a fette di circa 2 cm, nel Senso della larghezza. Spennellatele con il succo di limone Mescolato al brandy. Amalgamare alla farina il latte, Lo zucchero semolato, la cannella E il tuorlo. Montare a neve gli albumi con un pizzico Di sale; amalgamatelo al composto e Immergeteci man mano le mele. Scaldate abbondante olio in una casseruola dai bordi alti, Lasciateci cadere le fette di mela e cuocetele Su entrambe i lati, finché saranno dorate. Fatele asciugare su carta assorbente. Disponetele su un piatto e spolverizzatele di zucchero a velo.[...]




Sat, 21 Jun 2008 14:05:00 +0000

(image)
Orzo, pesto di basilico e menta, fagiolini e feta


Che bello alzarsi un sabato mattina e avere in programma spese e relax - pssss ... oggi, tra l'altro è il primo giorno d'estate! - Era un po' che non riuscivo a fare un giretto al mercato, così ecco: percoche, pesche noci, fagiolini, menta basilico.....acccc...mi mancano orzo e feta...corro al market......ecco fatto.....che bellle però....quasi quasi mi fermo a comprarle
....http://apres-midi-milano.blogspot.com/2008/06/ballerine-sushi-laccate.html


(image)
Tra una distrazione l'altra ce l'abbiamo fatta.
Siamo arrivati a casa e tra la il bucato da stendere e il letto da ricomporre, ecco che riusciamo a sederci a tavola con la macchina fotografica al posto della forchetta.
Buon appetito
!

(image)
200 g di orzo o grano-quello precotto cuoce in minor tempo-
Per il pesto:
50 g di basilico
50 g di grana
50 g di olio e.v.o.
1 rametto di menta
1/2 spicchio di aglio
1/2 cucchiaino di sale fino;
200g di fagiolini sbollentati
100 g di feta greca

Lessate il grano/orzo per circa 10 minuti.Scolate e lasciate raffreddare.In un robot da cucina mettete il basilico, la menta, il grana, l'olio, l'aglio e il sale; fate frullare per un paio di minuti.
Condite il grano/orzo con il pesto, i fagiolini tagliati a pezzetti e la feta sbriciolata.




Fri, 20 Jun 2008 17:34:00 +0000

(image)
Madeleine



Ultimamente mi chiedo spesso che fine ha fatto estate!???Al risveglio, ogni mattina, cerco di scorgere tra le fessure della tapparella quale umore, il tempo, mi trasmetterà.
Se di sole o di pioggia.
Il problema è che il sole , da un po', non fa capolino...in effetti il mio umore...
Da qualche giorno invece, questo problema pare essersi risolto.
Finalmente riesco ad avere un umore estivo.
Capisco che, l'idea di accendere un forno per far cuocere queste Madeleine non venga spontanea, magari rimandatela al primo giorno di pioggia che sicuramente non tarderà a riproporsi.

(image)
200 g di zucchero semolato
250 g di farina 00
8 g (1/2 bustina) di lievito in polvere per dolci
50 g di latte
125 g di burro fuso
4 uova
1/2 cucchiaino di vaniglia

Mescolare le uova intere con lo zucchero, senza montarle. Aggiungere la farina setacciata con il lievito, il latte e il burro.Lasciar riposare l'impasto per tre ore.Imburrare e infarinare gli stampi appositi per le madeleine, riempirli per metà con l'aiuto di una sach a poche.Cuocere a 180 gradi fino a quando saranno dorati.




Thu, 07 Feb 2008 18:52:00 +0000

(image) Ciambelline


Ci ho provato a cambiare un po' stile. Quello di qualche giorno fa, per chi di qui passò, non mi ha convinto fino in fondo.
Ho trovato più equilibrato il compromesso tra i pallini rosa e il solito logo con l'omino di marzapane.
Si lo so che sono sparita in una nuvola di zucchero filato, un po' per pigrizia...un po' per pigrizia.
dopotutto queste cose vanno fatte con slancio creativo, e non è che sempre si è a mille.
Non mi piace vedere sempre le stesse cose, le stesse immagini,proprio perchè a volte le usiamo per esprimere momenti, stati d'animo, devono evolvere, cambiare.
Funziona un po' come la musica.
Per la cucina è uguale.Se mi capita di essere arrabbiata, stanca, le mie ricette risentono di queste "influenze negative",se al contrario sono allegra, felice, riesco a trasmettere queste emozioni attraverso il cibo.
A me capita.


(image)
250 g burro
310 g di zucchero al velo
110 g di tuorli
120 g di uova intere
160 g di farina 0
160 g di fecola
4 g di lievito chimico
250 g di lamponi+250 g di mirtilli

Montare il burro e lo zucchero, aggiungere a filo le uova e i tuorli, infine unire le polveri setacciate.
Riempire in formine per savarin (pratici quelli in silpad) e cuocere fino a doratura in forno a 190 gradi,
Sformare le ciambelline, fare raffreddare e riempirne il buco con i frutti di bosco.




Tue, 18 Sep 2007 18:12:00 +0000

(image)
(image) Riso,spinaci,limone e uvette


Domani sarà un giorno importante, si vedrà se settembre avrà delle sorprese in serbo per noi, se la ruota della fortuna girerà nel verso giusto.Puo' darsi che domani si festeggi o che no.Che ci si ubriachi o che no.
Lascio tutto un po' in sospeso, non anticipo nulla, un po' per superstizione un po' per abitudine.
Posso solo che, incrociare le dita delle mani, dei piedi.

(image)
70 g di riso basmati
70 g di riso venere
1 cipollotto bianco
250 g di foglie fresche di spinaci
la scorza di mezzo limone
1 cucchiaio di uva sultanina ammollata
2 cucchiai di lamelle di mandorle tostate

Porto a ebollizione una pentola d'acqua. Cuocio per circa 20 minuti i il riso. Scolo e metto da parte. In una padella scaldo 2 cucchiai di olio, faccio soffriggere il porro tagliato finemente.
Faccio rosolare il riso per qualche minuto. Sfumo con un sorso di vino bianco. Aggiungo, gradatamente, le foglie degli spinaci tagliate a julienne. Faccio saltare per cinque minuti al massimo.Spengo il fuoco. Aggiungo le uvette sminuzzate e la scorza del limone grattugiata finemente. Per ultimo, le mandorle.




Tue, 11 Sep 2007 19:17:00 +0000

(image)

Insalata greca


Chissa perchè la metà della gente che conosco, quest'estate ha trascorso le vacanze in Grecia!Forse perchè i prezzi erano vantaggiosi, forse perchè il mare è fantastico, o forse perchè la cucina è eccezionale?
Io non so, perchè in Grecia non ci sono ancora mai stata (eviterei Atene, perchè so' essere la citta più inquinata d'Europa).
Mi accontento delle "pita" niente male, che qualche posticino , a Milano, sa far bene.
Vi lascio l'appunto di una ricetta semplice e veloce, l'insalata greca che, al contrario dell'insalata detta russa, con la Grecia c'entra eccome.


(image)
Dosi per 4 persone

250 g di feta greca
2 cetrioli
4 cipolloti freschi
200 g di olive greche (in alternativa quelle taggiasche sono buone)
1 peperone verde
4 pomodori ( s.marzano)
olio e.v.o
sale
origano

La feta andrebbe tagliata in cubetti ma, visto che vi si sbriciolerà tra coltello e tagliere, fate che sbriciorarla da principio con le mani. Pulite e tagliate in cubetti : i cetrioli, il peperone e i pomodori. Sminuzzate i cipollott e aggiungete le olive. Salate, "oliate" e cospargete di origano. Mescolate il tutto e mettete in frigo prima di servire.




Sun, 09 Sep 2007 12:42:00 +0000

(image)

Bonnet(bunet)

Ta taaaann.Eccomi qui, fresca come un ruscelletto di montagna e leggera come un passerotto!Posso affermare quest'anno di essermi davvero riposata.E' incredibile, quest'estate ho staccato la testa da tutti gli affani dell'inverno,mi sono davvero estraniata dal quotidiano!Che bello...e mi è riuscito anche piuttosto bene.
A volte facevo addirittura fatica a ricordare...come si fa un uovo all'occhio di bue.
Per forza non ho più pubblicato post, ho chiuso il gas dei miei fuochi e ho mandato in vacanza anche loro.E vai di ristoranti, gastronomie...mamme e sorelle che cucinano per te con tanto amore, sagre di paese e quant'altro.

(image)

Ogni anno, al ritorno dal mare mi convinco sempre di più che la vita di mare mi calzerebbe a pennello.Chissà che in un futuro non troppo lontano decida di fare i bagagli e scappare.C'è chi è d'accordo con me?
Per ora non posso fare altro che consolarmi cucinando qualcosa al cioccolato, che si sa solletica il buonumore...nell'attesa di tempi migliori!!!

dosi per circa 6 cocottine :

220 g di latte fresco intero
80 g di panna fresca
100 g di amaretti secchi
50 g di cacao zuccherati setacciato
10 g di rum (facoltativo)
2 uova intere
1 tuorlo

Versate il latte e la panna in una scodella, mescolate. Aggiungete il cacao setacciato, gli araretti sriciolati grossolanamente, le uova e il rum.


(image)











Con una frusta da cucina, amalgate gli ingredienti senza montare il composto. Lasciate riposare per 20 minuti a temperatura ambiente.Riempite le monoporzioni fino a un dito sotto il bordo.
Riscaltate il forno e portatelo alla temperatura di 170 gradi.
Posate su una placca le cocottine, mettetela in forno e riempitene il fondo con un dito scarso di acqua fredda.
Cuocete per circa 45 minuti.
Lasciate raffreddare e mettete in frigo.




Thu, 05 Jul 2007 11:55:00 +0000

Biscotti di riso alla rosaHo ripreso questa ricetta da un vecchio numero di "D", questo per sfruttare il mio sciroppo di rose.La ricetta ha un pocedimento molto semplice e veloce. La base della ricetta prevede l'uso della farina di riso, nonchè una piccola dose di farina 00.Se siete intolleranti al glutine potete tranquillamente omettere quest'ultima e godervi queste chicche.Avrete bisogno di:60 g di zucchero a velo225 g di burro ammorbidito1 tuorlo250 di farina di riso1 cucchiaio di sciroppo alla rosa60 g di farina 00la punta di un cucchiaino da caffè di lievito per dolciMontate il burro con lo zucchero a velo.Unite il tuorlo, lo sciroppo di rose, la farina di riso, la farina 00 e il lievito.Lavorate finchè otterrete una pasta omogenea.Avvolgetela e mettetela in frigo per 20 minuti.Dividete la pasta in palline della grandezza di una noce e disponetele, ben distanziate tra loro su una teglia rivestita di carta da forno.Schiacciate leggermente le palline al centro con una forchettaCuocete in forno già caldo (170 gradi) per circa 15-20 minuti.[...]




Wed, 04 Jul 2007 09:10:00 +0000

(image)

Rose


Qualche giorno fa ho acquistato questo sciroppo di rose .Ho cercato su internet notizie sulle sue origini.Chi lo produce è un agriturismo, "Il sottobosco" i cui prodotti sono biologici.Il Sottobosco ha sede nella localita di Acquabuona ,una frazione di Tiglieto, Genova.

(image)
Le rose più adatte alla macerazione sono le Muschiate o Muscose, che vengono raccolte tra la metà di maggio e i primi di giugno, quando la corolla è ben aperta.
I petali si immergono in acqua e limone, precedentemente portata ad ebollizione e si lasciano macerare per circa 24 ore.Poi si filtra il liquido, si torchiano i petali , si aggiunge lo zucchero e si porta nuovamente a ebollizione per una decina di minuti.A questo punto il prodotto viene imbottigliato.


(image)

E' difficile reperire un prodotto che sia, come questo, totalmente naturale, in genere si trovano prodotti scadenti,miscugli di acqua, zucchero, aromi sintetici e coloranti.
Il modo più semplice per consumarlo è sicuramente con ghiaccio e acqua.In pasticceria può trovare spazio come aroma per biscotti di riso , per profumare creme pasticcere, panna, gelati e granite, nonchè come aroma per biscotti e dolci a base di mandorla, al posto dell'acqua ai fiori d'arancio.


(image)




Fri, 22 Jun 2007 18:05:00 +0000

(image)
Pane arrotolato su caponata



La caponata non l'ho fatta io, ma la mia amica Margherita.In questi giorni ne ho fatte grandi scorpacciate perchè è freschissima e buonissima.Non so come ma i pezzetti son tagliati piccolissimi, con pazienza che solo un santo può avere, perciò ha modo di insaporirsi così bene, che non smetterei di mangiarne.Questa era l'ultima cucchiaiata che ho deciso di sfruttare o far fruttare per l'aperitivo con la mia dolce metà:io ,tu e la caponata di zia Marghe!
Lui sembra aver apprezzato, io ancora di più



(image)




Tue, 19 Jun 2007 10:48:00 +0000


(image)
Crumble di pesche


In questi giorni ho notato che su molti blog di cucina impazza la ricetta del crumble di pesche.Sarà perchè le pesche iniziano ad essere buone e il caldo sta cominciando ad asciugarci.Anch'io ho pensato di proporvi la mia ricetta, presa da un libro della "biblioteca culinaria" dal titolo "crumble", che ne contiene di dolci e salati.Se vi capitasse di averlo tra le mani, date un occhi alle ricette salate, a mio avviso fresche e interessanti, di facile e buona riuscita.(image)


(image)
1,2 kg di pesche
120 g di zucchero+50 g per le pesche
100 g di burro
150 g di farina
100 g di pistacchi al naturale tritati
Preriscaldare il forno a 180 gardi. Tagliare le pesche a pezzetti,aggiungete i 50 g di zucchero e mettere da parte.Nel mixer,tritare gli ingredienti rimasti.Mettere in una pirofila le pesche e cospargetele con la pasta sbriciolata.Infornare per circa 30 minuti.


















Sat, 16 Jun 2007 14:53:00 +0000

(image)

"LA" Pasta frolla

I dolci mi piacciono, su questo nn ho dubbi, preferisco però quelli secchi: crostate, dolci da forno, che non prevedano farciture a base di panna ( mi nausea facilmente).
Tollero invece (mooolto bene, direi) la crema pasticcera.
Toglietemi tutto....non "LA" pasta frolla, in assoluto la mia preferita.
(image)
Per aaaannniiii sperimentai ricette di ogni genere, finchè un giorno raggiunsi il nirvana.Eccola, la ricetta perfetta.Si sa, da buone e solide fondamenta, tutto ciò che ne seguita puo essere arricchito e decorato in mille più mille modi diversi, l'importante è partire da una buona base...
Eccola insomma, fragrante e profumata, è lei.
Io ve ne suggerisco dosi massiccie, non si sa mai che, presi dalla foga non sfamiate tutto il quartiere!

1 kg di farina
700 g di burro
400 g di zucchero a velo
8 tuorli
Impastare in modo omogeneo tutti gli ingredienti.Farne una grossa palla e farla riposare per almeno un giorno in frigo.Semplice no?




Tue, 12 Jun 2007 19:29:00 +0000

(image) Cioccolato e zucchine
(+violetta candita)



Un accostamento un po' azzardato, ma buono,la stessa filosofia della carota nei dolci, solo meno usuale.La violetta in realtà è stata più una scelta di colori, abbinamenti,forse non lega troppo, ha sempre un po quel gusto di saponetta!!Fa molta scena però.

(image)

200 gdi farina
3 uova
180 g di zucchero cassonade
10 cl di olio d'oliva
100 g di mela grattugiata
100 g di zucchina grattugiata
2 cucchiai da zuppa di cacao amaro in polvere
50 g di cioccolato fondente tritato finemente
50 g di noci
1/2 bustina di lievito per dolci
1/2 cucchiaino da caffè di bicarbonato di soda
un pizzico di sale
violette candite per decorare

Sbattere le uova con lo zucchero e l'olio.Aggiungere progressivamente le zucchine e le mele, il cioccolato tritato, il cacao(setacciato) le noci, la farina e il sale.Mescolare e incorporare delicatamente il lievito e il bicarbonato.Versare l'impasto in formine piccole da muffin. Cuocere in forno caldo ( 180 gradi) per circa 15 minuti.



Torta di carote

Mon, 11 Jun 2007 10:00:00 +0000

(image)
Ucci ucci sento odor di carotine!!!Le tortine che lassù vedete le ho sfornate qualche minuto fa,non riesco a nascondervi che il profumino persiste e, nel tragico risveglio di un lunedì mattina, la cosa non guasta.
Come spesso si dice alla tv"...mi dispiace non abbiano ancora inventato la tv dei sensi...", io per riflesso vi dirò "...mi dispiace non abbiano ancora inventato il blog dei sensi...",ci lavoreremo!Altro non posso fare che riportarvi la ricetta di questo delizioso dolce, poi chissà magari tra qualche tempo, al suon di un campanello, potrete allungar la mano e prenderlo.Confido nell'evoluzione della scienza!!

200 g di carote grattugiate
150 g di farina di mandorle
200 g di farina
150 g di zucchero
3 uova intere
125 g di burro ammorbidito (nn sciolto)
1/2 bustina di lievito per dolci
il succo di 2 arance e la scorza di una(grattugiata)

Montate il burro con lo zucchero, aggiungete le uova una ad una.Versate la farina setaccita con il lievito, la farina di mandorle, le carote, il succo e la buccia delle arance.
Versate il composto in una tortieta imburrata e infarinata e cuocete per almeno 20 minuti in forno caldo (180 gradi).




Thu, 07 Jun 2007 14:41:00 +0000

(image)
Cake the verde (macha)


Mannaggia al macha, che ha quel gusto che si avvicina alla saponetta, ma che, mi piace così tanto.
Mannaggia perchè per comprarlo bisognerebbe lo si potesse comprare a rate, tanto costa!
Quasi è un peccato usarlo per preparazioni da forno,anche se, così ci offre un aroma smorzato, meno violento del berlo come intruglio da the.
Altro non è che una di quelle semplici ricette come piacciono a me.
La base più o meno è quella di un plum cake, con l'aggiunta del prezioso arom(image) a!
Prima ancora che controlliate di avere burro, uova e farina in casa, recatevi in uno di quei sempre lontanissimi negozietti di prodotti giapponesi, comprate questa polverina, e poi ne riparliamo.
Se siete tra gli eletti allora andate a comprare le uova, il burro e lo zucchero a velo!Se avete tutto buon per voi.

100 gr di burro
100 gr di zucchero a velo
120 gr di farina 00
2 uova
100 gr di farina di mandorle
5 g di lievio in polvere (1/2 bustina circa)
2 cucchiaini di macha

Separare i bianchi dai rossi.Sbattere i rossi con lo zucchero, aggiungere il burro precedentemente fuso, poi la farina di mandorle.Montare gli albumi con un pizzico di sale.
Aggiungere al composto dei tuorli,in ordine ,la farina setacciata, gli albumi e il lievito.
Cuocete a 180 gradi per circa 30 minuti .

Sento già il profumino...ah no, forse è quello del forno di casa mia...



Il mio amico TOPO GIGIO

Mon, 28 May 2007 17:17:00 +0000

(image)

Adesso anch'io posso dire di aver conosciuto un"vip", uno di quelli che oramai sono entrati a far parte del firmamento, colui le quali zampette saranno sicuramente impresse sul famoso marciapiede ad Hollywood.
Per un giorno sono stata la cuoca personale del topo piu' famoso d'Italia (andiamo, mickie mouse a confronto è un dilettante!) .
L'ho visto muoversi, ballare e cantare.
E' stata davvero un' emozione, da piccola lo adoravo.



Tanti auguri

Fri, 25 May 2007 13:40:00 +0000

In realtà non sono 50 gli anni che compio( anzi che ho compiuto il 23 maggio), ma 29...inoltre questa non è propriamente la "mia" torta di compleanno, cioè l'ho fatta io(le farfalle possono confermare)ma è stata fatta per un'amica!
Per farla breve,visto che nessuno a me l'ha fatta, la rubo idealmente, e mi facco gli auguri da sola!!!!!

(image)



!Polpette mi manzo e pistacchi!

Thu, 17 May 2007 07:03:00 +0000

Come già vi accennavo tra i commenti, la "cosa" è più semplice di quello che poteva sembrare.
Alcuni di voi hanno scritto di cose molto originali e sfiziose.Bravi.Eccovi comunque la ricetta.
300 g di trita di manzo
200 g di patate lessate e passate
150g di pecorino sardo grattugiato
prezzemolo tritato
sale
pistacchi di bronte al naturale

Amalgamate tutti gli ingredienti in modo omogeneo, salate.Formate delle palline che passerete nella granella di pistacchi.Ponete le polpette su una placca da forno e cuocete in forno caldo a 180 gradi per 15/20 minuti.Servite tiepide infilandole una ad una in uno stecchino da spiedino



..la ricetta...inventatela voi....io metto la foto....

Tue, 15 May 2007 21:38:00 +0000

Avrete sicuramente capito che mi piace giocare.Ora un gioco lo propongo io a voi.
La foto trae in inganno: potrebbe essere una cosa dolce o salata.Alla fine vi dirò la mia...ma sarei curiosa di conoscere la vostra ricetta.Cosa vi ispira questa foto?
Scrivetemela....sono curiosa....


(image)



Mostriciattoli all'attacco

Sun, 15 Apr 2007 09:51:00 +0000

Vi sarete chiesti che fine abbia mai fatto!!??Ebbene, che ci crediate o no,il lavoro è tanto, e non ho molto tempo da dedicare al mio blog...però non sono andata via per sempre, ogni tanto venite ancora a trovarmi, le porte della mia cucina saranno sempre aperte ; ad accogliervi troverete un sorriso sincero ed un profumo invitante.

(image)

E' un periodo di feste, comunioni, battesimi....in cui i bambini la fanno da padroni!
Perchè nn trasformare i loro piattini, in giochetti divertenti.
Sì sa che a loro piacciono poche cose, quelle semplici per di più, ma accontentiamoli allora!!Non siamo egoisti.
Qui a seguire uno sformatino di zucchine ...ops...scusate....un mostro marino, con tentacoli di briseè ed occhioni di sottiletta e rondelle di olive nere.
In questo caso è l'idea e la fantasia che contano, la ricetta la ometto, fate voi.



Spirali di frittata e salmone

Fri, 23 Feb 2007 13:31:00 +0000

Questa settimana che avrei voluto passare un po' di tempo in totale relax tra un bagno turco e un idromassaggio,in quei di Vinadio, ho dovuto desistere causa blocco totale del traffico.
Il fatto è che avrei potuto anche organizzarmi con treno e autobus, ma , a parte il fatto che da milano a cuneo ci sono, se va bene, 3 e 1/2 di viaggio,il problema sarebbe stato raggiungere il complesso termale ,che si trova a 10 km dalla civiltà.
Che dire, mi dedicherò, tanto per cambiare alla sperimentazione di cibarie varie, nn sia mai che, dato il silenzio quasi assurdo che regnerà nell'aere, mi venga qualche lampo di genio; vi terrò aggiornati.
Intanto vi sguscio una ricettina da usare come idea per un aperitivo.


(image)

350 g di spinaci lessati , strizzati e frullati
3 bianchi+3 albumi
un pizzico di noce moscata
un pizzico di pepe
3 fette di pane nero
sale qb

Ripieno:
250 g di ricotta ferma o philadelphia
2 cucchiai di aneto fresco tritato
200 g di salmone affumicato, affettato
Aggiungere agli spinaci frullati, i tuorli, il sale e le spezie. Montate gli albumi ed incorporateli agli spinaci.Versate il composto su una teglia foderata e infornate a 220 gradi per 12 minuti. Sfornate, lasciate raffreddare e sformate. Mescolate il formaggio con l'aneto, salate. Tagliate lo sformato a metà nel senso della lunghezza, mettete le due metà su della pellicola e spalmate sopra ognuna il ripieno fino a un cm dal bordo. Coprite con il salmone.Arrotolate ogni metà dal lato più lungo e avvolgete nella pellicola girando le estremità a caramella per chiudere bene. Mettete in frigo per un paio d'ore.
Tagliate in fettine dello spessore di circa 1 cm , infilate in uno stecchino usando come base del pane nero tagliato nella forma desiderata.



Beignet

Sun, 18 Feb 2007 14:38:00 +0000

Avviso importante, che nulla c'entra con il seguito del post:qualcuno mi sa spiegare perchéc***o la distanza delle righe e delle lettere del testo a seguito, è diverso da un blocco a quello successivo...?Giuro io nn c'entro...Bene, la mia sfuriata l'ho fatta, ora posso cominciare tranquilla.Prendendo spunto da un post di qualche giorno fa, quello sul gioco del salato dolce /dolce salato, approfitto per mettervi a disposizione la ricetta base dei beignet , che poi decidiate di mettervi dentro una ganache o una crema al formaggio, questo sta a voi, alle vostre esigenze, l'importante che si parta da un buon impasto.Veniam dunque al sodo....18 cl di acqua50 g di burro90 g di farina2 uova interePortare a ebollizione l'acqua con il burro.A fuoco spento versarvi in un solo colpo, la farina.Mescolare energicamente, fino a che l'impasto nn si stacchi dalle pareti della pentola.Lasciare raffreddare.Incorporare una alla volta, le uova.Il composto deve risultare liscio e lucido.Con una sacca da pasticcere e un beccuccio liscio, disponete dei mucchietti su una placca rivestita di carta da forno,distanziati tra loro.Cuocere a 200 gradi fino a doratura (dai 10 ai 20 minuti a seconda della grandezza.Far raffreddare completamente, guarnire e decorare a piacere.I beignet possono essere preparati in anticipo ,tre o quattro giorni prima del loro utilizzo.Ah, dimenticavo, quelli lassù sono con crema di prosciutto alle erbe, e lamponi.La crema:100 g di prosciutto cotto affumicato200 g di philadelphia(o simile)un cucchiaino di maggiorana frescaIn un robot da cucina sminuzzo finemente il prosciutto, a parte, lo amalgamo al formaggio, aggiungo le erbe tagliate a coltello ed eventualmente ,dovesse il composto risultare troppo compatto, aggiungo un filo di panna fresca.Con l'aiuto di una sacca da pasticcere e di bocchetta per riempire i cannoli, riempio i beignet. Guarnisco con un lampone intero.[...]



Inno alla passione (buon s.valentino)

Wed, 14 Feb 2007 00:23:00 +0000


...«Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi. Mio peccato, anima mia. Lo-li-ta: la punta della lingua compie un percorso di tre passi sul palato per battere, al terzo, contro i denti. Lo. Li. Ta. Era Lo, semplicemente Lo la mattina, ritta nel suo metro e quarantasette con un calzino solo. Era Lola in pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores sulla linea tratteggiata dei documenti. Ma tra le mie braccia era sempre Lolita.»V.Nabokov


(image)
...."eravate voi,soltanto voi, la mia pura ossessionetra i tormenti della carne.Posavate le vostre mani freschissime sulla mia fronte.Nella mia solitudine sentivo la vostra presenza..."Louis Aragon-Le con d'irène-



"Hosomaki"di pollo, prosciutto ed erbe aromatiche

Tue, 13 Feb 2007 09:15:00 +0000

Nella cucina giapponese l' "hosomaki" è un semplice rotolino a base di riso condito(con un'emulsione a base di aceto di riso e zucchero ),pesce o verdura,avvolti da un foglio di alga nori(quella nera, per intenderci).
Così è nella tradizione della cucina giapponese.
Da noi però il sushi a volte viene affrontato in maniera creativa, da personaggi del calibro di Moreno Cedroni, per esempio, che inventò a suo tempo il "susci"che si distingue dal"sushi", una distinzione grammaticale che ne caratterizza, maccheronicamente l'appartenenza, sfruttando quella che sicuramente nn è solo una cucina , ma una filosofia di vita, adattandola a prodotti mediterranei.
Il che devo dire mi ha sempre molto affascinato e, onestamente, nn ha mai deluso le mie aspettative.
In reltà la ricetta a seguito, vuol fare una pernacchia al sushi(che a me piace molto),in modo ironico.

(image)
4 fette di petto di pollo (possibilmente ruspante)
4 fette di prosciutto cotto
un mazzetto di prezzemolo fresco tritao
2 rametti di maggiorana fresca tritata
sale alle erbe
3 cucchiai di farina 00
vino bianco per sfumare
Con un coltello molto affilato, tagliare a "portafoglio il pollo, batterlo con un batticarne, salarlo, spolverarlo del trito di erbe e farcilo con una fetta di prosciutto cotto.
Avvolgere il pollo su se stesso e fermare con dello spago da arrosto.
Infarinare .In una padella, scaldare dell'olio di oliva, far rosolare gli involtini, sfumare col vino.Far cuocere per altri 10 minuti.
Togliere dal fuoco, dividerli dal sughetto di cottura e far intiepidire.
Tagliare ogni involtino in 4 cilindretti, disporli su un piatto e usare la salsina di cottura, posta in una scodellina(quella che solitamente si usa per la salsa di soia) come intingolo.



Ciambella dolce o salata?

Sat, 10 Feb 2007 08:26:00 +0000

Questa ciambella è frutto di un gioco, un gioco di contrasti.Il divertimento sta nell' immaginarsi dei piatti salati che appaiano come dolci e viceversa.Questa è la ciambella di riso e verdure che vi ho proposto in un post di gennaio, per cui la ricetta ve la risparmio.

(image)
Un'altro gioco simpatico è stato quello dei bigne salati,perchè all'interno vi era un patè a base di formaggio e tonno, e formaggio e prosciutto,ma decorati con frutta , dando così l'impressione di essere dolcetti...il tutto potrebbesuscitare un dubbio, perchè vengono serviti come antipasto!!!Ad ogni modo tutto si stavolge,visivamente si ha l'impressione che il menù cominci un po al contrario, dal dolce al salato, insomma.
La chicca è stata poi quella di servire il vino,da teiere tutte diverse di colori, stili e forme!
L'idea è mooooolto carina e il lavoro è stato mooooolto divertente!
Un'idea per una festa un po particolare, dove la nostra fantasia è stata premiata.