Subscribe: Le Donne del Kendo
http://donnedelkendo.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Added By: Feedage Forager Feedage Grade B rated
Language: Italian
Tags:
che  della  delle  donne  female  femminile  japan  kendo femminile  kendo  male  sensei  sono  women  women’s kendo  women’s 
Rate this Feed
Rate this feedRate this feedRate this feedRate this feedRate this feed
Rate this feed 1 starRate this feed 2 starRate this feed 3 starRate this feed 4 starRate this feed 5 star

Comments (0)

Feed Details and Statistics Feed Statistics
Preview: Le Donne del Kendo

Le Donne del Kendo





Last Build Date: Tue, 16 Dec 2014 10:41:28 +0000

 



Kate Sylvester, per Kendo World

Thu, 01 Sep 2011 09:26:00 +0000

Kate, kenshi australiana e buona amica, mi ha gentilmente permesso di pubblicare due suoi articoli recentemente apparsi su Kendo World. Avevamo discusso di kendo femminile quando ci eravamo incontrate ad Osaka l'anno scorso e ho cercato di offrirle qualche informazione per completare le sue ricerche.
I due articoli che pubblico di seguito riguardano un seminario femminile tenuto da Satoko Kanzaki (che in Italia ben conosciamo) in Australia e una bella, interessante panoramica sul kendo femminile giapponese. Li ho trovati entrambi molto illuminanti! Grazie, Kate!



Unmasking Japanese Women’s Kendo by Kate Sylvester

Thu, 01 Sep 2011 09:25:00 +0000

An embodied experience of aiki and the self reflexive enquiry into why I felt an overwhelming admiration for the Japanese Women’s Team at the 14th WKC in Brazil inspired me to undertake an honours paper researching the practices and culture of Japanese women’s kendo in Japan. Little is known about the practises and culture of Japanese women’s Kendo outside of Japan. This may be partly due to the shorter history of women’s participation in kendo, mostly with beginnings from the post-war period (Shinzato, 2010) and likewise the fact that men’s kendo has a much longer history with connection to Japans’ feudal past (Ozawa, 1997). Due to these reasons perhaps the present 8th dan kendo model is a reflection of traditional Japanese masculinity in the image of male samurai. As the model, this may explain the presence of male 8th dan sensei at international seminars and competitions. The overwhelming presence of men in kendo outside of Japan can erroneously give the impression that kendo is more suitable to men and that women’s kendo is insignificant and should be less prestigious.During my research period in Japan from April – November 2010, I discovered that Japanese women’s kendo is developing in a promising direction where participation and leadership opportunities are improving for women. In addition, these developments are greatly supported by men and the All Japan Kendo Federation. It seems that Japanese kendo is negotiating the ongoing task of promoting women’s kendo whilst preserving some traditional practises, practises which arguably may be perceived as patriarchal. Although the status of women is improving in Japan, the traditional structure of gender hierarchy which places men in in the public sphere and in leadership roles still persists in Japanese society (Sekiguchi, 2010; Spievogel, 2003; Manzenreiter 2008). As kendo is an activity connected to Japans’ traditional past, perhaps the status of women in kendo remains constrained by these traditional values more so than in other, more ‘modern’ sports. Due to the generosity and support of many Japanese male and female sensei in my research, I was able to physically experience the culture and practises of Japanese women’s kendo on many levels. I trained with women who were 7th dan sensei, police, national team members, students from university, high school, elementary schools and neighbourhood dojos. I attended and competed in women’s seminars, gasshukus and competitions. Through these opportunities I was able to see some examples of how opportunities for women are improving. Other improvements may be occurring but the following points are insights I directly experienced via interviews and observations whilst in Japan:• There are Female University Kendo Coaches (Nippon Taiiku Daigaku and Kanoya Taiiku Daigaku)• There are Female Police Kendo Instructors (Osaka Police)• There are Female Prefectural Team Coaches (Kyoto)• The All Japan Housewife Competition has been replaced by the All Japan Interprefectural Team Competition• There is a 65% increase of women achieving the highest rank of women, 7th dan (AJKF, 2010)• Female national team members have featured in articles and on the covers of Kendo Nippon and Kendo Jidai • Women’s kendo seminars are occurring more often and are led by female 7th dan sensei • There is a ratio of 2 female 7th dan sensei shimpan and 1 male 8th dan sensei shimpan umpiring at the All Japan Women’s Competition• Women are returning to kendo sooner after child birth (in some cases within 6 months)• The All Japan Women’s Championship competitor age range is 17 – 40 years of age. • Many male 7th and 8th dan sensei are unequivocally encouraging women at all levels to develop their kendoAs mentioned above there are many developments within Japanese women’s kendo occurring, yet kendo in Japan remains led and controlled by men. There are approximately 110,000 registered female kenshi in Japan, (AJKF, 2008) however very few women hold official teaching or leaders[...]



Connecting Oceanic Women - a new seminar on aiki

Thu, 01 Sep 2011 09:24:00 +0000

By Katie Marx,Kate SylvesterPhotos by David WengThe first half of 2011 has seen a new event in Antipodean Kendo – a seminar and taikai held exclusively for women. Over a hot weekend in February, women kendoka from across Australia and New Zealand came to Sydney to attend the inaugural Oceanic Womens’ Seminar and Taikai, presided over by two Japanese female sensei. Why was this event important? In part, it has much to do with certain numbers: There are a high number of women training in Japan, approximately 110, 000 are registered with the AJKF (AJKF, 2008), totalling 24% of all registered kenshi in Japan. However, there are very few women in executive and teaching positions. There are presently no 8th dan female senseis, and the traditional focus on hierarchy means that the international kendo community currently has only very limited access to female sensei as rolemodels outside of Japan. This may explain the following (2010 collected) statistics: In Australia 22% of registered kenshi are female, 15 % of dan holders are female. This ratio is not unique, statistics from Canada (17%, 13%) and Italy (16%, 11%) are similar. Although kendo in general is equally encouraged to men and women outside of Japan, the style of kendo that is practised can be problematic. Kendo styles outside of Japan often over-emphasise physical strength, a fact that can marginalise and discourage women from long term involvement in kendo. In addition, many women have responded to this power-centric model by shaping their kendo to an oji waza style of kendo, which can in turn also influence a counter attacking, passive aggressive style, rather than an shikake waza (assertive, creative) style. In Japan a balanced style of kendo is practiced by women which can reflect physical aggression (not mistaken for the over use of power), assertion, precision, timing, intuition and use of aiki and skill. The above points present a good argument for the necessity for female sensei to teach seminars and provide a source of inspiration and support for non-Japanese female kenshi. Participants were enormously lucky to benefit from the teachings of two highly respected senseis from Japan, Kanzaki Satoko Sensei, Kendo Kyoshi 7 Dan and Abe Tokiko Sensei, Kendo 6 Dan. Kanzaki Sensei dan and Abe Sensei dan are both graduates from the famous Tsukuba University. Kanzaki Sensei’s husband (Mr Kanzaki Sensei) is the well known 8 Dan sensei instructing Kendo at Osaka Taiiku Daigaku and was the 2009 WKC All Japan Women’s Team Coach. Both female senseis brought experience, humour and huge passion to the seminar. In teaching, they focused on the concept of aiki – connection. This focus was apparent right from the beginning of day one, with Abe-sensei leading paired warm exercises that simultaneously prepared the body and spirit. In working with a partner, and connecting with a partner, even in warm ups, participants were able to understand the importance of aiki when it comes to improving one’s kendo. The potential for improvement through an aiki focus was driven home when participants put on full bogu and engaged in waza practise. From connection, a kendoka can develop timing. With timing comes a precision and effectiveness that strength and power cannot achieve. Many women kenshi lack physical strength or power. Many others (male and female alike) will find their physical powers diminishing as they age. In this sense, a focus on aiki and timing is crucial for any kenshi with long-term aims in kendo. The seminar was punctuated by an Australia vs New Zealand team shiai. Although - for 2011 at least Australia proved the victors, both teams played with an intensity and sense of connection that did the seminar’s teachings credit. A kyu-grade specific taikai followed, the importance of which is again is again demonstrated in statistics: 22% of registered Australian kenshi are women, but when we narrow the pool to dan-holders, women have only 15% representation. This suggests that women experience a higher rat[...]



Donna Nanadan

Mon, 27 Jun 2011 10:56:00 +0000

In Giappone saranno una cinquantina – sempre defilate, anche se note e riconosciute. Hanno un kendo impeccabile ed un’eleganza altera, che i nadadan uomini non hanno. Certo, le donne nanadan giapponesi sanno di essere il punto piu’ alto dell’evoluzione loro consentita: finche’ qualcuno (uomo) non avra’ preso una posizione precisa sulla possibilita’ che mai una donna possa diventare hachidan, sono il capolinea dell’eccellenza. Non lo dicono, certo, ma lo fanno capire: questa cosa non sta loro bene. Poche hanno gia’ provato l’esame, ma credo piu’ come manifesto, che con la vera confidenza di poter passare – non tanto per un fatto tecnico, quanto proprio per una questione “filosofica”. Il dibattito fra i maestri (uomini) non pare davvero acceso: una donna hachidan, in Giappone, non e’ proprio una priorita’.
Debbo dire che quando sento parlare di questi dubbi, sulla effettiva possibilita’per una donna di arrivare mai all’ottavo, mi vengono in mente i concilii in cui si decideva se le donne avessero un’anima – o se Cristo avesse stabilito che i preti dovessero essere tutti maschi, dal momento che fra gli Apostoli c’erano solo uomini. Tutte solenni idiozie, dico io, ma notoriamente non sono una donna di fede. Ho chiesto parecchie volte ai miei maestri (uomini) quale fosse la posizione (ovviamente non ufficiale) sull’argomento: la spiegazione piu’articolata che ho ricevuto e’ stata la seguente:
Le donne, invecchiando, perdono la forza fisica che e’ necessaria, assieme alla tecnica, per esprimere un Kendo da ottavo dan.
Le donne giapponesi, mi sono detta io, che sono piccine leggerine magroline, forse invecchiando diventeranno ancora piu’ soavi. In verita’ conosco eccellenti picchiatrici che stento a vedere fragili e canute intorno ai 50 anni. Quindi, no, non me la bevo.

E in Europa? Certamente non parliamo di hachidan, visto che qui di uomini hachidan non ce ne sono. Ma nemmeno donne nanadan, ed e’ di questo che vorrei parlare.
Di donne rokudan con la necessaria anzianita’ ce ne sono. So per certo, perche’ l’ ho vista provare l’esame con questi occhi in quel di Kyoto, che almeno una ci ha pensato. Ma le altre che avrebbero gia’ da tempo potuto affrontare la prova, hanno esitato ed esitano tuttora. Una esposizione troppo pesante? O forse la disabitudine all’esame, dopo 6 anni di quieto vivere (aggiungo io, nei casi a me noti, 16 anni e piu’di quieto vivere!)? Quale strana timidezza prende le donne europee quando si tratta di provare l’ultimo esame che ci separa dalle kenshi giapponesi?
Fallire un esame non diverte nessuno. Ma per la mia personale esperienza, avendo passato al primo colpo tutti gli esami fino al quinto ed avendo impegato un anno e mezzo invece per passare rokudan, poche cose mi hanno insegnato tanto quanto un esame andato male. Sono profondamente convinta che il mio kendo sia cambiato radicalmente fra il mio primo tentativo fallito e l’ultimo andato a buon fine: una occasione straordinaria di accelerare la crescita, con il riscontro diretto nell’esame. Quindi, a parte il costo dell’esame, che penso non freni poi nessuno, se veramente motivato, perche’ aspettare? Lo stato di grazia in cui ci si sente pronti per l’esame credo sia un’utopia – non credo di essermi mai sentita pronta, anche tutte le volte che ho provato e ho avuto successo. Ma su questo approccio, so che le opinioni e i sentimenti sono discordanti, e’ sicuramente un fatto personale che viene affrontato da ciascuno in modo unico. Ma per il caso delle donne (potenziali) nanadan io credo che ci debba essere una motivazione in piu’. E’ora di abbattere un altro soffitto di vetro, non tanto per poche, quanto per tutte le donne del kendo europeo. Chiamatemi idealista, ma penso che questo sia il compito delle rokudan che vorranno cimentarsi con l’esame: e mi pare un bel motivo in piu’ per mandare al diavolo la timidezza.



Viaggiando viaggiando

Fri, 10 Dec 2010 17:38:00 +0000

(image)
(image)

Da ottobre ad oggi avrò dormito sì e no sei notti nel mio letto olandese - quindi mantenere i ritmi della pratica che mi sono usuali è stato impossibile. Ma ho potuto assistere al torneo dei dojo che mensilmente si svolge a Varsavia (grazie mille ad Anna Betley che mi ha dato tutte le indicazioni) e fare keiko a Sao Paulo con la mia amica Maria, conosciuta nel lontano 2005 a Kitamoto: un dojo che è un pezzettino della prefettura di Mie trasportato nel cuore del Brasile. I genitori di Maria sono stati i suoi primi insegnanti e praticano ancora - la mamma ha uno spirito ammirevole, il padre si occupa dei principianti - tanti bambini! Grazie Anna! Grazie Maria!

(image)
(image)
(image)



From Sato Kumi!

Wed, 27 Oct 2010 07:24:00 +0000

Ladies seminar in Malmö, Sweden, 19-21 November 2010!

The kendo group at GAK Enighet Sportcenter invites together with Kumi Sato, 6 dan, coach for the Swedish national kendo team, all kendo ladies to a seminar in Malmö. The seminar is open to all kendo ladies who are at least 14 years of age regardless of grade or e...xperience.

Preliminary program:
Friday November 19th 18.00- 20.00 jigeiko (open session together with local male kendoka)
Saturday November 20 th 09.30-12.00 and 14.00 - 16.30 practice
Sunday November 21 st 10.30 – 13.00 practice

Location: Enighet sportcenter, Fagerstagatan 1, 214 44 Malmö, Sweden. Phone +46-40-192260 +46-40-192260 .
www.enighet.se

Fee: 300 SEK including lunch Saturday (Please state allergies or other concerns in your registration.)
Please pay into account: BIC: SWEDSES, IBAN: SE9580000821499131674153 on November 8th at the latest, holder of the account is Kristina Persson

Dinner at a restaurant Saturday night will cost 130 SEK. Please pay together with the fee for the seminar. Please state allergies or other concerns in your registration.

Accommodation: We are unfortunately unable to offer free accommodation. By booking through us you can get a bed at a hostel for 130 SEK per night (excluding sheets and breakfast). Book by contacting Karolina at the latest on November 5th. Please pay together with the fee.
There are many hotels and hostels in Malmö that can be checked out and booked at www.malmotown.com/sv/accommodation.

Registration: Register by sending an email to Kristina Persson email: kempersson at yahoo dot se.
We need to know name, age and grade.

Questions? : Kristina Persson kempersson at yahoo dot se or phone: +46-70-2009181 +46-70-2009181
Karolina Göransson karolinagoransson at gmail dot com or phone: +46-70-5851147 +46-70-5851147

Welcome to Malmö!



From Matsuda Kazuyo!

Wed, 27 Oct 2010 07:21:00 +0000

Ladies Kendo Weekend UK May 2011

Dear 5th and 6th dan ladies Kendoka,

I would like to invite you all to the below seminar to be held in the UK 2011. The guest teacher is Ms Christiane David, from Fontaney France. I have spoken to some of you already about the seminar earlier this year and I am pleased to confirm the details in this invitation. I would really hope that the weekend will be good to all, especially for the 'high graded' female colleagues as rare opportunity to practice each other. I have invited all 5th and 6th dan ladies within Europe.
The seminar is open to all female kendoka 15 years old and above, from all European countries. Its aim is to develop female Kendo to its summit! Please come along if you could, I would be most grateful.

Ladies seminar in UK 2011

Date
28/29 May 2011

Guest teacher
Christiane David 6th dan Renshi

Venue
Kodokan Kendo Club
Princess Marina Sports Complex
The Royal Masonic School for Girls
Chorleywood Road
Rickmansworth
Herts WD3 4HF
http://www.facebook.com/l/d8ce70wX1jrPTZw45zpUq3WjGBw;www.kodokankendo.org.uk

Schedule
28 Sat May 10am - 5pm
29 Sun May 10am - 12noon
(Kodokan regular practice takes place 27 Fri May 7 - 8:30pm if you wish to come along. £5 for visitor)

Fees
£25 Sat
£5 Sun

Accommodation
The Royal Masonic School for Girls accommodation, including breakfast and lunch (TBC)

Saturday Dinner
Saturday dinner at nearby restaurant

Website
under construction - application form will be available soon


For any queries please just contact me. I look forward to seeing you in May next year!


All the best,
Kazuyo Matsuda
Kodokan Kendo Club Instructor



Dell’agonia del kendo femminile italiano

Thu, 07 Oct 2010 20:22:00 +0000

“E il poverin, che non se n’era accorto,ancora combatteva ed era morto”Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, Atto IV°, cap. XVII.Come un amico mi ha fatto notare, e' da un po' che non faccio molto sul blog delle Donne del Kendo. Dopo Atene, infatti, il piatto piange. Purtroppo ho appena saputo che il seminario di Sato Rie che si tiene da dieci anni a Witten e' stato cancellato, a causa di motivi di salute della maestra Sato (che ha comunque promesso di tornare non appena si sara' ristabilita, portandosi Horibe sensei come aiutante di lusso). Ancora mi mordo le mani per non essere potuta andare al seminario del maestro Sumi a Rickmansworth: Fujita sensei, il mio modello, un kendo femminile da sogno, era presente ed ha tenuto il seminario per le ragazze (e non solo) - mi piange il cuore al solo pensiero. Quindi in un momento di horror vacui, mi dedico a considerazioni sul kendo femminile in generale.Kate Sylvester, che collabora con Kendo World, membro della squadra femminile australiana, mi ha chiesto tempo fa qualche dato sulla pratica delle donne in Europa. Ho recuperato i numeri del kendo Italiano, Olandese e Greco, tanto per stare su campi che ben conosco.I risultati sono stati agghiaccianti - non tanto per l'Italia, quanto per tutte e tre le nazioni, ben diverse per storia e contesto. Se le donne sono una percentuale fra il 14 e il 20 per cento della popolazione praticante (e gia' questo la dice lunga sulla accoglienza del mondo del Kendo verso le donne), le yudansha sono fra il 3 e 5 per cento delle praticanti, quando fra gli uomini la percentuale sul totale si attesta fra il 27 e 45 per cento. Non solo poche, ma anche di qualita' bassina.La ricerca e' stata fatta in modo brutale, sui numeri puri, senza poter verificare la suddivisione in fasce di eta' e volutamente senza considerare storie individuali (anche se posso dire di poter conoscere buona parte di queste...e alcuni nomi sono ancora nelle liste per fedeltà, più che per convinzione). Secondo me ci sarebbe di che pensare.Quello che comunque fa riflettere e' la situazione delle yudansha italiane - basta contare sul sito CIK. Al tempo della mia verifica le donne erano 227, le yudansha 73, su un totale di 1415 iscritti CIK per il kendo.Suddivise le yudansha per grado, la situazione e' di facile interpretazione:Rokudan: 3Godan: 6Yondan: 8Sandan: 14Nidan: 22Shodan: 20Quello che preoccupa sono i numeri ridicoli dei gradi bassi – l’estinzione comincia così, con la bassa natalità. Non ci vuole una specializzazione in biologia per capire che stiamo diventando una razza da proteggere.E quindi? A questo punto si potrebbero cercare delle responsabilità, in perfetta vena italiana. La colpa è delle donne del kendo? E quando mai hanno avuto voce in capitolo sulle politiche espansive della CIK? La colpa è della Commissione Tecnica? Ma se si occupa della Nazionale, già riesce a fare tanto – e comunque la Nazionale pagherà questa situazione giusto il giorno dopo i Mondiali di Novara, per raggiunti limiti di età. E’ colpa sicuramente della Società, allora: nel Paese delle Veline, se non puoi essere certa di non rovinarti la lacca delle unghie, sei nessuno, forse?E se fosse colpa delle società, quelle con la lettera minuscola, dei dojo? Qualcuno si è mai preoccupato di capire perché alcuni dojo sono più al femminile di altri? Perché clubs che avevano stupendi gruppi di praticanti femminili hanno dilapidato il patrimonio nel giro di poche stagioni? Io non ho risposte certe da proporre, anche se posso avere delle opinioni, a cui sono intitolati tutti – certamente mi piacerebbe vedere che le domande sono almeno prese in considerazione e che qualcosa di concreto sia allo studio e all’attuazione. Le quote rosa, nel Kendo, esistono già, in un certo senso. Speriamo solo di riuscire a raggiungerle in un futuro non troppo lontano.PS: questo post è una provoc[...]



Athens Taikai 2010

Tue, 01 Jun 2010 14:01:00 +0000

Un nuovo torneo, una bella manifestazione, organizzata con mano ferma da Antigone Tsintza e dal suo neonato Athens Club! Premi da grande richiamo - una settimana premio a Santorini... e i nostri ragazzi (e ragazze) non si sono fatti pregare! La partecipazione (anche escludendo le presenze straniere) e' stata piu' alta che ai Campionati Nazionali, essendo la formula completamente Open: dal sesto kyu fino al campione d'Europa, tutti insieme appassionatamente!Il kendo greco si sta sviluppando, non e' facile fare grandi numeri con 8 dojo sull'intero territorio ellenico, ma questo torneo ha dimostrato che in Europa la voglia di kendo e' tanta e che, se le cose si sanno organizzare, la risposta non manca! L'Athens Club ha corso il rischio di organizzare un evento nuovo come il Taikai, ma ha invitato 8 arbitri internazionali, si e' assicurato una palestra splendida (ottimo parquet e ottima climatizzazione!) e ha completato il quadro con tanta ospitalita' greca: non potevano fallire. Il Sayonara Party e' stato memorabile, sia per le performance danzerecce, sia per la frantumazione di piatti e bicchieri in perfetta vena tradizionale ellenica. OPA!I risultati sono stati ottimi per i partecipanti italiani e si spera che l'anno prossimo questo successo attiri altre squadre da tutta Europa! Il circuito dei "tornei privati", che include, tanto per citare qualche nome, la Tengu Cup di Francoforte, la London Cup, l'Open de France a Parigi, la Nakakura Cup a Bruxelles, il Campionato Open Femminile di Poznan e il Trofeo Internazionale Citta' di Alessandria - tanto per usare la nuova denominazione della ex-Coppa Italia - sta diventando sempre piu' interessante ed attrae numeri sempre piu' imponenti di partecipanti. Si tratta quasi di un Campionato parallelo che permette ai kenshi delle varie Nazionali di misurarsi ai piu' alti livelli nel corso dell'anno. Una bella occasione per conoscere nuovi amici e per sviluppare il kendo europeo![...]




Tue, 01 Jun 2010 14:00:00 +0000

(image)
(image)
(image)
(image)
(image)



In Giappone

Tue, 01 Jun 2010 13:39:00 +0000

(image)
(image)
Terzo Kyoto Taikai: uno perso, uno vinto, uno pareggiato. Il bilancio andra' rifinito l'anno prossimo! Mi reputo fortunatissima per essere riuscita a strappare una settimana anche quest'anno, con il nuovo lavoro appena iniziato, ma sono riuscita a godermi la consueta festa del kendo nella Golden Week di Kyoto, a incontrare i miei amici e maestri e a passare qualche giorno alla Osaka University of Health and Sport Sciences, con gli splendidi studenti dei maestri Sakudo e Kanzaki. Ho fatto allenamento tutti i giorni (alcuni giorni persino due o tre volte nel corso della giornata!), ho gustato la bella primavera del Kansai, sono riuscita ad evitare l'overweight all'aeroporto... che cosa potevo chiedere di piu'?
(image)
(image)
(image)




Tue, 01 Jun 2010 12:40:00 +0000

(image)
(image)
(image)
(image)
(image)




Tue, 01 Jun 2010 12:39:00 +0000

(image)
(image)
(image)
(image)
(image)



Poznan 2010!!!

Mon, 19 Apr 2010 08:27:00 +0000

(image)
Ed ecco che si ricomincia! Ragazze, non perdetevi l' unico vero torneo femminile d'Europa! Le date sono state pubblicate - ci si vede a Poznan!

7th International Ladies Kendo Championship of Poland
25th - 27th June 2010, Poznan


Programme...

Friday, 25.06
16:00 - 18:00 Arrival and registration of contestants
18:00 - 20:00 Keiko (Godogeiko)

Saturday, 26.06
9:00 - 10:00 Preparation
10:00 - 11:00 Shinai check
Tournament (duration depends on the number of contestants...)
After the tournament the traditional Sayonara Party

Sunday, 27.06
9:00 - 11:00 Keiko
11:00 - 12:00 Godogeiko
12:00 Scheduled end, departure of the contestants

Fees...
Fee covers breakfast, lunch, accommodation and sayonara party
Contestants - 60PLN
Others - 50PLN
This year, all fees must be paid in Polish Zloty(PLN).

Contact...
All questions concerning the championship are to be addressed to information@kendo-tournament.pl.

http://www.kendo-tournament.pl/index.php?lang=en



Debrecen 2010

Tue, 13 Apr 2010 18:00:00 +0000

Aahh, quanto è bello tornare a casa quando si è combinato tanto di buono! Sul fronte femminile, la nostra Angela (e con lei un'altra donna, Sato Kumi, dalla Svezia) è diventata sesto dan - a dimostrare che le Donne del Kendo crescono e fanno sul serio - così in Italia siamo tre (e qualcun altra dovrebbe impegnarsi e aggiungersi!!!). Alex si è fermata ai quarti, ma tutti si sono accorti che c'era una ragazza nuova in circolazione... e finalmente una donna ha arbitrato una finale femminile - e ci voleva proprio, visto che ci fanno partecipare in tre al Club Arbitrale Europeo, ma non si sa mai perchè per lo più siamo separate su shiajo diversi, come se avessimo sempre bisogno di un padrino, di un tutore o di un guardiano... o se in terna insieme facessimo paura... chissà!Anche se questo è il blog delle Donne, non posso non parlare di uomini - nel bene e nel male.Fabrizio è stato maiuscolo - e devo dire che io ci contavo proprio. Dopo averlo visto in azione a San Paolo, mi aspettavo che raggiungesse queste vette di nuovo (dopo un riposino ai Campionati Italiani...). Come ho già scritto in passato, quando Fabrizio inserisce la sua marcia ungherese, non ce n'è più per nessuno. Bravo, e basta. Avrei voluto vedere la squadra vincere, perchè siamo a tanto così da prenderci un titolo che ci sfugge da sempre. E come al solito, perdere dai Francesi, fa sempre un po' più male. Ed è stato un po' bizzarro vedere i miei ragazzi Italiani battere i miei ragazzi Olandesi - nella semifinale, peccato, sarebbe stato meglio un passo più in alto!Dicevo uomini nel bene e nel male: come arbitro ho dovuto assistere ad un episodio di pura violenza - ci sono comportamenti che vanno oltre l'aggressività agonistica, ma invece parlano di cattiveria pura e semplice. Se ci si comporta in un certo modo nello shiajo, non si è un cattivo kenshi, si è una cattiva persona. Ed è stato ancora più scioccante vedere un membro della squadra francese comportarsi da picchiatore, invece dello sprovveduto partecipante, catapultato da chissà quale lontana nuova federazione. Male, molto male - se queste persone non vengono eliminate dalla pratica quotidiana ed approdano a un Campionato Europeo, vuol dire che qualcuno in posti federali importanti ha proprio perso di vista il significato di quello che facciamo con tanti sacrifici. Meditate, gente, meditate.La combriccola degli arbitri ha avuto quest'anno una grande occasione di socializzazione. Tutti all'hotel Postas, abbiamo avuto modo, sera dopo sera, di stare insieme, di bere una birra e di parlare: e anche di ridere, tanto. Siamo partiti sicuramente un po' più amici di come eravamo arrivati. E pure questo è kendo. E se dovessi fare una classifica dei migliori ballerini... Primo Labru, Secondo Humm e Terzo Salmon (premio Simpatia), senza esitazione![...]



Giovane fighting spirit!

Tue, 13 Apr 2010 17:00:00 +0000

(image)
E un post in esclusiva lo merita il nostro Moretti in versione junior (nella foto è quello con tanti capelli), che è arrivato terzo nella competizione individuale per under 18. Bravo Andrea!
Sempre junior, i due Fighting Spirits olandesi: Sayo e Ran! In particolare Sayo si è distinta in un campionato prevalentemente maschile! L'anno prossimo la squadra femminile olandese avrà una chance in più!

(image)



E poi il Sayonara Party...

Tue, 13 Apr 2010 16:00:00 +0000

Una bellissima serata, liberatoria come al solito! e tutti in splendida forma!
Bella festa, bravi ungheresi!

(image)
(image)
(image)
(image)
(image)




Tue, 13 Apr 2010 15:00:00 +0000

(image)
(image)
(image)
(image)
(image)



Grazie Dido

Tue, 13 Apr 2010 13:43:00 +0000

(image)
(image)
Un ringraziamento tutto speciale per Dido Demski, con la quale ho diviso la stanza e anche molti commenti - dallo sportivo al personale. Una grande amica.



Jolanda

Tue, 30 Mar 2010 13:46:00 +0000

(image)
Per tutti coloro che conoscono Jolanda Dekker (campionessa europea, capitano della Nazionale olandese, arbitro europeo, nonche' prima donna europea a diventare sesto dan e a provare l' esame di settimo), purtroppo non e' un bel momento. Jolanda e' stata vittima di una emorragia cerebrale che le sta causando seri problemi. Suo marito, Louis Vitalis, invita tutti a inviarle un biglietto di auguri (per il momento visite e telefonate sono fuori discussione, anche per noi che apparteniamo allo stesso dojo) all' ospedale in cui e' ricoverata. Jolanda apprezzera' certo il vostro supporto e il vostro affetto.
L' indirizzo e' :

OLVG

Oosterpark 9

1090 HM Amsterdam

The Netherlands

Afdeling A7 Neurologie K1

Att. Jolanda Vitalis Dekker



L'insopportabile prevalenza del kendo molesto

Sun, 14 Mar 2010 00:28:00 +0000

Sono stata molto orgogliosa del Kendo femminile a Novara. La finale, solo per citare il punto sommo della competizione, è stata molto bella. L'arte del debana kote, che sembrava perduta, sommersa da mazzate casuali o da traiettorie ricurve, si è dimostrata più viva che mai, grazie a Serena (e ad Angela). Una finale bella da vedere e bella da arbitrare. Ma a parte le eccellenze (stiamo parlando della finale), il Kendo femminile si è dimostrato ancora una volta immune da quello che sembra essere un malessere in via di espansione: il kendo molesto.
Per kendo molesto intendo il kendo dilatorio e pavido, fatto di mossette e di tsubazeriai cercati da kamae, senza nemmeno fare la finta di tirare un colpo valido - il kendo fatto di uno che scappa e l'altro che insegue, il kendo "furbetto", di chi cerca di evitare l'hansoku o il wakare mettendo su una specie di ballo di San Vito in giro per lo shiai-jo. Purtroppo, il kendo molesto sembra "pagare" - e si sta diffondendo dai kyusha agli yudansha. Di kendo molesto se ne è visto tanto, troppo, a Novara. Tutto maschile, deve essere detto. Si è dovuto aspettare gli ultimi incontri per vedere un atteggiamento più aperto, tattico, certamente non imprudente, ma sicuramente aggressivo. Arbitrare per due giorni certi capolavori di acrobazia difensiva non è stato divertente. Un bell'ippon arrivava come aria fresca, dopo tanti balletti.
Le Donne del Kendo italiano sembrano ancora immuni dal kendo molesto - speriamo che questo "sviluppo" tecnico non debba arrivare mai...



Storia del kendo femminile italiano

Sun, 14 Mar 2010 00:21:00 +0000

(image)
A Novara era presente - in una veste decisamente insolita per come la conoscevo - Anna Passarella. Anna ha partecipato (con Patriza Adosini e Maria Grazia Passarella) ai Campionati Europei tenuti ad Amsterdam nel 1989 - i primi ai quali abbia mai assistito, ma anche i primi che vedevano una presenza femminile, solo a livello individuale.
Anna è stata una delle grandi dame del kendo femminile italiano - è giusto ricordarlo, visto che l'amnesia sembra essere un male diffuso fra le nostre file. Le "Due Passerelle" erano un punto di riferimento quando ho cominciato a praticare Kendo e a fare shiai - è giusto che le nuove generazioni sappiano di chi sono eredi!



Campionati Italiani 2010

Sun, 14 Mar 2010 00:05:00 +0000

Si potrebbe non parlare per niente di questo Campionato 2010 dal punto di vista tecnico - si potrebbe invece commentare che siamo proprio belle...
(image)
(image)
(image)
(image)




Sun, 14 Mar 2010 00:04:00 +0000

(image)
(image)
(image)
(image)
(image)




Sun, 14 Mar 2010 00:01:00 +0000

(image)
(image)
(image)
(image)
(image)