Subscribe: Commenti a: BlogNation, l’aggregatore di Telecom Italia
http://blog.tagliaerbe.com/2010/01/blognation-l-aggregatore-di-telecom-italia.html/feed
Added By: Feedage Forager Feedage Grade B rated
Language: Italian
Tags:
anno  che lighthouse  che  chi  dei  fattore posizionamento  google  lighthouse  nel  più  posizionamento  ranking  sempre  seo  velocità  web 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: Commenti a: BlogNation, l’aggregatore di Telecom Italia

TagliaBlog



Web Marketing Blog



Last Build Date: Fri, 16 Feb 2018 21:01:08 +0000

 



Chrome Lighthouse diventa un “SEO tool”?

Wed, 14 Feb 2018 07:03:07 +0000

Il 5 Febbraio 2018, Google ha annunciato di aver inserito una nuova funzionalità all’interno dell’estensione Lighthouse di Chrome. A “Performance”, “Progressive Web App”, “Accessibility” e “Best Practices”, si è aggiunta infatti la categoria “SEO”. Voglio precisare che Lighthouse è un’estensione utile per fare un’auditing di massima, e quindi non è nemmeno lontanamente paragonabile a tool come SEOZoom o SEMrush; semmai può essere paragonata a SEOquake. A mio parere è comunque interessante osservare quante e quali voci Google ha deciso di inserire fra quelle che Lighthouse analizza, per capire quali sono i fattori on-page su cui maggiormente si concentra il motore



Performance Based Advertising: chi ci guadagna e chi ci perde

Wed, 07 Feb 2018 07:03:28 +0000

La pubblicità online ha 2 facce: quella di chi la compra (l’inserzionista) e quella di chi la vende (l’editore). In mezzo può esserci una sorta di “intermediario”, ovvero una terza parte che raccoglie i soldi degli inserzionisti e poi gestisce ed eroga i banner sui siti degli editori (trattenendo una parte dell’investimento e lasciando il resto al gestore del sito): un classico esempio è il binomio Google AdWords/AdSense. Nel corso degli anni ho notato che, pian piano, l’inserzionista si è avvantaggiato ai danni dell’editore: intendo dire che oggi la bilancia pende sempre più verso l’inserzionista, mentre l’editore devi farsi “la



9 Previsioni SEO per il 2018

Wed, 31 Jan 2018 07:03:37 +0000

Come già avvenuto lo scorso anno, anche per il 2018 Rand Fishkin (Moz) ha pubblicato le sue previsioni sui cambiamenti del panorama SEO nel corso dei prossimi 12 mesi. Ecco i suoi 9 pronostici: 1. Il numero totale dei click organici di Google diminuirà di circa il 5% entro fine anno Nel 2017 abbiamo visto l’inizio di questa tendenza: meno click generati da Google, sia su desktop che su mobile. Con l’aumentare nelle SERP dei featured snippet, knowledge panel e instant answer, unito ad un posizionamento dei banner più aggressivo e un rallentamento nella crescita delle ricerche (almeno negli USA),



Google Speed Update: la velocità sarà un fattore di posizionamento (su mobile)

Wed, 24 Jan 2018 07:03:36 +0000

Il 17 Gennaio 2018, sul Google Webmaster Central Blog è comparso un post dove si annuncia ufficialmente il lancio dello “Speed Update”: in poche parole, la velocità di scaricamento della pagina diventa a tutti gli effetti un fattore di posizionamento. Ma la velocità non è un fattore di ranking già da qualche anno? Giusta osservazione: in effetti Google disse che la velocità con cui un sito risponde alle richieste web (testualmente “how quickly a website responds to web requests”) fa parte dei loro “segnali” dal lontano 9 Aprile 2010. La differenza è che allora se ne parlava in generale, mentre



Fattori di ranking 2018: l’analisi di SEOZoom

Wed, 17 Jan 2018 07:03:48 +0000

Come di consueto è arrivato per tutti il momento di tirare le somme dell’anno appena trascorso. Chi lavora in ambito SEO è sempre interessato a sapere come si è mosso Big G, in modo da poter anche provare a prevedere le mosse future per la propria attività. Quali sono stati quindi i fattori di ranking nel 2017 per Google? I dati raccolti dal team di SEO Zoom capeggiato Ivano Di Biasi su un campione di 500.000 pagine web dimostrano che gli algoritmi tendono sempre più a premiare chi segue al meglio le pratiche suggerite dal colosso di Mountain View: un