Subscribe: Summer thoughts, waiting snow
http://brosite.blogspot.com/rss.xml
Preview: Summer thoughts, waiting snow

Summer thoughts, waiting snow



Il blog degli Snowbrothers



Last Build Date: Mon, 04 Sep 2017 22:33:52 +0000

 



Chateaux de Acerboni

Fri, 11 Jan 2013 16:55:00 +0000





Andermatt destiny

Mon, 10 Dec 2012 09:50:00 +0000

LA 2 - lunedì 10 dicembre 2012 alle 22:15 La2 Doc A cura di Krysia Binek Un egiziano a Andermatt: la saga continua di Alain Godet Sono passati 6 anni dal clamoroso annuncio del faraonico progetto turistico nel cuore della Svizzera: Andermatt Swiss Alps, con la costruzione di 6 alberghi, 490 appartamenti e un investimento di quasi due miliardi di franchi. Il dinamico imprenditore egiziano Samih Sawiris, arrivato come una tempesta del deserto aveva sconvolto la secolare quiete della Valle di Orsera. Il magnate ha acquisito anche gli impianti di risalita di Sedrun che permetteranno di collegare la località a Andermatt e offrire così 130 km di piste, investendo oltre 100 milioni di franchi. ----------------------------------Messaggio inviato dal servizio di informazione RSI InfoMail/RSImail




Cheese day!

Tue, 18 Sep 2012 15:40:00 +0000





Regole

Fri, 14 Sep 2012 15:14:00 +0000


1)  Il problema delle valanghe non è se, ma quando.
2)  Scegli con cura come vestirti e che attrezzatura usare. I soccorritori non hanno altro metro per giudicare il tuo grado di preparazione.
3)  Se chiedi a tua moglie se puoi andare vuol dire che non vuoi andare.
4)  Sci fuoripista è come karate. Tu no fai karate, è ok. Tu impari karate è ok. Tu fai karate così così tu morto.
5)  Lo sci ripido è come la vita. Vai all'obiettivo, cambia le carte, non fidarti di nessuno. Non esiste una seconda partita.






    Arrivo dell'inverno nelle regioni meridionali, venti da sud a tratti tempestosi

    Tue, 25 Oct 2011 11:56:00 +0000

    (image)
    Bollettino nazionale delle valanghe
    valido fino a mercoledì, 26 ottobre 2011
    data di pubblicazione 24.10.2011, 18:30

    Arrivo dell'inverno nelle regioni meridionali, venti da sud a tratti tempestosi


    Evoluzione
    Nella notte fra lunedì e martedì 25 ottobre inizierà a nevicare nelle regioni meridionali al di sopra dei 1400 m circa. Queste nevicate si intensificheranno e dureranno sino alla notte fra martedì e mercoledì 26 ottobre. Martedì il tempo nelle regioni settentrionali sarà progressivamente sempre più nuvoloso e, al di sopra dei 2200 m circa, inizierà debolmente a nevicare a partire da ovest. Mercoledì il cielo sarà in gran parte nuvoloso. Martedì i venti provenenti da sud saranno da forti a tempestosi, mercoledì solo più deboli. Sino a mercoledì cadranno sulla cresta principale delle Alpi dal Monte Rosa alla Val Müstair e a sud di essa come pure in Alta Engadina dai 30 ai 40 cm di neve al di sopra dei 2000 m circa, con punte locali sino a 60 cm. Sulla restante cresta principale delle Alpi e in Bassa Engadina cadranno dai 10 ai 20 cm di neve, altrimenti pochi centimetri. I venti causeranno il trasporto della neve fresca nelle regioni meridionali e della neve vecchia a debole coesione in quelle settentrionali.



    Posa della targa in memoria di Ettore Castiglioni [1 ottobre '11]

    Sat, 15 Oct 2011 06:50:00 +0000

    (image)
    Posa della targa in memoria di Ettore Castiglioni [1 ottobre '11]
    Uno splendido 1° ottobre 2011 vede i fratelli impegnati nella posa della targa in memoria di Ettore Castiglioni, nel luogo in cui morì il 12 marzo 1944.



    Ma guarda un po' ...

    Mon, 10 Oct 2011 06:44:00 +0000

    (image)
    (image)
    (image) 8 ottobre 2011, val Bedretto.



    Environment, pollution and freeride

    Mon, 26 Sep 2011 14:10:00 +0000

    src="http://player.vimeo.com/video/16442800?color=ffffff" webkitallowfullscreen="" allowfullscreen="" width="400" frameborder="0" height="225">

    All.I.Can. Official Teaser from Sherpas Cinema on Vimeo.




    Perché lo facciamo?

    Mon, 19 Sep 2011 08:08:00 +0000

    (image) Da ^Yukon, arriviamo!^



    Il Dio dell'inverno è arrivato (forse ...)

    Mon, 19 Sep 2011 07:13:00 +0000

    (image)
    Yukon, arriviamo!



    Mappare le valanghe via satellite? E' possibile.

    Thu, 30 Jun 2011 10:03:00 +0000

    Cosa non fa la tecnologia ...Satellites show potential for avalanche mapping 29 June 2011In Norway, avalanches pose a risk to road users every year. Since much of the country is remote, knowing exactly where avalanches have blocked roads is a challenge for the authorities. However, ESA has recently shown that satellites could help.The Norwegian Public Roads Administration (NPRA) is responsible for the national road network. In the winter, one of their main challenges is to keep drivers safe from avalanches by closing and clearing roads. However, monitoring the country for avalanche falls from the ground and air is costly and difficult because observation stations are sparse, especially in the remote mountainous regions. NPRA have turned to space to see if satellites could offer a solution. A pilot study called Innovators II–AvalRS was launched through ESA's Earth Observation Data User Element programme to do just that. Avalanche mapped using new algorithmOne of the best ways of ensuring that avalanches can be detected and accurately mapped from space is to observe those that have occurred and compare them with satellite images. Through the project, avalanches were identified using very high-resolution optical satellite imagery along with additional information such as digital terrain models. After preparation of the core data, avalanches could then be mapped using cutting-edge pattern recognition methods. The project tested two different approaches: one focusing on the texture of the avalanche deposits and the other focusing on topographic features of the avalanche such as aspect direction. Avalanche mapped by handBoth methods have yielded promising results. Avalanche deposits can easily be distinguished from undisturbed snow surfaces, rugged snow surfaces away from the avalanche and mixed textures such as sparse forest with snow. These two images of an avalanche clearly show the difference between using the new AvalRS technique for mapping and the traditional manual method. The remaining challenge is to distinguish between shadows and rocks and also make classifications within areas in shadow. Heidi Bjordal from NPRA said, "If these remaining challenges can be overcome, this new method will give us a unique opportunity to validate the occurrence of avalanches." The project has shown using satellite images and these new techniques could be used to add a significant degree of confidence to avalanche mapping from space – which would have the knock-on effect of keeping Norway's roads safe during the winter months.from: http://www.esa.int/esaEO/SEMZWW3TBPG_index_0.htmlFeed Snowbrothers[...]



    Gli sfondi di www.brosite.org [2011]

    Wed, 15 Jun 2011 21:34:00 +0000

    (object) (embed)


    Il video originale a questo indirizzo: http://animoto.com/play/J54HLRaULKsoy48MVqWhpA#
    Powered by Animoto



    Quanto costa la felicità? A volte niente.

    Wed, 01 Jun 2011 07:47:00 +0000

    src="http://www.youtube.com/embed/m9TiOVIqkxY" allowfullscreen="" width="560" frameborder="0" height="349">

    On YouTube: http://www.youtube.com/embed/m9TiOVIqkxY



    Tenera Forst!

    Wed, 18 May 2011 18:34:00 +0000

    src="http://www.youtube.com/embed/XQtJchVy6Z0" allowfullscreen="" width="500" frameborder="0" height="349">

    Il video originale su YouTube (ma non male anche questo).




    Val Cavagnolo , 7 maggio 2011

    Wed, 11 May 2011 07:41:00 +0000

    (object) (embed)

    Clip su Animoto: http://animoto.com/play/e1RUch0osTVaBoMozYth5g



    Il mantra dello scialpinista freerider

    Fri, 22 Apr 2011 08:15:00 +0000

    (image) http://www.brosite.org/mantra.htm

    Libero adattamento da Tsang Nyong Heruka, Centomila Canti di Milarepa, traduzione dal tibetano a cura di Franco e Kristin Pizzi, Ed. «Rassegna Culturale J.M.». Roma 1989, p. 101 s.

    Errata: yoghi
    Corrige: scialpinista freerider

    ====================

    Come un criminale scappato dalla prigione,
    lo scialpinista freerider ha abbandonato il suo paese natio e ne è felice!

    Come un cavallo liberato dalle briglie,
    lo scialpinista freerider non ha attaccamenti e ne è felice!

    Come un animale ferito, isolato dal branco,
    lo scialpinista freerider vive in solitudine e ne è felice!

    Come un'aquila che fende il cielo,
    lo scialpinista freerider è sicuro della sua visione e ne è felice!

    Come l'aria che si sposta nel cielo,
    lo scialpinista freerider si espande ovunque e ne è felice!

    Come un pastore che bada al suo gregge,
    lo scialpinista freerider protegge le sue esperienze di vacuità e chiarezza e ne è felice!

    Come il Monte Meru al centro dell'universo,
    lo scialpinista freerider rimane stabile e ne è felice!

    Come lo scorrere di un grande fiume,
    le esperienze dello scialpinista freerider fluiscono continuamente e ne è felice!

    Come una pietra che affonda in un lago,
    lo scialpinista freerider non torna indietro e ne è felice!

    Come il sole che brilla nel cielo,
    la luce dello scialpinista freerider rischiara ogni cosa, e ne è felice!

    Come le foglie della palma, che non ricrescono una volta tagliate,
    lo scialpinista freerider sa che non rinascerà ed è felice!



    Il nuovo spot della Rega

    Sat, 16 Apr 2011 08:13:00 +0000

    allowFullScreen='true' webkitallowfullscreen='true' mozallowfullscreen='true' width='320' height='266' src='https://www.blogger.com/video.g?token=AD6v5dzVmEAdzVwohahLQlbSGYZ0DoRMJm2JjTNTOwIAYxOEsuJSAPg1uC02uMAuXnfJNQ3sxBmW18ZZyAo' class='b-hbp-video b-uploaded' FRAMEBORDER='0' />

    Su TouTube: http://youtu.be/j3UuHVBFHzE

    Making off: http://www.youtube.com/watch?v=KZLcOilDoDk&feature=player_embedded


    Media Files:
    http://www.blogger.com/video-play.mp4?contentId=b092479228968000&type=video%2Fmp4




    1 dicembre 2015: a spasso fra prati e bosco della “ex-cava”!

    Wed, 06 Apr 2011 07:12:00 +0000

    Ultimissime da http://stopdiscaricabedretto.wordpress.com/

    1 dicembre 2015: a spasso fra prati e bosco della “ex-cava”!

    Dopo il “lungo” inverno ecco alcune importanti novità:

    Cava
    Lo scempio naturale-ambientale della “zona cava” avrà finalmente una soluzione anche se non immediata.
    Sorvolando sulla questione d’illegalità che per anni ha visto il gestore della “cava” fare quello che voleva in un’area che andava vieppiù allargandosi distruggendo senza ritegno il territorio e depositando di tutto (con il Municipio di Bedretto a guardare!), il Cantone ha finalmente imposto un progetto di ripristino di tutto il comparto.
    Il gestore avrà 5 anni, (termine 30 novembre 2015) per ripristinare l’area in questione. Entro tale data l’intero comparto dovrà essere lasciato ineccepibile dal punto di vista paesaggistico, ambientale e naturalistico.
    I lavori sul terreno di 12.800 metri quadrati sono stati divisi a tappe, da portare avanti in sequenza da monte a valle. Dopo ogni tranche il gestore dovrà rinverdire il terreno e riprisitnare delle piantagioni per favorire il rimboschimento secondo un piano preciso.
    Il volume di materiale necessario per riempire le voraggini create sarà di circa 50 mila metri cubi ma dovrà essere materiale “pulito”, vale a dire proveniente da scavi e non da demplizioni. Anche il deposito abusivo di croste d’asfalto dovrà essere rimosso e questo entro 6 mesi!

    Il 1 dicembre 2016, neve permettendo, appuntamento quindi per una passeggiata di piacere, fra i boschi e i prati di quella che sarà la zona “ex-cava”; parola di Leandro Matasci Avvocato dei servizi giuridici del Dipartimento del Territorio.
    …una bella prospettiva

    Ampliamento discarica
    Dopo il rifiuto del Comune di Bedretto alla soluzione trovata in mediazione dall’Avvocato Anastasi (ampliamento di 20 mila metri quadrati, bosco intatto e, poi, chiusura definitiva) nelle prossime settimane dovrebbe giungere la decisione, da parete del Cantone, sul nuovo progetto presentato da Bedretto per l’ampliamento della Deponia.
    Ovviamente, nonostante i vari inviti a far partecipi abitanti e proprietari, il progetto è ancora avvolto nel mistero ma voci informate dicono che il volume previsto di materiale depositato sarà di 100 mila metri cubi compreso sacrificio di metà dei 14 mila metri quadrati di bosco presenti accanto al villaggio di Ronco.
    Noi attendiamo i dettagli nella speranza che già il Cantone si adoperi per limitare questo scempio riprendendo i contenuti del progetto elaborato dal suo mediatore Avvocato Anastasi. Non fosse il caso il ricorso a tale progetto è sicuro!




    Mai svegliare l'orso che dorme ...

    Sat, 26 Mar 2011 19:28:00 +0000

    Un dodicenne cade nella tana di un plantigrado in letargo: morsi alle gambe, ma se la caverà

    SVEZIA

    (image)
    Se l'orso s'arrabbia...
    MILANO - «Non ti avventurare nei fuoripista che è pericoloso»: è la classica raccomandazione del babbo, quando il figliolo si lancia sulle piste da sci. Non deve averla troppo recepita un dodicenne svedese di Funasdalen, stazione invernale al centro del Paese scandinavo.

    UN BRUSCO RISVEGLIO - Abbandonato il tracciato ufficiale, il ragazzino è caduto in una buca: ahilui, quella era la tana di un grande orso bruno che si stava godendo il suo sacrosanto letargo. Svegliatosi di soprassalto, il bestione evidentemente inferocito, si è avventato sul piccolo malcapitato, azzannandolo alle gambe e graffiandolo sul fondoschiena. Per sua fortuna, il ragazzotto è riuscito a divincolarsi e a scappare. E se la caverà, visto che all'ospedale della vicina Ostersund, dove è stato ricoverato, i medici hanno dichiarato che «Sta bene, tenuto conto delle circostanze». E pure il povero orso (alla fine stava solo dormendo) non dovrà pagare per l'azzardato «fuoripista»: la protezione ambientale svedese ha deciso che non rappresenta un pericolo per l'uomo e quindi, non sarà necessario abbatterlo. Morale della favola: sempre meglio ascoltare i consigli del babbo.

    Redazione Online Corriere della Sera
    26 marzo 2011

    http://www.corriere.it/cronache/11_marzo_26/orso-fuoripista-ragazzino-morso_2c8efa6e-57cf-11e0-8a3c-34dcb0202b47.shtml



    Vendo Dynafit TLT5 TF Mountain

    Wed, 23 Mar 2011 15:06:00 +0000


    Causa incompatibilità con il piede del sottoscritto (o forse numero piccolo) VENDO Dynafit TLT 5 Mountain misura 27.5, usati 1 volta Domenica scorsa. Chi fosse interessato scriva a l.spallino@gmail.com.



    Marco! Marcooo!

    Mon, 21 Mar 2011 10:29:00 +0000

    allowFullScreen='true' webkitallowfullscreen='true' mozallowfullscreen='true' width='320' height='266' src='https://www.blogger.com/video.g?token=AD6v5dxqR_kYF1B4G1EwtjPJHKwUUIKpJwBR_KxnEZ-3OAMgoqN_J5e5FMhRaSGVaRQcSMjjernoEjuaUQ0' class='b-hbp-video b-uploaded' FRAMEBORDER='0' />

    Location: val Cavagnolo, Ch
    Date: 20/03/2011


    Media Files:
    http://www.blogger.com/video-play.mp4?contentId=ec034adec7a09cfb&type=video%2Fmp4




    Rottura del legamento crociato anteriore. Istruzioni per l'uso >>

    Wed, 16 Mar 2011 16:51:00 +0000

    (image)
    Rottura del legamento crociato anteriore. Istruzioni per l'uso >>

    Bro Lo ha rotto il legamento crociato anteriore il 21 dicembre 2009, alla prima uscita stagionale. 451 giorni dopo scrive le sue memorie. Il sacrificio di uno, il beneficio di molti.



    Quando il gioco si fa duro, i duri ballano (2)

    Fri, 11 Mar 2011 09:05:00 +0000

    allowFullScreen='true' webkitallowfullscreen='true' mozallowfullscreen='true' width='320' height='266' src='https://www.blogger.com/video.g?token=AD6v5dz9UhcV_CafBzvXI20hv4RWkKWH7G99slcGUb1FlcNWVBzKF36wlHT0W_rSWaHun0IKkdLAER3z5Bk' class='b-hbp-video b-uploaded' FRAMEBORDER='0' />
    Spot: Disentis, CH, 05 marzo 2011
    Rider: Marco Bonvini


    Media Files:
    http://www.blogger.com/video-play.mp4?contentId=5a1902269cc4bd44&type=video%2Fmp4




    Quando il gioco si fa duro, i duri ballano (1)

    Fri, 11 Mar 2011 08:51:00 +0000

    (image) Spot: Disentis, CH, 05 marzo 2011
    Rider: Marco Bonvini